giovedì 19 luglio 2018 - Aggiornato alle 18:38
adraporte
StabiaChannel.it
adraporte
Terza Pagina

Campania - Poco personale e società private: così muore il 118

Cisl Fp e Cisl Medici unite nell'appello al Ministro Grillo.

pavidas

Diciotto persone aggredite, alcune delle quali con prognosi di 30 giorni. Diciotto, tra medici e infermieri, assaliti durante il turno di servizio nei pronto soccorso napoletani. E’ il bilancio di quanto accaduto negli ultimi 40 giorni nei nosocomi partenopei. Un tema che si lega a doppio filo con le condizioni disagiate di lavoro degli operatori della sanità pubblica. La Cisl Fp e la Cisl Medici lanciano l’appello sulle gravi criticità legate all’emergenza territoriale del 118 al ministro della Sanità Giulia Grillo.

“Non sono più accettabili le continue aggressioni agli operatori che riempiono le pagine della cronaca locale e che pagano la inefficace organizzazione, la mancanza di mezzi e strumenti e, soprattutto, devono  fare i conti  con un organico del tutto insufficiente per la garanzia del servizio”. Le parole sono di Luigi D’Emilio segretario Cisl Fp Napoli e provincia. Ed eccoli i numeri del “disastro 118”:

Nella Città di Napoli a fronte di 27 ambulanze previste dalla legge ve ne sono solo 17 per circa 700 interventi. Come se non bastasse, questi 17 veicoli versano in condizioni di scarsa autonomia per la mancanza delle dotazioni strumentali all’emergenza.

“Chiediamo il preciso rispetto del D.M. 70/2015 che prevede un rapporto di 1 a 60.


000 e che vedrebbe così il giusto numero di ambulanze con medico ed infermieri per il trasporto protetto. Non è più concepibile aspettare l’evento tragico per trovare le solite soluzioni tampone, così come negli ultimi accadimenti” hanno spiegato Luigi D’Emilio segretario della Cisl Fp Napoli e Provincia e il dottor Aniello Pietropaolo, segretario della Cisl Medici.

“Non è più possibile sostenere un sistema dove le Onlus ed il volontariato, invece di integrare il servizio, ne diventano parte essenziale. E talvolta il sistema nasconde opacità nell’affidamento del servizio” ha concluso Pietropaolo.

La Cisl Funzione Pubblica fa appello al ministro Grillo affinché vengano rispettati i tre punti fondamentali del servizio pubblico:

·         Rispetto del fabbisogno minimo delle ambulanze con medico a bordo e contrasto alla politica di de medicalizzazione delle unità 118

·         Impiego di organico in numero sufficiente e con personale dedicato colmando le carenze organiche e strutturali

·         Dotazione di mezzi idonei con il rinnovo dei parchi ambulanze delle Asl campane.


Gli ultimi articoli di Terza Pagina

mercoledì 11 luglio 2018 - 17:32 | © RIPRODUZIONE RISERVATA



Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi alfa forma Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Scuola Calcio Nicola De Simone Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi alfa forma Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Scuola Calcio Nicola De Simone Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO

StabiaChannel.it
StabiaChannel TV

I PIÚ VISTI DELLA SETTIMANA


Archivio Notizie

Seleziona il mese