martedì 13 novembre 2018 - Aggiornato alle 20:47
bcp
StabiaChannel.it
bcp
Politica & Lavoro

Castellammare - Am Tecnology, sindacati da Cimmino: «Tanti i problemi. Occorre una short list comunale»

Stipendi pagati in ritardo, contributi previdenziali non versati, difficoltà logistiche nel raggiungere la sede aziendale fuori città: tante le problematiche portate all'attenzione del sindaco.

pavidas

Incontro a Palazzo Farnese questa mattina tra il sindaco Gaetano Cimmino ed i sindacati di Am Tecnology. Un confronto richiesto più volte dai rappresentati dei lavoratori della ditta che si occupa di igiene urbana a Castellammare di Stabia per portare all’attenzione del primo cittadino le varie problematiche che da mesi vivono e denunciano a mezzo stampa. Stipendi pagati in ritardo, contributi previdenziali non versati, difficoltà logistiche nel raggiungere la sede aziendale fuori città: sono queste alcune delle questioni portate al tavolo dai sindacati, insieme a diverse proposte per migliorare il servizio.

«Il sindaco si è mostrato sensibile alle problematiche che gli abbiamo esposto – hanno spiegato a StabiaChannel.it le sigle sindacali al termine dell'incontro - Si è fatto carico delle varie problematiche e nei prossimi giorni, insieme all’assessore all’ambiente Gianpaolo Scafarto, ne discuterà direttamente con i responsabili di Am Tecnology».

Tra le tematiche più care ai lavoratori c’è sicuramente quella legata al fatto di non avere una sede aziendale sul territorio stabiese. Ogni giorno, mezzi e uomini della ditta, sono costretti a percorrere vari chilometri prima di essere completamente operativi. Una perdita di tempo che, inevitabilmente, si ripercuote negativamente anche sulla qualità del servizio. «Abbiamo proposto al sindaco di utilizzare, come area di base per le attività di spazzamento, quella di via Salvatore Di Giacomo, già anni fa utilizzata allo scopo dalla Multiservizi – ci hanno raccontato i sindacati -  Inoltre, alle spalle dell'area dell'isola ecologica in Fondo d'Orto si potrebbero realizzare gli uffici e la zona di sosta per gli automezzi. Ora il sindaco ne parlerà con l’azienda per capire se quest’ultima ha la volontà di effettuare determinati investimenti».

Ma non è tutto. Negli ultimi giorni si è assistito ad un braccio di ferro fra i lavoratori ex Avis e Am Tecnology.


Questi ultimi, da diverso tempo ormai, si occupavano stabilmente di attività di manutenzione straordinaria sul territorio di Castellammare di Stabia per conto proprio di Am Tecnology che ha però deciso di ridurre l'orario di lavoro degli operatori e ha dimezzato loro lo stipendio. I 12 lavoratori che sono entrati a far parte della raccolta rifiuti e che provenivano dall'Avis, lavoreranno in pratica solo 15 giorni al mese e con uno stipendio ridotto. Per questo motivo, hanno deciso di non presentarsi a lavoro e creare un disservizio non di poco conto all'azienda. «Anche di questa problematica abbiamo parlato con Cimmino – precisano i sindacati – L’idea che abbiamo avanzato è quella di formare una short list comunale, con all’interno lavoratori stabiesi ormai senza una occupazione. Tra questi, quando ce ne sarà bisogno, Am Tecnology dovrà attingere per affidare lavori di urgenza. Ci riferiamo, ad esempio, alla copertura del servizio di igiene urbana nel periodo di Natale, quando c’è più bisogno. Oppure per coprire i turni di ferie dei dipendenti fissi. Non bisogna infatti dimenticare che il personale di Am Tecnology è in sottorganico rispetto alle necessità. Molti lavoratori, nel corso degli ultimi anni, sono andati in pensioni, altri deceduti, altri ancora licenziati. E nessuna assunzione è stata fatta per sostituire queste uscite. Del resto si tratta di una soluzione già adottata da altri comuni, come ad esempio a Torre Annunziata. Inoltre, constatiamo che, quando c’è bisogno, vengono impiegate ditte e personale non di Castellammare. Non vogliamo discriminare altri lavoratori, ma sicuramente bisogna dare priorità a quelli stabiesi. E anche su questo tema il sindaco si è mostrato concorde con noi».

Non resta dunque che attendere l’esito dell’incontro tra il sindaco Gaetano Cimmino e dell’assessore Gianpaolo Scafarto con i dirigenti della Am Tecnology e capire come questi ultimi intendano risolvere le criticità sollevate dai lavoratori.


news Caos nel settore rifiuti: Am Tecnology non paga gli stipendi e gli operatori disertano il lavoro

news Il sindaco Cimmino: «No alla rescissione del contratto»

news Am Tecnology, dipendenti dal sindaco: «Tanti i disagi, si valuti la rescissione del contratto»


martedì 2 ottobre 2018 - 18:41 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Politica & Lavoro


Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio Scuola Calcio Nicola De Simone ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio Scuola Calcio Nicola De Simone ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO


Archivio Notizie

Seleziona il mese