lunedì 16 settembre 2019 - Aggiornato alle 20:47
Gori spa
StabiaChannel.it
Gori spa
Politica & Lavoro

Castellammare - Seconda foce Sarno, si accende lo scontro politico: M5s, Pd e LeU contro la maggioranza


Andrea Di Martino e Giovanni Nastelli hanno deciso di votare a favore del provvedimento: «Prima di tutto l'interesse della città»

pavidas

È stata approvata in consiglio comunale, con 18 voti favorevoli e 4 contrari, la variante al piano regolatore generale per avviare le procedure relative all'adeguamento del canale Bottaro a seconda foce del Sarno. Ma, la scelta della maggioranza, ha sicuramente creato diversi malumori fra la minoranza considerato che Liberi e Uguali con Tonino Scala, Pd con Francesco Iovino e Francesco Nappi (M5s) hanno votato contro il provvedimento in quanto pericoloso per cittadini e territorio. Per Cimmino, invece, il voto era necessario: «Il provvedimento sblocca di fatto l'avvio delle opere per il raddoppio della foce con riferimento al territorio di Castellammare di Stabia. Attraverso quest'opera, che rientra nell'ambito del Grande Progetto Sarno, potremo finalmente porre fine ai problemi connessi ai fenomeni di esondazione e allagamento in corrispondenza di eventi meteorologici anche di modesta entità, dal momento che il corso del fiume e dei torrenti ad esso connessi presentano numerosi tratti insufficienti allo smaltimento delle acque provenienti dal bacino idrografico, in particolare sul versante di via Ripuaria. Il tratto di nuova inalveazione verrà realizzato con sezione rettangolare in cemento armato parzialmente interrata, mentre quello finale, da realizzare su sedime del Canale Conte Sarno, sarà effettuato con sezione trapezio attraverso il rivestimento delle sponde con massi ciclopici».

Sulla stessa lunghezza d'onda anche Andrea Di Martino che dall'opposizione ha approvato il provvedimento: «Seconda foce del Sarno. Abbiamo appena espresso il nostro voto favorevole in consiglio comunale al provvedimento che avvia le opere per il raddoppio della foce del Fiume Sarno. Una delle opere del grande progetto Sarno che ridurrà, una volta completato, i disagi su via Ripuaria causati dalle esondazione del fiume. La città deve essere al primo posto anche quando si fa opposizione, e noi ci siamo assunti le nostre responsabilità per gli stabiesi. Quando eravamo al governo con Antonio Pannullo stavamo per approvare il provvedimento ed era incoerente oggi votare no solo perchè non siamo alla maggioranza».

Molto critico invece Francesco Nappi che spiega: «Oggi la maggioranza a sostegno del Sindaco Cimmino ha inferto un duro colpo al nostro territorio con la variante al piano regolatore per l'adeguamento a Seconda Foce Sarno del canale Bottaro.


Uno schiaffo ad un territorio il cui ecosistema e continuamente attaccato da scelte amministrative scellerate e dalle ecomafie che continuano a trarre profitto dall'inerzia amministrativa che caratterizza il territorio. Il Movimento 5 Stelle unitamente a LeU e PD aveva proposto un ODG con cui coinvolgere comitati e movimenti, così come dovrebbe essere per una amministrazione condivisa e trasparente, per valutare attentamente il bilanciamento tra i costi e i benefici dell'opera che, al contrario, a detta dello stesso assessore Calì, non risolverà alcun problema legato alle esondazioni. Del resto anche a Torre Annunziata il Consiglio Comunale ha manifestato la sua contrarietà alla seconda Foce del Sarno, ma la maggioranza di governo stabiese con Andrea Di Martino e i suoi colleghi di coalizione evidentemente credono che un fiume di denaro buttato nel Sarno possa arginare qualsiasi esondazione. Ma qualcuno si è chiesto cosa ne pensano i residenti della zona in prossimità del fiume?»

Sulla stessa lunghezza d'onda anche Tonino Scala che in una diretta Facebook dopo il consiglio comunale ha criticato l'operato del consiglio comunale: «Ringrazio i consiglieri Iovino e Nappi che hanno portato avanti questa battaglia contro questo progetto folle della seconda foce Sarno. Pensare di creare un secondo sbocco al mare del fiume più inquinato d'Europa è sicuramente da folli. A Torre Annunziata si sono opposti al progetto ma adesso abbiamo bisogno di un atto di coraggio: loro devono firmare una delibare e bloccare il piano della Regione Campania. La politica oggi è stata miope, la maggioranza ha avallato un provvedimento che non ha ne testa ne coda. I cittadini non vogliono questa seconda foce del fiume più inquinato d'Europa. Una vera follia. Questo provocherà enormi problemi al nostro territorio e a farne le spese saranno i figli dei nostri figli. Oggi sono stati miopi».


news Consiglio comunale, ok dalla maggioranza per bilancio e seconda foce Sarno


Castellammare - Seconda foce Sarno, si accende lo scontro politico: M5s, Pd e LeU contro la maggioranza

martedì 9 ottobre 2018 - 20:11 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Politica & Lavoro


Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO