martedì 26 gennaio 2021 - Aggiornato alle 18:17
Gori spa
StabiaChannel.it
Gori spa
Napoli Calcio

Napoli-Rijeka 2-0. Il Napoli onora Maradona superando il Rijeka con un risultato all'inglese


Autorete dell'ex Anastasio e gol di Lozano. Pareggiano Az e Real Sociedad: il Napoli vola in vetta

pavidas

È una notte speciale. Non può essere altrimenti, visto che la quarta gara del girone F di Europa League si celebra il giorno dopo la notizia che nessuno sportivo avrebbe mai voluto dare. La morte di D10S, il più grande calciatore di tutti i tempi ha lasciato un vuoto incolmabile nel cuore dei napoletani, rimasti orfani del proprio idolo. L’uomo del popolo, che ha sempre messo in secondo piano il denaro, per combattere al fianco della sua gente per spezzare il dominio delle grandi potenze economiche italiane ed europee. Diego Armando Maradona si fonde con Partenope, che ne omaggia la memoria con manifestazioni di amore incondizionato in ogni angolo dalla città. Da Piazza Municipio, passando per Piazza del Plebiscito fino ad arrivare allo Stadio San Paolo dove la tifoseria organizzata realizza una fiaccolata che tinge di rosso il perimetro dell’inferno con la pista di atletica. Brividi.

Dopo appena 4 minuti è subito il Napoli a farsi pericoloso: Di Lorenzo pesca Elmas sul palo più lontano, ma il colpo in spaccata termina sull’esterno della rete. Poco dopo ancora grossa occasione di marca partenopea, con Demme che inquadra la porta dopo la respinta decisiva di Nevistic su Demme. Primo squillo croato con Tomecak, ma la sfera finisce ben lontana dai pali difesi da Meret. All’11’ Elmas si guadagna un buon calcio di punizione sul lato corto sinistro: calcia Ghoulam, incorna Bakayoko e palla debole tra le braccia del portiere. Il Rijeka c’è, mantiene compatte le linee e Maksimovic deve superarsi per andare a togliere il pallone dalla portata di Andrijasevic, che già pregustava la battuta a rete da pochi passi. Al 22’ Demme pennella verso il dischetto dell’area di rigore, la retroguardia ospite si incarta, Politano va dietro per Petagna che non mette la giusta potenza vanificando una potenziale occasione da gol. 120 secondi più tardi Koulibaly, in versione rifinitore, allarga verso Ghoulam che si palleggia in pieno volto liberando quasi Petagna a tu per tu con Nevistic. L’estremo difensore croato salva tutto su Politano, quindi una sanguinosa palla persa in uscita si trasforma in una chance d’oro per Muric che scheggia il palo alla destra di un attonito Meret. Gli uomini di Gattuso reagiscono immediatamente: Demme inventa per Di Lorenzo, che centra in pieno la figura di Nevistic che si ritrova il pallone addosso e tira un sospiro di sollievo. Napoli ancora pericolo su palla inattiva, Bakayoko anticipa di testa Koulibaly sfiorando la trasversale. Al 41’ gli azzurri sbloccano finalmente il risultato: veronica di Zielinski che si libera della marcatura, percussione impetuosa e palla sul palo lungo a cercare il tap-in di Politano anticipato dall’ex Anastasio che infila il proprio portiere.


La gara sembrerebbe in discesa, ma il Rijeka non si fa abbattere e con Loncar impegna severamente Meret, costretto a scaldare i guantoni per andare a riposo in vantaggio.

