Napoli Calcio
shareCONDIVIDI

Napoli-Juventus 1-0. Stoico Napoli: affondata la Juventus, decide Insigne su rigore

Nel finale azzurri in 10 per l'infortunio di Lozano, con gli slot per le sostituzioni già esauriti

tempo di lettura: 5 min
di Giovanni Minieri
13/02/2021 20:37:53

Foto: Ssc Napoli

Grande prova di forza del Napoli, che si mette alle spalle una serie negativa di 3 gare senza vittorie in tutte le competizioni, e conquista l’intera posta in palio superando di misura gli acerrimi rivali della Juventus. Una vittoria voluta con le unghie e con i denti, nonostante le tante defezioni. Già con la linea difensiva ridotta ai minimi termini, nel riscaldamento si fa male anche Ospina costretto a dare forfait lasciando in extremis spazio a Meret. La rete decisiva porta la firma dell’uomo più atteso: Lorenzo Insigne. Il capitano si presenta nuovamente dal dischetto dopo l’errore in Supercoppa, e stavolta con freddezza trova l’incrocio alla destra di Szczesny con tanto di dedica alla moglie Jenny per San Valentino. Partenopei stoici in pieno recupero, quando gli uomini di Gattuso giocano praticamente in 10 per l’infortunio muscolare occorso a Lozano con i 3 spot per le sostituzioni già utilizzati. Festeggia Gattuso, che torna così in piena zona Champions.

In avvio di gara Rabiot incorna tutto solo su corner a uscire, ma la sfera termina lontano dallo specchio della porta. Meret blocca in presa bassa su una conclusione di Cristiano Ronaldo dai 30 metri, quindi Rrahmani ci mette una pezza andando a chiudere in maniera provvidenziale su Morata già pronto alla deviazione vincente. Al 14’ Lozano attacca e supera agevolmente De Ligt, palla dietro per Insigne che anticipa anche Politano ma calcia alle stelle. Poco dopo ci prova Politano con un mancino velenoso che trova il muro della retroguardia bianconera. Al 28’ l’episodio che decide la gara. Lozano viene steso da Cuadrado, ed il Napoli si guadagna un calcio di punizione da 45 metri spostata sulla sinistra. Si incarica della battuta capitan Insigne, a centro area una manata di Chiellini su Rrahmani non viene ravvisata da Doveri, ma ci pensa il VAR a richiamare il direttore di gara che non può esimersi dal decretare la massima punizione. Dagli 11 metri si presenta Insigne: gran destro nel sette e dedica speciale alla moglie in occasione della festa di San Valentino. Ancora Napoli: Politano va da Zielinski, tacco per Insigne e sfera che sfiora l’incrocio dei pali. Al 38’ Insigne manda al bar uno spaesato De Ligt, si prepara per il destro a incrociare ma c’è Chiellini ad allungare il piede per dire di no. Lozano vede il taglio centrale di Zielinski, ma sul controllo a seguire del centrocampista polacco c’è ancora Chiellini a limitare i danni. La Juventus si fa vedere con un destro velleitario di Chiesa. Lozano è un fulmine, e va a prendere un prezioso calcio di punizione anticipando Cuadrado sul passaggio azzardato di Szczesny. Insigne prende il pallone tra le mani, calcia di potenza e trova l’opposizione in due tempi del portiere juventino. Nel finale c’è spazio per Cristiano Ronaldo, che su calcio piazzato sorvola la barriera ma non trova la porta.

All’uscita dagli spogliatoi subito grande occasione per Morata, che gira di testa un cross invitante di Chiesa. Cristiano Ronaldo calcia male di sinistro, poi si coordina meglio col destro e la sfera va vicinissima al palo alla sinistra di Meret. Ghiotta occasione per la Juventus: sugli sviluppi di un corner, la deviazione di Osimhen accomoda la sfera per Cristiano Ronaldo, che centra in pieno Meret. Poco dopo Insigne dialoga con Politano, tacco per Osimhen che non arriva per un soffio. Al 56’ schema di Pirlo su punizione: Bernardeschi va da Chiesa, tracciante centrale ma un superlativo Meret ci mette i pugni. Passano pochi giri di lancette, e Rrahmani con perfetta scelta di tempo anticipa Cristiano Ronaldo sullo spiovente calibrato di Danilo. Gattuso fa entrare Elmas e Fabian per Zielinski e Politano, con il Napoli che passa al 4-1-4-1. Mario Rui cerca Lozano, ma Alex Sandro legge bene la situazione ed evita guai grossi. Lozano trova un muro centrale, quindi Meret mette la propria firma su una ripartenza finalizzata da Kulusevski. Entra Petagna per Osimhen. Chiesa dai 20 metri fa la barba al palo, quindi l’ex Fiorentina trova Morata che trova un reattivo Meret che allunga il piede salvando il risultato. Lobotka entra per l’acciaccato Insigne. Nel finale Lozano  accusa un fastidio muscolare in occasione dell’ennesimo scatto, Gattuso ha già utilizzato i 3 slot disponibili per i cambi, ed il Napoli stoicamente difende i 3 punti con le unghie e con i denti. La voglia di vincere è tutta nell’urlo di Lozano, che allontana un pallone nonostante l’infortunio che non gli permette neanche di correre. Festeggia Napoli, per una vittoria cercata per mettere alle spalle le polemiche delle ultime settimane.

NAPOLI – JUVENTUS 1-0

Rete: 31’ pt Insigne rig.

NAPOLI (4-2-3-1) Meret; Di Lorenzo, Rrahmani, Maksimovic, Mario Rui; Bakayoko, Zielinski; (19’ st Elmas) Politano (19’ st Fabian), Insigne (43’ st Lobotka), Lozano; Osimhen (30’ st Petagna).
All: Gattuso

JUVENTUS (4-4-2) Szczesny; Cuadrado (1’ st Alex Sandro), De Ligt, Chiellini, Danilo; Bernardeschi (18’ st McKennie), Betancur (27’ st Kulusevski), Rabiot, Chiesa; Morata, Cristiano Ronaldo
All: Pirlo

Arbitro: Daniele Doveri della Sezione AIA di Roma

Note: Ammoniti: Di Lorenzo (N), Chiellini (J), Cuadrado (J), Bakayoko (N), Rabiot (J). Corner: 3-9. Recupero: 2’ pt, 6’ st.

Video
play button

Juve Stabia - La soddisfazione di mister Padalino per i 3 punti di Bisceglie

Le parole del tecnico delle vespe al termine del match che hanno regalato 3 punti importanti ai gialloblù.

9 ore fa
share
play button

Pompei - Reperto straordinario emerso integro dallo scavo di Civita Giuliana

21 ore fa
share
play button

Campania - Covid, De Luca: «Situazione grave, chiudiamo le scuole»

26/02/2021
share
play button

Juve Stabia - Padalino carica l'ambiente, a Bisceglie per i 3 punti

26/02/2021
share
Tutti i video >


keyboard_arrow_upTORNA SU
Seguici