lunedì 27 maggio 2019 - Aggiornato alle 10:29
dginformatica
StabiaChannel.it
dginformatica
Dal Mondo

La tecnologia nelle scuole migliora l’apprendimento degli studenti


pavidas

Oggi giorno è sempre più normale vedere bambini e ragazzi che usano telefoni cellulari, computer o tablet a scuola. L'istruzione utilizza questi strumenti per aiutare gli alunni ad apprendere in maniera più semplice e anche personalizzata. È proprio per questo che ogni anno sempre più scuole implementano questi dispositivi per i loro studenti, rendendo così le lezioni più motivanti che mai.

Benché i furti nelle scuole accadano molto più spesso da quando negli edifici si trovano questi computer e tablet, le direzioni scolastiche sono ormai decise a investire sempre più nella tecnologia e nell’innovativa istruzione maggiormente interattiva.

I primi vantaggi dell’utilizzo di questi dispositivi è la loro praticità. Ad esempio, iPad e tablet possono sostituire libri di testo pesanti. Gli smartphone consentono inoltre una rapida ricerca e accesso ad applicazioni didattiche che altrimenti richiederebbero tutto un altro tipo di strumenti molto più costosi. Anche i social network risultano utili, in quanto offrono l'opportunità di aumentare la comunicazione tra genitori e insegnanti.

L’uso di computer, smartphone e tablet a scuola indiscutibilmente rende l'apprendimento piacevoli. Gli studenti trovano gli argomenti più interessanti e divertenti da imparare. Spesso grazie all’uso di applicazioni infatti, gli insegnanti possono includere giochi, lezioni virtuali o altri metodi interattivi per invogliare anche gli alunni più distratti. Con un libro di testo standard è più difficile non rendere noiose alcune lezioni.

L’uso delle tecnologie moderne offre inoltre una migliore preparazione per il futuro ai ragazzi. Saper utilizzare determinati programmi e applicazioni, o imparare a scrivere in maniera fluida su una tastiera per computer, sono senz’ombra di dubbio dei vantaggi notevoli che, gli studenti di altri tempi non avevano. Avere determinate competenze è fondamentale nel XXI secolo.

Secondo alcune ricerche, gli studenti tengono a immagazzinare meglio le informazioni, quando usano la tecnologia come strumento di apprendimento.


In un particolare studio, per esempio, è stato chiesto a 2 gruppi di alunni di fare una presentazione su un animale. A metà studenti è stato chiesto di farla in maniera tradizionale, il secondo gruppo invece poteva crearla tramite PowerPoint. A fine risultato, gli alunni appartenenti al secondo gruppo ricordavano meglio le informazioni rispetto ai compagni del primo gruppo.

Non è da sottovalutare anche il vantaggio della personalizzazione delle lezioni da parte degli insegnanti. Gli studenti imparano a ritmi diversi e con i metodi tradizionali non è facile riuscire a dare a ciascuno dei compiti e delle sfide secondo il proprio livello. La tecnologia semplifica molto il lavoro dei professori, che possono quindi diversificare ogni lezione.
Quasi tutte le applicazioni e i programmi consentono istruzioni personalizzate.

La tecnologia cambia velocemente, ma quando è introdotta a livello scolastico, predispone gli alunni a ‘crescere’ e cambiare con lei. Tuttavia, è importante ricordare che non deve essere un sostituto completo dei metodi tradizionali. Dovrebbe essere usata per arricchire l'esperienza di apprendimento in generale e per migliorare i risultati.

Secondo un’indagine di skuola.net il dispositivo tecnologico più presente nelle classi è la lavagna interattiva multimediale anche se, in buona parte delle scuole del Sud, sembra che venga tenuta perennemente spenta. Sempre secondo la stessa ricerca, sono in media il 58% degli alunni che non usano nessun tipo di dispositivo per la didattica, con un picco nel Sud del 78%.

È comunque giusto ricordare che l'implementazione e la manutenzione di computer e altro nelle scuole possono essere costose. Fortunatamente esistono piani di pagamento agevolati sia per l’acquisto dei dispositivi che per i software e le applicazioni da usare. Ormai anche in Italia l’uso di determinati dispositivi tra le pareti scolastiche è quasi prassi e questo è un bene, perché “La scuola è il nostro passaporto per il futuro, poiché il domani appartiene a coloro che oggi si preparano ad affrontarlo” (Malcom X).


mercoledì 13 marzo 2019 - 12:38 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Dal Mondo


Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO


Archivio Notizie

Seleziona il mese