venerdì 19 aprile 2019 - Aggiornato alle 20:28
dginformatica
StabiaChannel.it
dginformatica
Sport

Volley - A2 Femminile. Rimonta epica per le dragonesse di coach Bracci: sconfitta la capolista Perugia, play-off più vicini


L'analisi della schiacciatrice Giulia Melli: «Credevo nella svolta: bisognava soltanto che si accendesse quella fiammella per poi scatenare l'inferno»

pavidas

Rimonta al cardiopalma per la Golden Tulip VolAlto 2.0 Caserta, che si tira fuori dalle sabbie mobili con feroce determinazione, e porta a casa 2 punti di fondamentale importanza per la corsa play-off. Una vittoria attesa da troppo tempo (10 febbraio, gara d’esordio in pool promozione contro Trento) e giunta oltrepassando i propri limiti per infliggere la seconda sconfitta in sette gare alla capolista Perugia. Il trionfo del roster guidato da coach Marco Bracci riapre completamente i giochi a 3 gare dalla fine: le dragonesse infatti rosicchiano 1 punto a Ravenna e ben 2 a Orvieto, sconfitta a Marignano e detentrice dell’ultimo posto utile per la post-season a sole 4 lunghezze di distanza. Ma non è tutto, perché il 7 aprile Caserta farà visita proprio a Ravenna in uno scontro diretto da urlo, mentre Orvieto avrà un calendario sulla carta molto impegnativo, ricevendo sia Trento che Perugia con la squadra di Nicola Negro rientrata prepotentemente in corsa per la promozione diretta nell’ultimo week-end. Le dragonesse care al patron Nicola Turco avranno dalla loro il calore di un pubblico caldissimo, ma sempre corretto e leale: al Palavignola arriveranno Marignano e Torino, per continuare ad inseguire il sogno A1.

Coach Marco Bracci parte con Dalia in cabina di regia e Matuszkova opposto, Melli e Cella in banda, Frigo e Repice centrali con Maggipinto libero. Risponde Perugia con la palleggiatrice Demichelis in diagonale con Smirnova, quindi Pascucci-Pietrelli, Casillo-Kotlar con Bruno libero.

PRIMO SET. Umbre subito sul doppio vantaggio, ma Repice in fast e Melli lungolinea dopo un magistrale salvataggio in tuffo di Matuszkova su pallonetto di Demichelis rimette subito i giochi in parità. Matuszkova fa malissimo in pipe (4-4), Perugia prova a scappare con l’ace di Kotlar (5-8) ma Cella si esalta prima a muro e poi trovando il mani out perugino, quindi Dalia sfida la legge di gravità ed a filo rete mette a Repice la palla giusta per sfondare il taraflex (8-8). Si prosegue punto a punto: preciso pallonetto di Melli su bagher di Dalia (11-12), poi l’ex Club Italia si ripete di potenza per il 12-12. Frigo sfonda centralmente (13-13), quindi bomba di Matuszkova (15-15) con la capolista che piazza un break pesante costringendo Marco Bracci a chiedere time-out (17-19). Le dragonesse accorciano con Matuszkova da seconda linea (20-21), e poi accelerano ulteriormente: Frigo non perdona, monster block di Melli su Kotlar, quindi la stessa Melli riceve e poi va raccogliere la palla di Dalia per piazzare il 23-22. Sembra fatta, ma in dirittura d’arrivo Caserta si fa infilare: tre punti consecutivi Perugia che chiude con l’attacco vincente in diagonale di Smirnova (23-25).

SECONDO SET.  Pietrelli fa e disfa, quindi la tentacolare Frigo chiude la porta in faccia a Pascucci e Kotler, tanto per gradire (4-2). Matuszkova premia il tuffo di Maggipinto passando tra le mani del muro (5-3), con Cella che bombarda senza soluzione di continuità (8-6). Melli affonda in parallela, quindi l’ace di Repice porta Caserta a +3 (11-8). Melli spazzola l’incrocio delle righe, Matuszkovia piazza un lob vincente, mentre la fast strettissima di Repice segna il 16-14. Matuszkova piega le mani del muro umbro (19-16), ma all’improvviso si spegne la lampadina e Perugia impatta sul 19-19. Matuszkova riporta le rosanero avanti, ma Smirnova ed il muro su Cella mandano le ospiti sul 20-22. Frigo e Cella non mollano, ma Smirnova assesta il colpo decisivo per il 22-25.

