sabato 17 novembre 2018 - Aggiornato alle 07:09
farmacia san carlo
StabiaChannel.it
farmacia san carlo
Cronaca

Boscoreale - Pestò un 19enne assieme al branco per motivi sentimentali: condannato il figlio del boss Falanga

In 4 a bordo di un'auto noleggiata avevano raggiunto l'abitazione della giovane vittima e atteso il suo rientro a casa. Poi il pestaggio violento.

pavidas
   Tribunale di Torre Annunziata

Raid punitivo di primavera con un 19enne, arrivano sentenze e prime condanne per i quattro violenti: alla base del gesto motivi amorosi. Lo scorso maggio un adolescente di Boscoreale fu infatti brutalmente assalito da quattro persone, tra i quali successivamente si scoprì esserci anche un soggetto ritenuto vicino al clan Gallo-Limelli-Vangone. Durante il pestaggio il padre della vittima intervenne in soccorso del figlio per placare l'ira degli aggressori, ma anch'egli fu a sua volta picchiato dal branco.

Quello che fin da subito agli investigatori è sembrato essere un raid punitivo ben accurato, poi, si era chiuso con lo scippo di due catenine d'oro e la rapina di uno scooter per la fuga. L'episodio venne comunque ricostruito in fretta: i quattro violenti furono infatti arrestati, adesso sono stati condannati a pene tra i tre e i quattro anni di reclusione. Il branco - secondo quanto afferma la sentenza di primo grado - era capeggiato dal 20enne Marco Raffaele Falanga, detto 'lo scopone', figlio del boss Felice 'o castagnaro', del clan Gallo-Limelli-Vangone.

I carabinieri della stazione di Boscoreale, agli ordini del comandante Massimo Serra, avevano arrestato in flagranza di reato per la doppia aggressione e per rapina aggravata anche Carmine Angelo Perna (pregiudicato 24enne) e gli incensurati Gennaro Prete (24 anni) ed Emanuele Cirillo (18 anni).


A bordo di un'auto noleggiata, i quattro avevano raggiunto l'abitazione della giovane vittima e atteso il suo rientro a casa. Poi il pestaggio violento.

Il 19enne riuscì fortunatamente a farsi sentire dal padre che, intervenendo, era stato malmenato dai quattro. "Volevano sparare", hanno raccontato le due vittime agli inquirenti, ma per fortuna è stata solo una minaccia. Dopo l'aggressione, la fuga in sella al motociclo con la refurtiva: due collanine d'oro. Il raid punitivo sarebbe scattato per una presunta relazione tra la vittima e la compagna di uno dei quattro. Lo scooter fu in seguito ritrovato e restituito al legittimo proprietario. Padre e figlio si sono costituiti parte civile al processo, concluso con la condanna in abbreviato per gli aggressori.



giovedì 8 novembre 2018 - 19:14 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Cronaca


Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio Scuola Calcio Nicola De Simone ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio Scuola Calcio Nicola De Simone ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO


Archivio Notizie

Seleziona il mese