All’uscita dagli spogliatoi si fa vedere subito Zielinski con una sassata da lontanissimo che si perde sul fondo. Il Rijeka, nonostante l’ultimo posto in classifica, non vuole essere vittima sacrificale e l’incornata perentoria di Andrijasevic su Di Lorenzo sta a dimostrare la voglia di non arretrare di un centimetro. Un’azione corale di marca azzurra non trova il giusto epilogo quando la soluzione di Demme fa la barba al palo di Nevistic. Al 55’ Zielinski balla tra le linee e trova il varco giusto per il movimento di Ghoulam: spiovente insidioso che viene però smorzato facilitando la parate dell’estremo difensore croato. Poco dopo Bakayoko calcia fuori dai 20 metri. Gattuso si affida ai cambi per dare nuova verve alla propria manovra: dentro prima Lozano e Insigne, poi Mertens e Lobotka. Al 72’ Di Lorenzo serve un assist al bacio per Petagna, che in precario equilibrio ciabatta col mancino e la palla si perde clamorosamente fuori.
Maksimovic si divora il raddoppio calciando fuori a porta vuota, ma è soltanto il preludio al 2-0 degli azzurri. Azione tutta sull’asse dei subentrati: Insigne verticalizza per Lozano, che si aggiusta il pallone per poi superare Nevistic con un tocco delizioso. Lozano riceve spalle alla porta, si gira e subito scarica un siluro dai 20 metri che mette letteralmente i brividi al portiere croato. Ultima cambio, con Gattuso che fa uscire Petagna mettendo dentro Fabian. Insigne e Mertens provano a mettere l’ombrellino sul long drink, quindi è il turno di Fabian, con una decisiva deviazione ad impedirgli di esultare. Nei 3 minuti di recupero sale in cattedra Nevistic che mantiene a galla i suoi con due interventi strepitosi in sequenza su Insigne e Lobotka, quindi il “24” azzurro ci prova col mancino ma calibra male il tiro e la sfera si perde sul fondo.

 



NAPOLI – RIJEKA 2-0

Reti: 41’ pt Anastasio aut., 30’ st Lozano

NAPOLI (4-2-3-1) Meret; Di Lorenzo, Maksimovic, Koulibaly, Ghoulam; Demme (24’ st Lobotka), Bakayoko; Politano (19’ st Lozano), Zielinski (19’ st Insigne), Elmas (24’ st Mertens); Petagna (36’ st Fabian).
All: Gattuso

RIJEKA (5-4-1) Nevistic; Tomecak, Velkoski, Galovic,Smolcic, Anastasio (35’ st Braut); Muric (32’ st Yateke), Cerin (42’ st Hodza), Loncar, Stefulj; Andrijasevic (42’ st Frigman).
All: Rozman

Arbitro: Ozkhaya (TUR)

Note: Ammoniti: Anastasio (R). Corner: 4-5. Recupero: 1' pt, 3' st


video Passione Azzurra, Napoli saluta il suo Re...


Napoli-Rijeka 2-0. Il Napoli onora Maradona superando il Rijeka con un risultato all'inglese

giovedì 26 novembre 2020 - 22:54 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Napoli Calcio

Verona-Napoli 3-1. Azzurri non pervenuti, il Verona rimonta e dilaga

Verona-Napoli affidata a Michael Fabbri di Ravenna: Statistiche e Precedenti

Napoli - Massimo Rastelli a Passione Azzurra: «Il Napoli deve crescere a livello mentale per poter puntare anche allo scudetto»

Supercoppa| Petagna: «Sfida decisa dagli episodi, in campo siamo stati compatti»

Supercoppa| Gattuso: «Ringrazio e faccio i complimenti ai miei ragazzi, alziamo la testa e andiamo avanti»

Juventus-Napoli 2-0. Il Napoli regala, e Cristiano Ronaldo raccoglie. La Supercoppa è della Juve

Verso Napoli-Juventus. Lorenzo Insigne «Sappiamo che sfidare i bianconeri ha sempre un sapore speciale»

Coppa Italia - Lo Spezia si impone a sorpresa sul campo della Roma (2-4) e sfiderà il Napoli ai quarti

Supercoppa Italiana. Napoli-Juventus affidata a Paolo Valeri di Roma: Statistiche e Precedenti



Sponsor
dg informatica adra bcp auto somma somma point Rionero Caffè Futura Costruzioni srl ScuolaLex
dg informatica adra bcp Berna auto somma somma point Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO

StabiaChannel.it
StabiaChannel TV

I PIÚ VISTI DELLA SETTIMANA