mercoledì 21 agosto 2019 - Aggiornato alle 20:41
farmacia san carlo
StabiaChannel.it
farmacia san carlo
Cronaca

Boscoreale - Caos sgomberi al Piano Napoli: 29enne incinta accusa un malore e finisce in ospedale


La famiglia avrebbe tutti i requisiti per ottenere l'abilitazione, ma non è risultata assegnataria della stessa.

pavidas
   Immagine di repertorio non associata alla notizia

Altro giro e altro 'regalo' per la situazione sgomberi abusivi a Boscoreale. In mattinata i carabinieri della stazione locale, guidati del maresciallo Massimo Serra e coordinati dal maggiore Simone Rinaldi della compagnia di Torre Annunziata, hanno recapitato l'ennesima ordinanza di sfratto a carico di una famiglia del Piano Napoli. Come spesso accaduto, anche stavolta non sono mancati attimi di tensione, con i residenti del quartiere popolare di via Settetermini che hanno fatto scudo ai destinatari del provvedimento e riversato immondizia nei vicoli per ostacolare il lavoro di militari.

Secondo quando risulta, infatti, la famiglia in questione avrebbe tutti i requisiti per ottenere l'abilitazione, ma non è risultata assegnataria della stessa. Ulteriori frizioni con l'effettivo proprietario, poi, avrebbero fatto degenerare la situazione fino all'ordinanza odierna. Sul posto è sopraggiunto in un secondo momento anche il sindaco di Boscoreale, Antonio Diplomatico, che ha provato la mediazione con gli inquilini.


Attimi di paura si sono registrati quando la 29enne incinta da sfrattare ha accusato un malore che ha richiesto l'intervento di un'ambulanza: i sanitari del 118 hanno provveduto al trasporto della signora presso l'ospedale di Boscotrecase, dove le sarebbero stati prescritti 5 giorni di riposo assoluto.

Proprio su questo punterà la richiesta dell'avvocato della famiglia di prorogare la permanenza in casa per la 29enne. Lo stato di necessità della donna potrebbe infatti indurre i giudici oplontini all'indulgenza. L'alternativa porta inevitabilmente alla richiesta di sanatoria: la nuova legge da approvare in Regione a luglio prevederebbe infatti l'ingresso nella graduatoria di assegnazione degli alloggi popolari dei cittadini che non abbiano precedenti penali, che siano in regola con i canoni di locazione, che abbiano residenza e che siano intestatari di un contratto di fornitura elettrica. Agevolazioni di che certo farebbero comodo a molti.


martedì 25 giugno 2019 - 17:23 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Cronaca


Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO