giovedì 19 luglio 2018 - Aggiornato alle 18:38
bcp
StabiaChannel.it
bcp
Politica & Lavoro

Castellammare - Giunta, ci siamo. Dopo Scafarto ecco Lello Radice

All'attore stabiese le deleghe alla cultura e spettacolo. Gli altri assessori? La politica preme per avere poltrone.

pavidas

Cimmino sempre più in difficoltà a mettere insieme una giunta di tecnici, così come avrebbe voluto. Per ora sono solo due i nomi che è riuscito a convincere e a far digerire alla sua maggioranza. Si tratta dell’ormai da tempo assessore in pectore con deleghe alla sicurezza e legalità, Giampaolo Scafarto. A lui, secondo quanto abbiamo appreso, si aggiungerebbe Lello Radice, a cui andrebbero le deleghe alla cultura e spettacolo. Senza dubbio due profili che rispecchiano i criteri che Cimmino aveva detto di voler adottare, analizzando i loro curricula e valutandoli rispetto alle deleghe che ha deciso di assegnargli.

Sia nel caso di Scafarto che di Radice, infatti, si tratta di due personalità di indubbio spessore rispetto ai compiti che il sindaco intende affidargli. Non ha pesato sulla scelta di Cimmino l’inchiesta giudiziaria che riguarda il capitano del Noe coinvolto nel caso Consip. Sulla sua nomina ad assessore nei giorni scorsi si è espresso l’ex premier Matteo Renzi: «Oggi è sui giornali che il principale accusato di aver fabbricato prove false contro di me, contro la mia famiglia principale, un servitore dello stato un uomo che lavora con i carabinieri ha ricevuto un offerta politica per diventare assessore in una giunta guidata da Forza Italia in Campania» aveva detto in una diretta facebook sul proprio profilo. Ma a Cimmino tutto ciò non interessa, guarda alla professionalità della persona.

Stesso discorso per Lello Radice. Una carriera eccellente tra cinema e teatro.


Da tempo impegnato, nella veste di direttore artistico, a far rinascere a Castellammare il teatro di livello, organizzando ogni anno un cartellone di eventi di primissimo ordine. E proprio giovedì al Supercinema presenterà la nuova stagione di prosa a cui parteciperà, manco a dirlo, lo stesso sindaco Gaetano Cimmino. Sarà la prima uscita ufficiale al fianco del suo assessore alla cultura. E poco importa se Radice, appena due anni fa, ha sostenuto la candidatura a sindaco di Salvatore Vozza, politicamente agli antipodi rispetto a Cimmino.

Il resto della giunta? E’ top secret. Solo indiscrezioni che filtrano dagli ambienti della politica, a volte anche per sviare dai reali obiettivi. Tra gli ultimi nomi “spifferati” c’è quello di Amedeo Di Nardo a cui addirittura si attribuirebbe la poltrona di vicensindaco. Lui ovviamente non conferma e si trincera in un secco «non credo». In queste difficoltà, inoltre, Cimmino pare abbia ripensato al suo fedelissimo Vincenzo Ungaro, da portare in giunta con delega al bilancio. Una ipotesi inizialmente scartata per garantire in assise una presenza esperta ed una guida per il gruppo consiliare di maggioranza. Ma ora urge prendere delle scelte e presentare la giunta. Domani o al massimo giovedì dovrebbe essere la data giusta. Senza dimenticare che sulla scrivania del sindaco c’è sempre la lista degli assessori politici, quella presentata dalle liste della sua coalizione, pronti e scalpitanti davanti al portone di Palazzo Farnese per prendere posto nell’aula di giunta.

news Castellammare - Cimmino ha le ore contate. La giunta politica è già pronta


Gli ultimi articoli di Politica & Lavoro

martedì 10 luglio 2018 - 08:31 | © RIPRODUZIONE RISERVATA



Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi alfa forma Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Scuola Calcio Nicola De Simone Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi alfa forma Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Scuola Calcio Nicola De Simone Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO

StabiaChannel.it
StabiaChannel TV

I PIÚ VISTI DELLA SETTIMANA


Archivio Notizie

Seleziona il mese