Politica & Lavoro
shareCONDIVIDI

Castellammare - Realizzare il Parco Urban delle Acque, PD e LEU: «Chiediamo alla Regione di riaprire i termini»

I gruppi consiliari del Partito Democratico e di L.E.U. hanno presentato un Ordine del Giorno che impegna il Consiglio Comunale a richiedere al Consiglio Regionale la possibilità di riaprire i termini affinchè la città di Castellammare di Stabia possa presentare la necessaria documentazione per la realizzazione del Parco Urbano delle Acque.

tempo di lettura: 3 min
17/04/2021 19:32:35

I gruppi consiliari del Partito Democratico e di L.E.U. hanno presentato un Ordine del Giorno che impegna il Consiglio Comunale a richiedere al Consiglio Regionale la possibilità di riaprire i termini affinchè la città di Castellammare di Stabia possa presentare la necessaria documentazione per la realizzazione del Parco Urbano delle Acque. «Ad 11 anni dall’emanazione della Legge Regionale è stato perso fin troppo tempo - dicono - , Castellammare ha tutte le caratteristiche per vedere realizzato uno strumento che insieme alla tutela veda la promozione della nostre risorse naturali».

Di seguito il testo dell’O.d.G.:

Il Consiglio Comunale di Castellammare di Stabia
Visto che
la Legge Regionale 22 luglio 2009, n. 8 “Disciplina della ricerca ed utilizzazione delle acque minerali e termali, delle risorse geotermiche e delle acque di sorgente”, così come modificata in data 22 luglio 2009 come si evince dal Bollettino Ufficiale Regione Campania n. 48 del 3 agosto 2009 dal titolo "Modifica alla legge regionale 29 luglio 2008, n. 8 – Disciplina della ricerca ed utilizzazione delle acque minerali e termali, delle risorse geotermiche e delle acque di sorgente" prevede all’art. 2 :
• La regione Campania promuove l'istituzione di Parchi delle acque minerali con finalità di tutela ambientale e paesistica, con particolare riferimento alla tutela e promozione delle acque. Tali parchi sono gestiti secondo le forme associative previste dal decreto legislativo 18 agosto 2000, n.267 e successive modifiche, ricadendo ogni onere in capo ai soggetti associati.
• Risultano costituiti i Parchi per i quali gli enti locali esprimono o confermano la loro volontà associativa entro novanta giorni dall'entrata in vigore della presente legge;
Rilevato che
la città di Castellammare di Stabia ha tutte gli elementi per rientrare nelle casistiche previste dall’art. 2 della succitata norma per le sue caratteristiche di assoluta straordinarietà e particolarità che non ha eguali nel panorama nazionale e internazionale: in un tratto ben limitato geograficamente e urbanisticamente sgorgano 28 sorgenti con caratteristiche chimiche ed organolettiche ben differenziate. Questo in una fascia di territorio collocata tra Piazza Fontana Grande e La sorgente del Muraglione, comprendendo Via B.Brin e le strade limitrofe, Via Visanola, le antiche Terme, le sorgenti Madonna e Acetosella e la stessa Via Acton;
Constatato che
l'intera area meridionale stabiese di elevata valenza storica, necessita di una riqualificazione sociale ed ambientale che dovrebbe naturalmente passere per la riqualificazione del suo patrimonio sorgentizio;
Constatato altresì che
nonostante i buoni auspici il consiglio comunale in 11 anni non è stato in grado di produrre in tempo utile la documentazione per istituire il succitato Parco Urbano delle acque
Chiede
al Consiglio Regionale della Campania di riaprire, con una norma specifica, di ulteriori 90 giorni la finestra prevista dal comma due dell’art 2 della succitata norma, per dare la possibilità alla città di Castellammare di Stabia di poter produrre la documentazione prevista dalla legge regionale in questione e poter istituire un Parco Urbano delle acque così come previsto dalla norma in oggetto.

Video
play button

Castellammare - Affreschi trafugati restituiti al Parco Archeologico di Pompei. Tre alla Reggia

La riconsegna è avvenuta nel Museo Archeologico Libero D’Orsi. Gli interventi di Massimo OSANNA Direttore Generale dei Musei del Ministero della Cultura, Gabriel ZUCHTRIEGEL Direttore Generale del Parco Archeologico di Pompei, del Generale di Brigata Roberto RICCARDI, di Laura PEDIO, Procuratore Aggiunto della Repubblica presso il Tribunale di Milano e del sindaco Gaetano CIMMINO.

2 min fa
share
play button

Dialogo sui 24 CFU abilitanti all'insegnamento con il Giudicante messinese virtualmente competente

10 ore fa
share
play button

Juve Stabia - Verso il playoff col Palermo, le parole di mister Padalino

17/05/2021
share
play button

Castellammare - Legambiente e Forum dei Giovani ripuliscono l'arenile

16/05/2021
share
Tutti i video >
Politica & Lavoro







Mostra altre


keyboard_arrow_upTORNA SU
Seguici