giovedì 18 luglio 2019 - Aggiornato alle 22:19
Gori spa
StabiaChannel.it
Gori spa
Politica & Lavoro

Gragnano - Ospedale, «Nessuna chiusura. Nuove attività per la riabilitazione post ictus»


Il Consigliere Regionale Alfonso Longobardi: «Attuali numeri del reparto Psaut molto inferiori agli standard richiesti per la sicurezza di pazienti e operatori: programmato rafforzamento di personale nei reparti di eccellenza del nosocomio».

pavidas

«I numeri ufficiali registrati dal reparto Psaut dell'ospedale di Gragnano (appena 3 accessi al giorno, statisticamente pari allo zero) sono molto lontani dalla soglia minima prevista per garantire sicurezza ai pazienti ed agli operatori.  Per questo motivo l'Asl Napoli 3 Sud sta predisponendo una rimodulazione dei servizi e soprattutto del personale». Lo ha annunciato ilConsigliere Regionale della Campania, Alfonso Longobardi, Vicepresidente della Commissione Bilancio, che spiega. «Verranno così rafforzati i punti di eccellenza dell'ospedale che sono i reparti di: Epatologia, Cure Palliative e Terapia del dolore, Ricostruzione dei tessuti, Umaca. Va sottolineato inoltre che il servizio SAUT (Servizi di Assistenza ed Urgenza Territoriale) rimane intatto, le ambulanze e la rete del 118 continueranno a garantire il pronto intervento su tutto il territorio, considerando l'elevata esigenza di assistenza su un'area vasta quale è il comprensorio dei Monti Lattari.
Nell'ambito poi della riprogrammazione complessiva, di concerto con la Direzione dell'Asl Napoli 3 Sud, si è previsto di predisporre, nei locali finora impegnati per il Psaut, una nuova attività assistenziale con servizi specialistici a pazienti colpiti da ictus. Su questa patologia infatti si stanno riscontrando numeri in crescita ed il nostro territorio è sprovvisto per questa specifica esigenza sanitaria.


Dunque, in coerenza con quanto fatto finora, l'ospedale di Gragnano continuerà a specializzarsi su precise caratteristiche assistenziali: il nuovo reparto per la riabilitazione dei pazienti colpiti da ictus rappresenterà un nuovo fiore all'occhiello come oggi avviene per l'Epatologia guidata dal dottor Carmine Coppola, la Terapia del dolore e cure palliative guidata dal dottor Biagio Galizia, l'Umaca del dottor Ferdinando De Francesco e la Ricostruzione tessutale guidata dal dottor Marino Ciliberti. Già nei prossimi giorni sarò personalmente sul posto, con i vertici aziendali, per verificare tempi e modalità di attuazione dei nuovi servizi assistenziali da implementare nel presidio ospedaliero di riferimento dei Monti Lattari. Dunque, nessuna riduzione dell'assistenza e dei servizi, ma ampliamento e rafforzamento di reparti e attività specialistiche così da fornire risposte concrete ai Cittadini ed al territorio. Tutela piena e reale della salute di tutti, senza attività e reparti che non garantiscono gli standard minimi di sicurezza, per cittadini e operatori» ha concluso


news Chiude il Psaut di via Spagnuolo, tutti i cittadini dei Lattari dovranno recarsi al San Leonardo

sabato 9 febbraio 2019 - 08:05 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Politica & Lavoro


Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO