giovedì 13 agosto 2020 - Aggiornato alle 18:58
bcp
StabiaChannel.it
bcp
Napoli Calcio

Napoli-Lazio 3-1. Tris azzurro sulla Lazio. Tegola Insigne, Barcellona a rischio?


A segno Immobile, che sale a quota 36 eguagliando Higuain come miglior realizzatore in Serie A

pavidas

Nel giorno del 94° compleanno, il Napoli ospita la Lazio per chiudere il campionato e testare uomini e schemi in vista del fondamentale snodo di Champions League contro il Barcellona previsto per la prossima settimana. Tanti i temi di una serata caldissima. Al San Paolo il napoletano Ciro Immobile, già Scarpa d’Oro, cerca di superare il record individuale di reti in Serie A detenuto da Gonzalo Higuain (36) quando vestiva la maglia azzurra. Le statistiche vedono i partenopei nettamente favoriti, avendo perso soltanto 1 delle ultime 10 sfide casalinghe in Serie A contro i capitolini.

Match subito sui binari giusti per i padroni di casa, che sbloccano la contesa alla prima occasione utile: azione insistita, palla a Fabian che all’altezza della lunetta si porta palla sul mancino e va a togliere le ragnatele dal sette alla destra di Strakosha. 3° rete in campionato per il talentuoso centrocampista ex Betis Siviglia. Poco dopo Fabian prova a trasformarsi in uomo assist, ma il delizioso tocco di esterno per l’inserimento centrale di Di Lorenzo è vanificato dall’ottica lettura di Luiz Felipe. Preme il Napoli, che sfiora nuovamente il raddoppio con una rasoiata di Zielinski che esce di un nulla alla sinistra del portiere. Gli ospiti sono in bambola: palla persa in uscita, suggerimento per Insigne, conclusione di sinistro con Strakosha che accompagna con la coda dell’occhio la traiettoria perdersi di millimetri oltre il palo. La Lazio si fa vedere sugli sviluppi di una palla inattiva: Luis Alberto tocca corto per Milinkovic-Savic, che svirgola clamorosamente e l’azione sfuma. Il pareggio è soltanto questione di minuti: Marusic pennella per Immobile, abile a liberarsi sul filo del fuorigioco alle spalle di Manolas, per poi freddare Ospina con un siluro da pochi passi. L’attaccante napoletano raggiunge così quota 36 reti eguagliando il record di Higuain. Al 39’ Mario Rui con una parabola a giro non trova lo specchio, mentre Lazzari non si fa sorprendere e va a chiudere sul tacco di Insigne verso Callejon lanciato a rete.

Subito Napoli in avvio di ripresa: Lazzari regala palla a Mertens, gran palla per il taglio a memoria di Callejon alle spalle di Acerbi, ma il pallone è troppo lungo e finisce sul fondo. Si fa vedere Insigne con un destro a giro tra le braccia di Strakosha, quindi il Napoli torna avanti nel punteggio. Imbucata sublime di Zielinski per Insigne, palla verso l’area piccola in direzione di Mertens letteralmente falciato da Parolo al momento della battuta a rete.


Calvarese non può esimersi dal fischiare la massima punizione: dal dischetto si presenta Insigne spiazzando Strakosha. La replica capitolina è nei piedi di Correa, che vince un rimpallo e da posizione defilata centra in pieno il legno. Al termine di un’azione prolungata Fabian spara sulla schiena di un difensore, quindi Mario Rui calcia debolmente verso la porta laziale senza velleità. Passano pochi giri di lancette, e Ospina in uscita salva sul diagonale di Correa da distanza ravvicinata. Al 65’ Milinkovic-Savic svetta più in alto di tutti su corner di Luis Alberto ma non trova la porta, quindi lite furiosa sul rettangolo verde e tra Gattuso e un assistente di Inzaghi a seguito di un’entrata dura di Manolas su Correa. Al 70’ Callejon calcia al volo con perfetta scelta di tempo su cioccolatino di Mertens e sfera che esce di un nulla alla destra di Strakosha. Brividi quando Immobile non arriva sullo spiovente di Milinkovic-Savic, ma Marusic brucia sul tempo Di Lorenza ed inzucca sfiorando il pari. Entrano Ghoulam, Lozano e Demme. Profonda disperazione quando Insigne è costretto ad abbandonare il campo a seguito di un infortunio muscolare: lacrime a bordo campo e Barcellona a rischio. Gattuso dà spazio ad Elmas e Politano, ed è proprio l’ex Sassuolo a mettere l’ombrellino sul long drink in pieno recupero. Azione da manuale: Di Lorenzo s’invola lungo l’out destro e serve Mertens, finta ed assist al bacio per Politano che a tu per tu con Strakosha cala il tris.

NAPOLI – LAZIO 3-1

Reti: 9’ pt Fabian (N), 22’ pt Immobile (L), 9’ st Insigne rig. (N), 45’+3 st Politano (N)

NAPOLI (4-3-3) Ospina; Di Lorenzo, Manolas, Koulibaly, Mario Rui (34’ st Ghoulam); Fabian, Lobotka (34’ st Demme), Zielinski (39’ st Politano); Callejon (34’ st Lozano), Mertens, Insigne (39’ st Elmas).
All: Gattuso

LAZIO (3-5-2) Strakosha; Patric (18’ st Vavro), Luiz Felipe, Acerbi (18’ st Bastos); Lazzari (38’ st Lukaku), Milinkovic-Savic, Parolo (42’ st Anderson), Luis Alberto, Marusic; Immobile, Correa (42’ st Adekanye).
All: Inzaghi

Arbitro: Gianpaolo Calvarese della Sezione AIA di Teramo

Note: Ammoniti: Koulibaly (N), Mario Rui (N), Immobile (L), Elmas (N), Milinkovic-Savic (L)- Corner: 2-2. Recupero: 2’ pt, 6’ st



Napoli-Lazio 3-1. Tris azzurro sulla Lazio. Tegola Insigne, Barcellona a rischio?

sabato 1 agosto 2020 - 23:14 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Napoli Calcio


Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point Rionero Caffè Futura Costruzioni srl ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO