lunedì 22 aprile 2019 - Aggiornato alle 10:50
Gori spa
StabiaChannel.it
Gori spa
Politica & Lavoro

Castellammare - Smaltimento illecito rifiuti, Scala e Di Martino: «Si faccia subito chiarezza»


Dallo smaltimento illecito fino alle assunzioni clientelari in Am Tecnology: sulla città delle acque si potrebbe abbattere un vero e proprio ciclone giudiziario nelle prossime settimane

pavidas

E' caos rifiuti a Castellammare. Dallo smaltimento illecito fino alle assunzioni clientelari in Am Tecnology: sulla città delle acque si potrebbe abbattere un vero e proprio ciclone giudiziario nelle prossime settimane. Le indagini dei carabinieri del Noe sono ancora in corso. Al momento i militari hanno perquisito la sede dell'azienda a Sant'Antonio Abate mentre più di una volta si sono recati nell'isola ecologica di via Fondo d'Orto per analizzare le modalità di smaltimento dei rifiuti. L'ipotesi è che gli operatori ecologici, su indicazione dei vertici della società, mischierebbero tutto il materiale raccolto, non rispettando i criteri della raccolta differenziata. A confermare questo modus operandi ci sarebbero dei file audio (cinque in totale) che sono stati inviati ieri mattina alla redazione del quotidiano Metropolis. Il materiale riporta le parole degli addetti al servizio di raccolta i quali ordinano di mischiare gran parte del materiale. Audio che comunque sono stati consegnati alle forze dell'ordine per compiere tutti gli accertamenti del caso mentre i lavoratori attendono risposte dalla politica.

A riguardo è stata presentata un'interrogazione parlamentare da Carmen Di Lauro per far luce sul caso rifiuti mentre la politica cittadina attende l'evolversi dell'indagine. Il sindaco Gaetano Cimmino e l'assessore Gianpaolo Scafarto seguono i vari aggiornamenti prima di revocare, per esempio, l'appalto. Chi non ci sta e va all'attacco è invece il consigliere comunale Tonino Scala: «Lettere anonime, interrogazioni parlamentari, inchieste e chi più ne ha più ne metta, mentre tutto si trasforma in mera passerella con tanto di convocazione di Consiglio Comunale. Sono trascorsi ben 32 giorni da quella seduta, era l'11 marzo, nel quale maggioranza e opposizione, su nostra proposta, approvava un odg nel quale ci s'impegnava a istituire una commissione d'inchiesta su vicende serie che non possono e non devono essere oggetto solo ed esclusivamente di indagini della magistratura. Questo è il tanto decantato primato della politica!».

«Bene, anzi male, a più di un mese non c'è ancora la convocazione del consiglio per l'istituzione della stessa e si continua con lo scontro, questa volta a suon di chiavette Usb e denunce, mentre in Parlamento e in altri luoghi si discute di queste cose.


 E il Consiglio Comunale? Possiamo rimanere impassibili davanti a quello che sta accadendo? La maggioranza che governa la città ha voglia di fare sul serio? Oppure si tratta delle solite chiacchiere urlate al cielo per far vedere che si fa qualcosa? E la short list con la quale si chiedeva all'azienda di avere metodi più trasparenti in merito ad eventuali assunzioni? Noi siam pronti a fare la nostra parte, ma quanto tempo ancora la città deve aspettare? Possibile che come sempre Cimmino “decide di non decidere”? Cui prodest?» conclude il rappresentante di LeU in consiglio comunale.

Sulla stessa lunghezza d'onda anche il consigliere Andrea Di Martino: «Le notizie diffuse oggi dal quotidiano Metropolis sul funzionamento della raccolta differenziata, sono allarmanti ed in completa contraddizione con le rassicurazioni che il sindaco Cimmino, aveva fornito nell'ultimo consiglio comunale monotematico sui rifiuti. Qui si ipotizzano gravi reati ambientali, rispetto ai quali l'attuale sindaco nell'ultimo anno, si è evidentemente distratto. Anche sulle assunzioni è necessaria chiarezza immediata. Sembra che in questi ultimi mesi la pratica di assunzioni senza criterio sia continuata, nonostante che il consiglio comunale avesse fornito un indirizzo chiaro chiedendo la applicazione di norme trasparenti. Penso che a questo punto la commissione speciale concordata nell'ultimo consiglio comunale e che ancora attendiamo, non sia sufficiente più.

Se quello che si legge è vero e il Cimmino ha mentito al consiglio, siamo innanzi alla ennesima farsa di un sindaco incapace, che tenta di nascondere il fango con la propaganda. La magistratura vada fino in fondo, senza sconti per nessuno. Nel presente e nel passato. E dopo di che tutti gli organi preposti traggano le dovute conseguenze. Nelle prossime ore presenterò una interrogazione per raccogliere ulteriori informazioni da trasmettere agli organi inquirenti.»


news Castellammare - Presunte assunzioni pilotate in Am Tecnology, il caso finisce in Parlamento

sabato 13 aprile 2019 - 13:57 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Politica & Lavoro


Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO


Archivio Notizie

Seleziona il mese