Cronaca
shareCONDIVIDI

Castellammare - Sottopasso via Cosenza, le paure dei commercianti e dei cittadini del San Marco

Dopo il confronto pubblico al Supercinema, i residenti e i commercianti del rione San Marco non demordono. «Occuperemo i binari della stazione di Via Nocera come forma di protesta».

tempo di lettura: 4 min
di Annarita Ferraiuolo
01/06/2023 09:00:55

Il progetto del sottopasso elaborato da EAV

L'incontro pubblico organizzato da Ascom Confcommercio presso il Teatro Supercinema è stato un primo passo positivo per la città di Castellammare di Stabia, sempre più contraria alla costruzione del sottopasso in via Cosenza, un’opera a detta di tutti ‘inutile’. I cittadini stabiesi si sono mostrati attivi e pronti a difendere le proprie ragioni. I commercianti hanno iniziato a protestare: lunedì con la serrata in concomitanza del confronto pubblico, prossimamente “potremmo occupare i binari della stazione di Via Nocera” – afferma indispettito un imprenditore della zona – “L’Eav continua a concentrarsi su progetti tecnici complessi come la costruzione del sottopasso; che garantisca, invece, l’efficienza del servizio ferroviario!". La battaglia dei commercianti e i residenti del rione San Marco per preservare il futuro della città è appena stata dichiarata. Ci si preoccupa non solo degli eventuali disagi alla circolazione ma anche dell'impatto ambientale che l’opera comporterebbe per l'intero quartiere. Un negoziante esprime il suo parere: "Vivo con un certo pessimismo l’incertezza per il futuro. Ero seduto nelle prime file della sala del Teatro Supercinema insieme ai miei colleghi ed è stato confortante vedere una platea gremita e partecipe. Durante l’incontro è spuntata l’idea di indire un referendum cittadino per respingere questa follia. Questa è la nostra occasione, facciamoci sentire, diamo a chi è al potere la possibilità di arrendersi.” “Non dobbiamo mollare, combatteremo fino alla fine per difendere la nostra città e soprattutto le nostre attività – esclama con determinazione un giovane commerciante – Non lasciamo che distruggano anni di duro lavoro, pieni di sacrifici e soddisfazioni per … fare i loro porci comodi.” Almeno su questo tema la cittadinanza ha dimostrato di essere unita e pronta a protestare. “Come tutti sanno, il sottopasso dividerebbe la nostra bellissima città in due, isolando la zona del San Marco – interviene una studentessa dell’istituto d’Istruzione Superiore “Marco Pollione Vitruvio” – Parlo a nome di tutti i miei compagni di classe, siamo preoccupati circa i tempi di realizzazione dell’opera per gli enormi disagi che arrecherebbe alla nostra scuola. Passeremo da una parte all’altra della città con ascensori e scale? Sottoterra rischiando di subire furti e scippi?”. “Ho il timore che questa zona piena di vita, piena di studenti e lavoratori, diventi un quartiere fantasma – aggiunge un anziano commerciante del rione – Non riesco a intravedere alcun beneficio dal sottopasso. Qui ci sono esercizi commerciali storici, ci sarà una svalutazione immobiliare, non possiamo assolutamente accettare tutto questo”. Inutile nascondere che i negozianti di via Cosenza sarebbero costretti a licenziare il personale e chiudere. “Con il sottopasso sarò costretto a chiudere il mio supermercato che gestisco insieme a mia sorella. Ho dodici dipendenti, siamo come una famiglia e mi fa stare male il solo pensiero di dovergli dire che hanno perso il loro lavoro”, spiega con dolore e tanta tristezza sul volto il titolare del supermercato Decò. Inoltre, la costruzione del sottopasso sarebbe un problema anche per il mondo dello sport. “Non dimentichiamo che il rione San Marco ospita lo stadio Romeo Menti. Se l’ingresso principale rimarrà chiuso per tre anni, sorgerebbero tantissimi problemi di ordine pubblico durante le partite della tanto amata squadra Juve Stabia” – sottolinea un passante.

Ma il sottopasso è solo una delle tante problematiche molto sentite in questi ultimi anni a Castellammare. Come non menzionare la questione che riguarda il porto turistico di Marina di Stabia, le candidature a sindaco delle prossime comunali previste nel 2024, o ancora, il dislocamento dell’ospedale San Leonardo al posto delle terme. E, sulla realizzazione del traforo nella collina di Varano che permetterebbe la realizzazione del doppio binario nella galleria che dalla stazione di via Cosenza porta alla stazione di Castellammare Centro, interviene una negoziante del posto "Durante le opere di scavo sotto la collina di Varano sono spuntati interessantissimi reperti archeologici di epoca romana. E’ bastato scavare pochissimo. Stiamo distruggendo i tesori della nostra città e per quale fine? Per realizzare un raddoppio di 500 metri.” Poi conclude “E’ seriamente minacciato il patrimonio archeologico della nostra città e il ministero della Cultura non può e non deve voltare le spalle.” Intanto i lavori procedono e i residenti in via Galeno e via Grotta San Biagio non riescono a riposare a causa dei continui rumori. Una ragazza ci racconta: “Ho sempre il viso stanco, mi sveglio ogni mattina alle sei per andare a lavoro e non riesco più a dormire in queste condizioni.” Un simpatico commerciante della zona afferma ironicamente: “Hanno chiuso Ponte Persica, per non parlare delle Antiche terme, dei treni soppressi e dei turisti che passeggiano lungo i binari incuranti del pericolo … Io mi chiedo, di fronte ad una situazione tanto disastrosa, possibile che il migliore investimento da fare è traforare una povera montagna?” Ci si auspica che i futuri progetti siano realizzati per soddisfare le vere esigenze dei cittadini. Per il momento la questione del sottopasso in via Cosenza rimane aperta.

Video
play button

Sorrento - Chiuso definitivamente il depuratore di Marina Grande

Dopo gli interventi a cura di Gori, i reflui sono collettati all’impianto di punta gradelle.

12 ore fa
share
play button

Juve Stabia - Società e squadra a Palazzo Farnese

12 ore fa
share
play button

Juve Stabia - Crotone 1-1. Il commento a fine gara di mister Guido Pagliuca

16/04/2024
share
play button

Castellammare - 'Democrazia e Partecipazione: il dovere del voto responsabile'. Incontro con Don Mau

14/04/2024
share
Tutti i video >
Cronaca







Mostra altre


keyboard_arrow_upTORNA SU
Seguici