Cronaca
shareCONDIVIDI

Castellammare - Ancora nichel nell'acqua della Madonna anche dopo i lavori

L'ipotesi del team di lavoro: qualcuno inquina le falde acquifere.

tempo di lettura: 1 min
di Simone Rocco
04/05/2021 10:19:23

Immagine di repertorio non associata alla notizia

Valori di nichel ancora oltre la norma nell’acqua della Madonna. E’ quanto riscontrano le analisi condotte dall’Arpac su un campione di acqua prelevato dalle fonti di via Duilio al completamento dei lavori di sostituzione delle tubature delle sorgenti. A questo punto, stando a quanto riporta oggi il quotidiano Metropolis, l’ipotesi avanzata dagli esperti è che ci sia qualche sversamento abusivo che inquina le falde acquifere. Se confermato, si tratterebbe di un vero e proprio reato ambientale che va scoperto e punito, anche perché a rischio c’è la salute di tantissimi cittadini che quotidianamente andavano a prelevare l’acqua dalle fonti stabiesi.

Le sorgenti, lo ricordiamo, sono ormai chiuse da circa 2 mesi tra le proteste dei cittadini che si vedono privati delle ormai uniche due fonti disponibili a Castellammare di Stabia su un patrimonio termale che vede 28 acque minerali finire in mare desolatamente. Ma come si spiega che alcune analisi condotte da privati non abbiano rilevato questi valori allarmanti di nichel nell’acqua? Secondo il team di lavoro composto dai tecnici comunali, ASL e Arpac, ad inquinare le acque potrebbe essere una officina abusiva che sversa di tanto in tanto veleni nel terreno e che questi finiscano poi per confluire nelle condotte delle acque minerali. Sversamenti che non avverrebbero costantemente, quindi, e per questo potrebbe capitare che analizzando le acque in momenti differenti non sempre i valori del nichel sarebbero oltre la norma.

E su questo fronte che si muoveranno ora congiuntamente tecnici e forze dell’ordine, mentre dal Comune confermano che le fonti rimarranno chiuse fino a quando non si avrà l’assoluta certezza che le acque non siano dannose alla salute dei cittadini.

Video
play button

Castellammare - Affreschi trafugati restituiti al Parco Archeologico di Pompei. Tre alla Reggia

La riconsegna è avvenuta nel Museo Archeologico Libero D’Orsi. Gli interventi di Massimo OSANNA Direttore Generale dei Musei del Ministero della Cultura, Gabriel ZUCHTRIEGEL Direttore Generale del Parco Archeologico di Pompei, del Generale di Brigata Roberto RICCARDI, di Laura PEDIO, Procuratore Aggiunto della Repubblica presso il Tribunale di Milano e del sindaco Gaetano CIMMINO.

18 min fa
share
play button

Dialogo sui 24 CFU abilitanti all'insegnamento con il Giudicante messinese virtualmente competente

10 ore fa
share
play button

Juve Stabia - Verso il playoff col Palermo, le parole di mister Padalino

17/05/2021
share
play button

Castellammare - Legambiente e Forum dei Giovani ripuliscono l'arenile

16/05/2021
share
Tutti i video >
Cronaca







Mostra altre


keyboard_arrow_upTORNA SU
Seguici