domenica 8 dicembre 2019 - Aggiornato alle 18:45
adraporte
StabiaChannel.it
adraporte
Napoli Calcio

Napoli - Roma-Napoli 2-1. Adesso è crisi: 3 gare senza vittoria e la zona Champions rischia di allontanarsi


Non basta Milik. Il Napoli centra altri due legni e cade all'Olimpico sotto i colpi di Zaniolo e Veretout

pavidas
   Foto: Ansa

È il giorno del derby del Sud. Allo Stadio Olimpico si sfidano Roma e Napoli per una sfida affascinante che vale i piani nobili della classifica. La marcia di avvicinamento al match è stata diametralmente opposta: gli azzurri non saranno guidati in panchina dal condottiero Carlo Ancelotti a seguito degli incresciosi episodi accaduti nel turno infrasettimanale contro l’Atalanta. 3 rigori solari non concessi al Napoli, ma soprattutto il placcaggio di Kjaer su Llorente sul quale Giacomelli ha scelto di non decidere, genera le proteste vibranti del tecnico che si vede sventolare in faccia il cartellino rosso. Neanche la sua presenza in Appello è servita a rimediare all’ennesima ingiustizia perpetrata ai danni del Napoli, ed è così che lo scettro sarà ceduto temporaneamente al figlio Davide.
Torna Manolas andando a ricomporre la solidissima coppia difensiva con Koulibaly, e si rivede finalmente anche Mario Rui che si riappropria della corsia bassa mancina. Zielinski prende il posto dell’infortunato Alla nella zona nevralgica del campo, mentre Mertens fa a far coppia con Milik che tramuta in oro ogni pallone che tocca.
I giallorossi hanno recuperato terreno dopo gli ultimi due successi di fila maturati al cospetto di Milan e Udinese. Fonseca lancia il giovane turco Cetin dal primo minuto, conferma Mancini a centrocampo e si affida alla verve di Dzeko sotto porta.

Al 3’ padroni di casa subito pericolosi con un siluro di Kluivert che si perde largo sugli sviluppi di un corner. La replica azzurra è immediata, con Pau Lopez costretto a superarsi per far sua una gran botta di Callejon. Kluivert è molto attivo, e fa venire nuovamente i brividi a Meret con una conclusione dalla distanza che esce facendo la barba al palo. Al 17’ Zielinski verticalizza per Insigne, palla tesa per Callejon ma Kolarov legge perfettamente la giocata e salva tutto in anticipo. 120 secondi più tardi la Roma sblocca il risultato: lungo lancio di Mancini per Spinazzola che brucia sullo scatto Mario Rui, palla dietro per Zaniolo che controlla e poi scarica un tracciante mancino che non lascia scampo a Meret. Spinge ancora la Roma con una palletta di Dzeko per Pastore, sulla quale è attentissimo l’estremo difensore azzurro che blocca in sicurezza. Anche all’Olimpico c’è ancora tanto spazio per le polemiche: Callejon controlla con il braccio attaccatissimo al corpo un’innocua palla all’interno dell’area per liberarsi di Smalling. Stessa dinamica del tocco di Toloi in Napoli-Atalanta, ma stavolta il VAR risulta solerte e fin troppo fiscale concedendo la massima punizione ai giallorossi. C’è però una giustizia divina, e Meret si allunga alla propria destra compiendo un autentico prodigio sul tiro dello specialista Kolarov. Al 28’ Napoli vicinissimo al pareggio: Insigne batte una punizione dal vertice sinistro dell’area, incornata di Di Lorenzo destinata in rete ma all’ultimo istante interviene Smalling allontanando la sfera nei pressi della linea bianca. È il miglior momento del Napoli. Mertens inventa per Insigne che trova soltanto l’esterno della rete, quindi Milik dal limite calcia con il destro scheggiando il legno alla sinistra di Pau Lopez.


C’è tanta sfortuna al minuto 41: perfetta scelta di tempo di Milik su spiovente dalla sinistra ma la girata di testa si stampa sulla traversa. L’azione prosegue, palla tra i piedi di Zielinski che con una rasoiata dal limite trova soltanto il palo a portiere battuto. 8 i pali centrati in stagione, che ha un conto aperto con la Dea Bendata. A tempo scaduto Smalling interviene in maniera goffa su una palla testa di Di Lorenzo, Callejon va di prima per Mertens che si coordina male e calcia altissimo.

In avvio di ripresa Mario Rui imbecca perfettamente Milik, ma il centravanti polacco sbaglia l’aggancio e la sfera è facilmente preda di Pau Lopez. Al 54’ Rocchi decreta un secondo calcio di rigore a favore della Roma. Pastore va via a Fabian, suggerimento al centro che si imbatte sul braccio largo di Mario Rui: dal dischetto si presenta Veretout, Meret intuisce ma può soltanto toccare leggermente la sfera che si insacca alle proprie spalle. Al 59’ la Roma sfiora il tris con un bolide di Kluivert che fa tremare la traversa, quindi un’incornata di Veretout non sorprende Meret. Al 69’ il direttore di gara sospende per qualche minuto la gara per il protrarsi di squallidi cori di discriminazione razziale e territoriale verso i napoletani. L’interruzione dà nuova linfa agli azzurri. Al 71’ ci prova Fabian con un sinistro a giro che esce di un nulla, mentre soltanto 60 secondi più tardi il Napoli accorcia meritatamente le distanza. Fabian vede il corridoio giusto per Lozano che lascia letteralmente sul posto il più macchinoso Kolarov: palla verso il palo più lontano, Cetin non interviene per paura di fare autogol, Milik ringrazia e deposita nel sacco. Al 75’ Lozano spreca un ghiottissimo contropiede ignorando i compagni liberi sulle corsie, quindi Zielinski trova solo la potenza ma non la precisione con la palla che termina larga. In pieno recupero Cetin rimedia il secondo giallo per una scorrettezza su Llorente, Milik va sul pallone ma trova soltanto l’opposizione della barriera.    

 

ROMA – NAPOLI 2-1

Reti: 19’ pt Zaniolo (R), 10’ st Veretout (R), 27’ st Milik (N)

ROMA (4-2-3-1) Pau Lopez; Spinazzola, Cetin, Smalling, Kolarov; Mancini, Veretout; Zaniolo (36’ st Cengiz Under), Pastore (44’ st Santon), Kluivert (32’ st Perotti); Dzeko.
All: Fonseca

NAPOLI (4-4-2) Meret; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui; Callejon (13’ st Lozano), Zielinski, Fabian, Insigne (38’ st Younes); Mertens (20’ st Llorente), Milik.
All: Ancelotti

Arbitro: Gianluca Rocchi della Sezione AIA di Firenze

Note: Espulso Cetin (R) al 45’+5 st per doppia ammonizione. Al 26’ pt Meret (N) para un calcio di rigore a Kolarov (R).  Ammoniti: Kluivert (R), Di Lorenzo (N), Mario Rui (N), Spinazzola (R), Milik (N), Cengiz Under (R). Corner: 10-4.  Recupero: 2’ pt, 6’ st.



Napoli - Roma-Napoli 2-1. Adesso è crisi: 3 gare senza vittoria e la zona Champions rischia di allontanarsi

sabato 2 novembre 2019 - 18:02 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Napoli Calcio


Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO