Cultura & Spettacolo
shareCONDIVIDI

Pompei - Massimo Osanna lascia la città e diventa il nuovo Direttore Generale dei Musei dello Stato.

«Un modello gestionale e un punto di riferimento internazionale. La sua esperienza e la sua professionalità serviranno a rinnovare l'intero sistema museale nazionale.»

tempo di lettura: 2 min
di Valeria Cimmino
01/09/2020 17:54:13

È giunto il giorno ufficiale in cui l'ex, da oggi, Direttore Generale del Parco Archeologico di Pompei, lascia la guida degli scavi.

Massimo Osanna infatti è  il nuovo Direttore Generale dei Musei Italiani al Ministero dei Beni Culturali.

Osanna nato a Venosa nel 1963, professore ordinario di Archeologia alla Facoltà Federico II di Napoli, dal 2014 al 2015 direttore della Soprintendenza Speciale di Pompei, e dal 2016 Direttore Generale del Parco Archeologico, inizia oggi un nuovo percorso di grandissimo prestigio, prendendo il posto di Antonio Lampis.

Nominato dal Ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini, “al termine della procedura di interpello avviata a inizio giugno dal Mibact per il conferimento dell’incarico apicale della direzione generale del ministero che coordina le politiche di gestione, fruizione e comunicazione dei musei statali, garantisce lo sviluppo del sistema museale e un’offerta culturale accessibile e di qualità” come riportato da una nota del Ministero, Massimo Osanna si insedia dunque oggi primo settembre 2020,  alla Direzione generale Musei del Mibact.

Tuttavia Osanna resterà ad interim alla direzione del Parco di Pompei fino alla scelta del nuovo direttore, a seguito della  regolare selezione internazionale secondo la procedura che, afferma il Ministro Franceschini : “ dal 2014 ha consentito di scegliere i migliori dirigenti, esclusivamente in base al curriculum, in Italia e nel mondo, per le direzioni dei più grandi musei e parchi archeologici italiani”

“Massimo Osanna – sostiene Franceschini -  ha cambiato il volto di Pompei che, grazie al suo lavoro, è diventato un modello gestionale e un punto di riferimento internazionale. L’esperienza e la professionalità di Osanna serviranno adesso a rinnovare l’intero sistema museale nazionale e a traghettarlo nel futuro”

Antonio Lampis ha lasciato il 28 agosto il suo posto da Direttore Generale dei Musei italiani al Ministero dei Beni culturali. Ha salutato dunque Roma e ha fatto ritorno a Bolzano alla guida della Ripartizione cultura italiana della Provincia autonoma.  Lo stesso Lampis ha annunciato il passaggio di consegne sul proprio profilo social. «Il mio mandato alla direzione generale musei finisce il 28 agosto. Per molte ragioni personali e professionali non ne ho chiesto il rinnovo. Ho appena appreso che il Ministro ha scelto al meglio. Sono molto contento». E prima di consegnare il testimone ad Osanna, Antonio Lampis ha raccontato la sua esperienza “estremamente impegnativa, ma anche estremamente interessante, con uno sviluppo raggiunto dal settore dei musei statali molto evidente che è impostato anche per i prossimi tempi e sarà proseguito dal mio stimatissimo successore Massimo Osanna”.

Video
play button

Juve Stabia - La soddisfazione di mister Padalino per i 3 punti di Bisceglie

Le parole del tecnico delle vespe al termine del match che hanno regalato 3 punti importanti ai gialloblù.

27/02/2021
share
play button

Pompei - Reperto straordinario emerso integro dallo scavo di Civita Giuliana

27/02/2021
share
play button

Campania - Covid, De Luca: «Situazione grave, chiudiamo le scuole»

26/02/2021
share
play button

Juve Stabia - Padalino carica l'ambiente, a Bisceglie per i 3 punti

26/02/2021
share
Tutti i video >
Cultura & Spettacolo







Mostra altre


keyboard_arrow_upTORNA SU
Seguici