Brevi
shareCONDIVIDI

Cosa vedere a Castellammare di Stabia e nei dintorni

tempo di lettura: 5 min
11/10/2021 09:12:09

Castellammare di Stabia presenta una forma conca tra le colline, è una piccola cittadina nel Golfo di Napoli, e presenta un territorio ricco di acque minerali e quindi fertile. Il nome di questa città ha origini dalla vecchia località romana Stabiae che fu distrutta interamente dal Vesuvio. È molto famosa per le sue splendide spiagge, bagni e sorgenti termali, una vista panoramica da toglierti il fiato, e quindi questa viene considerata una località di villeggiatura termale ed estiva. Però a Castellammare di Stabia si possono trovare anche molte altre cose tra cui centri commerciali e industriali, con diversi negozi e luoghi di svago dove puoi trovare i casino e sale da gioco. È presente anche un’importante e grande cantiere navale, qui fu il famoso batiscafo che fu utilizzato dal fisico svizzero Auguste Piccard per un’esplorazione marina.

Breve storia di Castellammare

Il Castello in riva al mare, da cui Castellammare trae il nome, si eleva a 100 metri di altezza sul livello dell'oceano mentre dietro questi si trovano le imponenti volte di roccia, salgono in direzione ascendente fino a 650 m. Il Castello fu lavorato per sorvegliare il limitato tratto di costa, tra la montagna difficile da raggiungere e l'oceano, dal quale i militari si aspettavano di infiltrarsi e avrebbero avuto la possibilità di passare la Penisola Sorrentina.

Il nome di "Castello a Mare" compare in un documento senza precedenti del 1086 che costituisce la testimonianza dell'esistenza del Castello già da tempo. Il Castello fu costruito in stile bizantino dal Duca di Sorrento, come linea di fortificazione del suo territorio. Nel lungo periodo (dall'XI al XV secolo) subì diverse trasformazioni, come indicato dallo sviluppo di varie strategie di lavoro e di guerra. La prospettiva tagliente deriva dall'ultima modifica del 1470, puntata a rinforzare la difesa contro un assalto di grossi cannoni.

Il Castello è stato testimone di molte guerre e di molti scontri tra popoli, ma durante l'ultimo conflitto, la struttura è stata attaccata dai soldati britannici e ridotta a condizioni pietose. Per riparare ai danni arrecati durante la requisizione, nel 1956 il palazzo subì un secondo importante intervento di ricostruzione che durò 12 anni. Sia il rifacimento che la relativa ricostruzione, così come la manutenzione è stata fatta e continua ad essere fatta con incredibile impegno per mantenere una struttura che comunque era destinata a rimanere in rovina.

Villa Arianna – una villa molto antica a Stabia

La villa fa parte di una delle più antiche ville romane trovate a Stabia, che risalgono al II secolo a.C. Questa infatti offre la possibilità di esaminare le esistenze della prima classe romana, e vanta una vista sorprendente sul Golfo di Napoli. È una delle due proprietà che sono a disposizione delle persone in generale per le indagini, l'altra è Villa San Marco. Villa Arianna è molto famosa per i suoi affreschi antichi che sono stati protetti e per l'enorme vivaio in particolare.         

            Un gran numero dei primi affreschi si trova attualmente nel Museo Archeologico di Napoli. Attraverso questa scoperta, gli archeologi hanno trovato una straordinaria conoscenza su come i romani vivevano e il significato culturale di piantare, attraverso molti anni di concentrazione sul design del villa.

Ercolano, una città non molto lontana da Castellammare di Stabia

Ercolano è un'altra città antiquata annientata dal Vesuvio, ma ha rivelato alcune rivelazioni affascinanti se confrontata con Pompei. E' un po' più lontano e la si può raggiungere utilizzando la fermata "Ercolano Scavi" della linea ferroviaria Napoli-Sorrento. La distinzione più eccezionale tra i due è il modo in cui ogni città è stata salvaguardata a seconda del modo in cui hanno affrontato l'espulsione. Pompei, ad esempio, è stata interessata dal periodo principale dell'emissione, consentendo agli archeologi di modellare figure realistiche che troviamo oggi.

Ercolano, poi, ospita più parti ossee rimanenti mentre la città ha incontrato il secondo periodo dell'espulsione. Qui uno dei luoghi più suggestivi da visitare è la Villa dei Papiri. È molto probabilmente le vecchie case più sontuose d'Italia con sbalorditivi affreschi, marmi e sottigliezze in bronzo. Gli archeologi accettano che sia Pompei che Ercolano fossero città di alto livello che numerose élite romane hanno avuto la possibilità di visitare.

La scoperta della Villa dei papiri avenne dopo i rinvenimenti archeologici, questa è una tenuta romana e viene riconosciuta anche con il nome di Villa dei Pisoni. Il suo nome deriva dal modo in cui al suo interno custodiva una biblioteca con più di milleottocento papiri, generalmente imbottiti e chiusi in teche. Fu la rimozione di un pozzo un paio di chilometri a ovest di Resina che portò alla scoperta significativa di una sontuosa tenuta rurale, coperta a una profondità di 20-25 m. La casa dei Pisoni, rimasta coperta dai resti e dal fango di quel lontano agosto del 79 dC, si trasformò nella rivelazione del secolo, la villa era immensa e con un lunghissimo patio su e giù per il lungomare.

Se si ha voglia di una nuotata, un posto vicino a Castellammare è Positano, questo presenta le acque più cristalline e splendide che tu abbia mai visto. È il luogo perfetto per una breve vacanza d’estate, non rimarrai deluso da quello che vedrai una volta lì. 

Video
play button

Castellammare - Immacolata, la notte dell'ultima stella

Le voci votive di 'Fratill e Surelle' nei vari rioni della città.

2 ore fa
share
play button

Castellammare - I Falò dell'Immacolata sull'arenile

08/12/2021
share
play button

Castellammare - L'accensione dell'albero in villa comunale

08/12/2021
share
play button

Passione Gialloblù, special guest il centrocampista della Juve Stabia Guido Davì

07/12/2021
share
Tutti i video >


keyboard_arrow_upTORNA SU
Seguici