Politica & Lavoro
shareCONDIVIDI

Castellammare - Premi per i dipendenti comunali, trovato l'accordo con i sindacati

Fumata bianca dall’incontro di ieri pomeriggio a Palazzo Farnese tra i rappresentati dei lavoratori e quelli dell’ente di Piazza Giovanni XXIII.

tempo di lettura: 2 min
di Simone Rocco
03/03/2021 07:35:46

Progressioni economiche per i dipendenti comunali, fumata bianca dall’incontro di ieri pomeriggio a Palazzo Farnese tra i rappresentati dei lavoratori e quelli dell’ente di Piazza Giovanni XXIII.

Le progressioni economiche, lo ricordiamo, rappresentano per i lavoratori una maggiorazione remunerativa stabile nel tempo e vanno a premiare quei dipendenti che hanno contribuito in modo rilevante al raggiungimento degli obiettivi prefissati dalla dirigenza. Nei giorni scorsi il Comune stabiese aveva inviato una comunicazione ai sindacati con la quale riferiva della parziale incompatibilità dei criteri per la definizione della procedura per la progressione economica fissati dall'art. 16 del contratto normativo recentemente approvato. Ieri, invece, tutto sembra essersi chiarito.

«Abbiamo apprezzato il notevole sforzo della parte pubblica che ha presentato con dovizia e specificità una modalità di calcolo dei punteggi che garantirà graduatorie di merito trasparenti ed esenti da vizi che avrebbero potuto alterare la posizione in cui sarà collocato ogni dipendente, il tutto nel rispetto dei principi con i quali si erano approvati i criteri per la definizione della procedura» hanno commentato al termine dell’incontro il Coordinatore Aziendale del Coordinamento Sindacale Autonomo Pasquale Bonifacio ed Emilio Pagano del Dipartimento Polizia Locale.

«Certamente un passaggio della variazione attraverso la modifica del contratto era la soluzione tecnica per eccellenza – dicono - ma non possiamo permettere, in considerazione di quanto sopra specificato, che un mero vizio formale possa posticipare l'avvio delle progressioni il cui riconoscimento è previsto entro il mese di aprile. Successivamente abbiamo appoggiato l'esigenza rappresentata dalla RSU di pattuire col prossimo riparto economico, che si prevede di approvare in tempi rapidi, un aumento delle indennità di condizioni di lavoro ed abbiamo formalmente richiesto di avviare, ai sensi dell'art. 5 del contratto, un'interpretazione autentica della norma che disciplina questa indennità poiché alcuni lavoratori della polizia municipale ancora non si vedono riconosciuta la stessa e sono da tempo in una sorta di limbo che riteniamo inaccettabile».

Sul tavolo non poteva non essere affrontato il contesto lavorativo nell’ambito della delicata fase legata all'emergenza covid-19. «Non ha senso discutere aumenti per indennizzare i rischi quando poi i Rappresentanti per la Sicurezza dei Lavoratori sono esclusi dalla partecipazione al Comitato per la verifica del Protocollo di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus negli ambienti di lavoro – hanno detto Bonifacio e Pagano - La norma prevede che quel protocollo va condiviso ma ad oggi in questo ente così non è. Ci auguriamo che questa mancanza venga celermente sanata e che sia data ai lavoratori, attraverso i propri rappresentanti, la possibilità di portare le istanze atte a migliorare le condizioni di sicurezza».

Video
play button

Campania - Il punto sui vaccini, le riaperture, sui contagi e la scuola

La diretta del Presidente Vincenzo De Luca.

1 ora fa
share
play button

Juve Stabia - PadalinO: «Giocata una delle migliori partite»

21/04/2021
share
play button

Castellammare - Pavidas, dagli store fisici a quelli online

21/04/2021
share
play button

Passione Gialloblù, XXVIII puntata. Ospite della serata Gaetano Fontana

20/04/2021
share
Tutti i video >
Politica & Lavoro







Mostra altre


keyboard_arrow_upTORNA SU
Seguici