domenica 8 dicembre 2019 - Aggiornato alle 21:44
dginformatica
StabiaChannel.it
dginformatica
Cronaca

Gragnano - La latitanza del boss non rovina gli affari: spaccio ed estorsioni in mano ai Di Martino


L'arresto di Fabio Di Martino e la latitanza di Antonio Di Martino non complicano gli affari della cosca di Gragnano

pavidas

Gli arresti e la latitanza non complicano gli affari del clan. Nonostante le operazioni che hanno colpito Fabio Di Martino, arrestato ad inizio anno per spaccio in penisola sorrentina, e Antonio Di Martino, latitante dal mese di dicembre scorso, la cosca fondata da Leonardo Di Martino, alias o' lione, controlla senza difficoltà il territorio dei Monti Lattari. A confermarlo è la Dia, Direzione Investigativa Antimafia nella seconda relazione semestrale del 2018. Gli inquirenti, analizzando il comprensorio stabiese, ritengono il clan di Gragnano e di Pimonte il più forte e organizzato grazie anche alle alleanze strette nel corso del tempo con i D'Alessandro di Castellammare. La lontananza di Antonio Di Martino, che nell'inchiesta Olimpo è raffigurato come un boss spietato e sanguinoso, non rovina le iniziative criminali della cosca che continua a intimorire gli imprenditori e ad imporre loro il pizzo.

Ma il vero business della famiglia è sicuramente lo spaccio. I Di Martino, sfruttando i sentieri dei Lattari, puntano tutto sulla coltivazione della marijuana che poi viene venduta alla famiglia D'Alessandro di Castellammare di Stabia che a sua volta la gira al clan Imparato del Savorito per servirla nelle piazze di spaccio.


Una catena di montaggio ormai consolidata che non è stata messa in discussione dagli arresti e dalle operazioni delle forze dell'ordine. Polizia e carabinieri sono sulle tracce di Antonio Di Martino da sette mesi ma il boss ha fatto perdere le sue tracce per sfuggire all'arresto. Con il padre in carcere, così come la madre Annamaria Molinari, per qualche mese le redini del clan sono state in mano a Fabio Di Martino. Quest'ultimo, marito della figlia del ras dei D'Alessandro Paolo Carolei, è stato però arrestato nel febbraio scorso in una maxi operazione dei carabinieri in penisola sorrentina. Nonostante ciò, il potere della cosca non è in discussione.

Ad Agerola, tuttavia, il clan egemone è ancora quello degli Afeltra. Questa organizzazione criminale è stata colpita anch'essa dalla maxi operazione Olimpo di dicembre scorso ma nonostante ciò resta la cosca più pericolosa presente nella piccola comunità montana.



Gragnano - La latitanza del boss non rovina gli affari: spaccio ed estorsioni in mano ai Di Martino

sabato 20 luglio 2019 - 17:05 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Cronaca


Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO