venerdì 30 ottobre 2020 - Aggiornato alle 18:57
adraporte
StabiaChannel.it
adraporte
Cultura & Spettacolo

Castellammare - Dopo 23 anni di buio i reperti di Stabiae rivedono la luce


Restituita al pubblico la collezione museale allestita nel 1959.

pavidas

Due date e 61 anni di distanza: 4 luglio 1959 e 24 settembre 2020: viene restituita al pubblico la collezione museale allestita nel 1959 e immaginata da Libero D’Orsi (1888-1977) e dal Comitato per gli Scavi di Stabia, d’intesa con l’allora Soprintendenza alle antichità della Campania. Due date che simbolicamente segnano il riconoscimento del lavoro e dell’opera di uno straordinario esempio di civismo che ancora oggi produce frutti, come lo splendido Museo archeologico di Stabiae “Libero D’Orsi” riallestito nel Palazzo reale di Quisisana a Castellammare di Stabia.

Un lungo percorso, segnato anche dalla chiusura al pubblico per 23 lunghissimi anni della collezione conservata nell’Antiquarium stabiano allestito da D’Orsi nei sotterranei della scuola media di cui era stato preside. Ora, dopo aver vagato per il mondo, gli affreschi stabiani trovano finalmente casa. Una dimora preziosa, inserite in un ambiente naturale di pregio come i boschi di Quisisana e il massiccio del monte Faito, che aspetta solo di essere pienamente valorizzata.

«Il “Comitato per gli Scavi di Stabia fondato nel 1950” ringrazia il ministro Dario Franceschini per aver voluto ricordare “il professore Libero D'orsi, uomo di grande senso civico cui è intitolato questo bellissimo museo”. Assieme a lui, ringraziamo Massimo Osanna, vero amico di Stabiae, senza il quale stamattina non avremmo festeggiato il museo: sin dal suo arrivo a Pompei ha lavorato per raggiungere questo obiettivo.


Un grazie sincero all’impegno generoso di Francesco Muscolino, funzionario responsabile dell’area archeologica di Stabia (che lascia Castellammare per andare a dirigere il Museo archeologico nazionale di Cagliari), che ha costruito con pazienza il percorso assieme a tutto l’eccezionale personale dell’ufficio scavi di Stabiae che, come noi, attendeva da decenni questa giornata. Un grazie infine al Sig. Sindaco di Castellammare di Stabia, Gaetano Cimmino, il “padrone di casa”, che sin dalla sua elezione ha compiuto, con operoso silenzio, atti concreti e gesti efficaci –assieme all’intera macchina comunale e in continuità con alcuni suoi predecessori – perché si avverasse il sogno di Libero D’Orsi: un museo di Stabiae in una sede prestigiosa. Un sogno al quale hanno lavorato in 70 anni, sin dal 1950, i tanti soci del Comitato, a cominciare dai presidenti Aldo Paternò prima e Antonio Carosella poi: a loro il nostro grazie. Ora, a noi tutti la responsabilità di far vivere e far conoscere il museo, a partire dai tanti ragazzi e ragazze che ignorano le preziose testimonianze della Stabiae archeologica. Questo museo nasce innanzitutto per le cittadine e i cittadini stabiani ed è pronto ad accogliere visitatrici e visitatori da tutto il mondo».


foto Castellammare - Dopo 23 anni di buio i reperti di Stabiae rivedono la luce

video Castellammare - Inaugurato il Museo Archeologico di Stabiae Libero d'Orsi

video Castellammare - Museo Libero D'Orsi, Osanna:


Castellammare - Dopo 23 anni di buio i reperti di Stabiae rivedono la luce

venerdì 25 settembre 2020 - 08:38 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Cultura & Spettacolo

Castellammare - La troupe di RaiTre a Stabiae e sui boschi del Faito.

Pompei - Il 13 novembre non ci sarà la tradizionale Discesa del Quadro a causa del Covid

Pompei - Scavi, la conceria: dal restauro alla valorizzazione

Simone Schettino positivo al Covid-19, annullato il suo spettacolo

Torre Annunziata - Terminata l’installazione dei mosaici in pixel art nei luoghi pubblici della città

Cecilia Stetskiv, un talento naturalizzato a Castellammare di Stabia, si racconta a Stabia Channel

Boscoreale - A villa Regina visite narrate in occasione delle aperture serali del sito archeologico

Castellammare - Dagli USA alla città delle acque, Cimmino: «Riportiamo a casa il Doriforo, autentica perla del nostro territorio»

Capitale italiana cultura 2022, selezione progetti finalisti slitta al 16 novembre



Sponsor
CIL
dg informatica adra bcp poldino auto somma somma point Rionero Caffè Futura Costruzioni srl ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna auto somma somma point Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO

StabiaChannel.it
StabiaChannel TV

I PIÚ VISTI DELLA SETTIMANA