Cronaca
shareCONDIVIDI

Castellammare - Patto Cimmino-Aghina, la discoteca del clan diventa presidio di legalità

Contatti telefonici serrati tra il sindaco Gaetano Cimmino e il presidente del Tribunale di Torre Annunziata Ernesto Aghina per la destinazione dell’ex discoteca Plan B, confiscata nei giorni scorsi al clan D’Alessandro nella periferia nord di Castellammare di Stabia. L’obiettivo è creare un palazzo di giustizia a Castellammare.

tempo di lettura: 2 min
di red
14/10/2021 19:06:17

La discoteca del clan diventa presidio di legalità. Questo è l’intento del sindaco Gaetano Cimmino e del presidente del Tribunale di Torre Annunziata Ernesto Aghina, in contatto da giorni per valutare le prospettive future del bene appena confiscato alla camorra. L’Agenza Nazionale dei Beni Confiscati ha inoltrato al sindaco la comunicazione dell’avvenuta confisca dei terreni e delle strutture che ospitavano il Plan B, la discoteca gestita da Nino Spagnuolo, detto “capastorta”, che costituiva il fulcro del riciclo dei soldi derivati dai traffici di droga e armi e dalle estorsioni, che venivano impiegati nell’organizzazione di eventi, di concerti neomelodici.

Risale al 22 dicembre 2020 il sequestro delle quote societarie del locale gestito dal colonnello del clan D’Alessandro per creare un giro d’affari su una struttura che ha ospitato anche numerosi ospiti illustri, tutti inconsapevoli del circuito camorristico intorno a quell’area. Il primo cittadino Gaetano Cimmino ha inoltrato ai dirigenti dell’ufficio tecnico, dell’ufficio patrimonio e della polizia municipale la richiesta di organizzare ad horas un sopralluogo, concordandolo con l’Agenza Nazionale dei Beni Confiscati, per velocizzare le procedure mirate al recupero delle chiavi di quei cespiti, che includono 4 terreni in via Piombiera e 3 unità immobiliari in via Schito. L’obiettivo consiste nell’avviare quanto prima le attività di recupero di quel bene confiscato, che dovrà diventare un presidio di legalità gestito congiuntamente dal Comune e dal Tribunale di Torre Annunziata.

Il dialogo tra il sindaco Cimmino e il presidente Aghina è serrato. E la volontà di convertire quel bene confiscato in un presidio di legalità accomuna entrambi. La discoteca del clan, dunque, si appresta ad essere trasformata in un baluardo di giustizia e democrazia e ad ospitare probabilmente gli uffici distaccati del Tribunale. Un progetto che va avanti spedito e che in tempi brevi potrebbe anche concretizzarsi per infliggere l’ennesimo schiaffo al clan e testimoniare una volta di più la presenza dello Stato sul territorio.

Video
play button

Juve Stabia - Altobelli nel dopo gara: «Zero alibi, dobbiamo star zitti e pedalare»

Il centrocampista delle vespe in conferenza stampa dopo la sconfitta interna contro il Picerno.

17/10/2021
share
play button

Juve Stabia - AZ Picerno 2-3 - Novellino. «Il giocattolo non si è rotto». Tecnico esonerato

17/10/2021
share
play button

Juve Stabia - La conferenza stampa di mister Novellino alla vigilia della gara contro il Picerno

16/10/2021
share
play button

Passione Gialloblù analizza la sconfitta di Catania con l'ex tecnico Guido Carboni

12/10/2021
share
Tutti i video >
Cronaca







Mostra altre


keyboard_arrow_upTORNA SU
Seguici