Politica & Lavoro
shareCONDIVIDI

Castellammare - Meridbulloni, dal mons. Alfano a Casillo, chiesa e politica insieme per salvare la fabbrica

L'arcivescovo: «Non possiamo stare inermi». I capigruppo in regione di PD e Forza Italia promettono impegno della Regione.

tempo di lettura: 2 min
di sr
20/12/2020 09:21:53

Tutti uniti per salvare la Meridbulloni. All’esterno della fabbrica, al sit-in permanente allestito dai lavoratori da venerdì mattina, è un continuo viavai di politici ed istituzioni religiose che portano il proprio sostegno alle oltre 80 famiglie colpite dalla decisione della proprietà di chiudere lo stabilimento di Castellammare di Stabia e trasferire le maestranze al nord.

Ieri mattina a far visita ai lavoratori è stato mons. Francesco Alfano che ha portato un messaggio di speranza. «Non possiamo stare inermi – ha detto – dobbiamo essere uniti e invocare un dialogo onesto e coerente. Questo territorio non può permettersi di perdere ancora altro lavoro, dopo tutto quello che sta subendo a causa della pandemia». Alfano, prima di lasciare i lavoratori, si è unito con loro per una preghiera.

Questa mattina a Castellammare di Stabia è arrivato anche il capogruppo del Partito Democratico in consiglio regionale, Mario Casillo. Ha ascoltato le parole dei lavoratori ed ha promesso un intervento della Regione Campania per evitare un trasferimento di massa degli operai e la chiusura della fabbrica.

Un impegno bipartisan che ha visto anche l’intervento dl Annarita Patriarca, capogruppo di Forza Italia in Consiglio regionale, che ieri mattina si è recata in visita presso l’impianto di Corso De Gasperi a Castellammare di Stabia, per esprimere solidarietà e vicinanza agli operai in sit-in. «Abbiamo già attivato ogni canale istituzionale a nostra disposizione per impedire che si serrino i cancelli di una realtà storica, una delle poche grandi aziende rimaste sul territorio stabiese. Ho avuto occasione di parlare della questione con il presidente De Luca e con l’assessore Marchiello, ribadendo la nostra assoluta e incondizionata disponibilità a collaborare per aiutare i lavoratori. Lunedì sarò insieme a operai e rappresentanti sindacali, nel corso dell’incontro fissato in Regione con il delegato al Lavoro», ha continuato la forzista. «L’occupazione va tutelata ad ogni costo soprattutto di questi tempi - ha detto ancora Patriarca -. Dietro ogni dipendente ci sono interi nuclei familiari la cui sopravvivenza dipende esclusivamente dal lavoro. Centinaia di famiglie rischiano di finire sul lastrico e di andare ad aumentare il già ampio bacino dei nuovi poveri. Come più volte ribadito, il Paese, e il Sud in particolare, hanno bisogno di occasioni di sviluppo e non di sussidi a pioggia. Difendere il lavoro significa difendere la dignità». «Combatteremo, in ogni sede, non solo la chiusura dello stabilimento ma anche il ricatto propinato a chi, per mantenere l'impiego, dev'essere costretto a trasferirsi al Nord. Il Meridione ha competenze, risorse umane e professionalità che non possono essere mortificate da politiche aziendalistiche che puntano a svuotare il Sud a tutto vantaggio del Settentrione. Lasciare la propria terra dev’essere una scelta, mai un obbligo», ha concluso il capogruppo di Forza Italia.

Video
play button

Castellammare nella morsa del Covid-19. Come uscirne?

Ne parliamo con il sindaco Gaetano Cimmino, con il Coordinatore dell’unità pastorale del centro antico Don Luigi Milano, Roberto Elefante presidente PD, Johnny De Meo presidente Ascom, Fabiola Toricco dirigente scuola media Denza, Giuseppe Giordano segretario cittadino PD e Dott Coppola Antonio responsabile Covid Asl Na3 Sud.

16 ore fa
share
play button

Juve Stabia - Bari 0 a 2, le parole di mister Padalino e Mulè

16 ore fa
share
play button

Passione Gialloblù, XXII puntata. Con noi l'ex tecnico delle vespe Guido Carboni

02/03/2021
share
play button

Juve Stabia - Mister Padalino chiama i suoi all'attenzione: «Bari squadra ostica»

02/03/2021
share
Tutti i video >
Politica & Lavoro







Mostra altre


keyboard_arrow_upTORNA SU
Seguici