mercoledì 16 ottobre 2019 - Aggiornato alle 20:45
Gori spa
StabiaChannel.it
Gori spa
Cronaca

Santa Maria la Carità - Roghi tossici, non si placa l'emergenza: fumi segnalati anche all'alba


Residenti in rivolta: «Aria irrespirabile a qualsiasi ora, l'amministrazione inasprisca le sanzioni come a Sant'Antonio».

pavidas

Quello dei roghi di sterpaglie e arbusti è diventato - nel circondario stabiese e non solo - un 'trend topic' della stagione estiva. Ormai le segnalazioni inerenti fumi e aria irrespirabile non si contano più, ma a Santa Maria la Carità la situazione sta lentamente degenerando in questi ultimi stralci di estate. Per rendersene conto basta fare un giro sui social locali, in cui le lamentele e le denunce dei cittadini sono all'ordine del giorno con una frequenza quantomeno preoccupante. Notte o mattina, non fa differenza: l'ultima testimonianza in ordine temporale arriva da via Fusaro, dove la coltre di fumo chiaro è stata immortala anche all'alba a due passi dalle abitazioni.

E puntuali sono giunti anche i commenti dei residenti, letteralmente esasperati dai risvegli all'insegna di tosse e gola secca: «Non se ne può più, siamo assiderati da questo fumo proveniente da chissà quale terra, e con noi anche i bambini - è lo sfogo di un cittadino della zona -. Anche stanotte respireremo meglio domani». In giornata, qualcuno ha anche scelto di rivolgersi direttamente al comando di polizia municipale di piazza Borrelli: «Al telefono rispondeva un messaggio registrato - spiega una donna -, mi sono recata lì di persona per chiedere spiegazioni perché ho due figli asmatici, chi continua a perseguire questa condotta va considerato alla stregua di un assassino».




In effetti il regolamento del Comune di Santa Maria la Carità vieta l'accensione di qualsiasi fuoco in aree pubbliche dal 1° luglio al 30 settembre, ma al momento il braccio della legge - almeno a livello municipale - sembra ignorare la condotta degli incivili, o quanto meno non saper trovare contromisure efficaci. La proposta, così, arriva direttamente dai sammaritani: «Basta ignavia - si ribadisce nei messaggi -, dobbiamo muoverci in prima persona per bloccare questo scempio. L'amministrazione D'Amora segua l'esempio di Sant'Antonio Abate e inasprisca le sanzioni per questi delinquenti prima ancora di aumentare i controlli». L'ultima speranza, in assenza di altri appigli, è attendere l'abbassamento autunnale delle temperature.


news Sant'Antonio Abate - Vietato bruciare le sterpaglie, multe salate per i trasgressori


Santa Maria la Carità - Roghi tossici, non si placa l'emergenza: fumi segnalati anche all'alba

mercoledì 18 settembre 2019 - 21:51 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Cronaca


Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO