Politica & Lavoro
shareCONDIVIDI

Castellammare - Scacco al clan Di Martino, il Comune avvia l'abbattimento degli abusi nei beni confiscati sul Faito

Quei beni, ritenuti 'inaccessibili' dopo un sopralluogo della polizia municipale, sarebbero rimasti in possesso del clan secondo la commissione d’accesso. E già tra il 2003 e il 2011, prima della confisca, l’ente aveva ordinato la demolizione degli abusi, mai ottemperata, senza alcun controllo successivo.

tempo di lettura: 1 min
di red
06/08/2022 11:53:39

Erano stati ritenuti “inaccessibili” secondo una relazione degli agenti di polizia municipale, riportata nel dossier della commissione d’accesso, che ha smentito le indicazioni fornite all’epoca dalla polizia. Quei terreni sul Faito, confiscati alla criminalità organizzata nel 2014, sarebbero rimasti ancora in possesso del clan per gli affari loschi dei Di Martino. Ma ora i commissari straordinari hanno deciso di mettere la parola fine alle azioni criminali dei boss e alle coltivazioni di marijuana da immettere sul mercato illecito della droga. I manufatti costruiti in quei terreni confiscati saranno demoliti, come previsto nella determina dirigenziale che si allinea all’indirizzo fornito dai commissari straordinari. Qui beni, d’altra parte, “non sono utilizzabili per alcuna finalità pubblica”, si legge nella determina, in quanto si tratta di “baraccamenti in lamiera, con struttura mista in ferro e blocchi in lapilcemento, del tutto fatiscenti e privi di ogni requisito statico-strutturale oltre che igienico-sanitario”. Una disamina tecnica che ha convinto il dirigente dell’ufficio tecnico a procedere con l’abbattimento, che di fatto chiude un capitolo buio sulla gestione di quei terreni confiscati alla criminalità organizzata. Un capitolo che, come emerge ancora dalla relazione istruttoria della determina dirigenziale, risale già a venti anni fa. Quei manufatti, o almeno una parte di essi, sono stati già oggetto di provvedimenti repressivi con tre ordinanze di ripristino dello stato dei luoghi, risalenti al settembre 2003, all’aprile 2005 e al maggio 2011, per ingiungere al proprietario Vincenzo Di Martino di abbattere gli abusi. Una serie di provvedimenti mai ottemperati dal proprietario, in assenza anche di controlli per un intero decennio, per verificare se lo stesso avesse proceduto alle demolizioni.

Video
play button

Vico Equense - Monte Faito, nascondeva una bomba capace di far saltare in aria un'auto, denunciato 5

Operazione Green Life. Carabinieri sequestrano anche un fucile e decine di cartucce.

04/08/2022
share
play button

Sorrento - Carabinieri in costume infiltrati tra i bagnanti

02/08/2022
share
play button

Castellammare - Gestione commissariale, il bilancio dei primi 6 mesi

28/07/2022
share
play button

Castellammare - Rosso di Stabia, premiati gli stabiesi illustri

28/07/2022
share
Tutti i video >
Politica & Lavoro







Mostra altre


keyboard_arrow_upTORNA SU
Seguici