TERZO SET. Caserta non ci sta, e ritorna sul taraflex con grande impeto. Melli subito a referto di giustezza a culminare uno scambio lungo ed estenuante, quindi Cella piazza un ace in zona 5 (2-0). Repice con astuzia trova il mani fuori, Melli raccoglie il bagherone di Cella per allungare ulteriormente le distanze (5-1). Perugia non è capolista per caso: accorcia sul 5-4, poi dopo la zampata di Matuszkova piazza un break pesante e va a condurre 7-9. Le dragonesse sono una furia, Repice mura Pietrelli, magia di seconda firmata Dalia e sassata di Cella in 5 per il controsorpasso del 12-11. Punto a punto fino al 13-13, poi sull’ace di Demichelis si fa male Cella (nulla di grave, ma esce in via precauzionale rimpiazzata da Giugovaz) e Pascucci piazza il 13-16. Sembra finita, ma nel momento di massima difficoltà le ragazze di Bracci si guardano negli occhi e tirano fuori gli artigli perché nel loro vocabolario la parola arrendersi non è mai stata presente. Si accende la scintilla, con la consapevolezza di non poter gettare al vento un’intera stagione con troppo anticipo. Cambia la musica con Ludovica Dalia in battuta: 2 ace e 3 traccianti scagliati dalle mani educatissime di Melli e set completamente ribaltato sul 18-16. Picchia forte Matuszkova, emulata da Cella che manda in confusione Perugia: invasione fin troppo evidente e 22-18 sul tabellone. Caserta allunga con l’attacco lungolinea di Matuszkova, Smirnova non trova le misure del campo e poi Repice la chiude alla sua maniera: 25-20 e giochi riaperti.

QUARTO SET. L’inerzia della gara è ormai cambiata.


Caserta ha il fuoco dentro e non sbaglia più nulla, mentre la capolista va in confusione con le giocate più facili che improvvisamente diventano complicatissime. Matuszkova dà lezioni di pipe, Melli e Frigo si esaltano ed il bagher di Maggipinto cade nella terra di nessuno tra lo stupore delle ragazze umbre (5-3). Frigo è un colosso sotto rete, Matuszkova sentenzia con Perugia che prova a dare il colpo di reni impattando sull’11-11. Ma è soltanto un fuoco di paglia. Melli in battuta mette in crisi la ricezione umbra: +4 Caserta sull’attacco abbondantemente out di Smirnova (15-11). Ace di Frigo (17-12), quindi Matuszkova prima va segno con un missile e poi piazza il servizio vincente per il 19-13. È un monologo rosanero: ancora ace per Matuszkova, le mani di Dalia diventano un muro insormontabile per Pietrelli, quindi Frigo va a segno con il più facile dei tap-in sulla ricezione imprecisa che non riesce a leggere la traiettoria velenosa di Cella dai 9 metri (23-14). Perugia non passa più: Smirnova murata da Repice e poi Melli va ancora a segno per il 25-16 che porta le dragonesse a giocarsi tutto al tie-break.

QUINTO SET. Nel momento più delicato c’è soltanto una squadra in campo, e veste la maglia rosanero. Repice subito a segno, Frigo mostra grande reattività sotto rete, e Melli suggella un lunghissimo scambio mettendo a terra il punto del 4-0 (il martello rosanero chiuderà a quota 20). Il servizio di Kotlar tocca il nastro e poi cade lentamente out, quindi Melli chiude la porta in faccia a Smirnova (6-1). Muro vincente anche di Matuszkova, Dalia lancia Frigo in primo tempo, ed il pallonetto delicato di Matuszkova piomba a terra fissando il risultato sul 10-4. Dalia gioca d’astuzia, Repice trova l’ace ed il servizio mestamente in rete di Kotlar manda Caserta al match-point. La chiude Frigo, coronando una prestazione superlativa: 23 punti, 1 ace e 3 muri. Trionfo di orgoglio, con le dragonesse che vogliono continuare a tener vivo l’obiettivo play-off.

Soddisfatta a fine gara la schiacciatrice rosanero Giulia Melli:

IL LAVORO È LA CHIAVE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI. “Sfortunatamente siamo un po’ calate nell’ultimo periodo perdendo 5 partite. Stiamo lavorando sodo ed i risultati si sono visti già nell’ultima trasferta a Trento dove siamo uscite sconfitte soltanto al tie-break. Ci è mancato un pizzico di lucidità nel quarto set, e se fossimo state più cattive dal punto di vinta agonistico forse l’avremmo spuntata noi. Contro Perugia siamo partite subito agguerrite, lottando punto a punto fin dal primo set. Anche sotto 0-2 ci abbiamo creduto fino in fondo, e siamo riuscite a conquistare un successo davvero importante”.

SUCCESSO PER LA SVOLTA. “Onestamente fin dall’inizio ero convinta che questa sarebbe stata per noi la partita della svolta. Bisognava soltanto che si accendesse quella fiammella per poi scatenare l’incendio. Non so dire esattamente cosa abbia cambiato radicalmente l’inerzia della gara: forse ci abbiamo messo ancora più rabbia, temendo per le condizioni di Elisa (Cella, rientrata poco dopo il leggero infortunio, ndr). C’è stata grande reazione, e poi abbiamo mantenuto il livello altissimo fino al termine della gara. Siamo state sempre concentrate e cariche, limitando al minimo gli errori e non permettendo mai alle nostre avversarie di rientrare in partita. Perugia è un’ottima squadra, se le concedi un’unghia poi si prende tutto il braccio, e siamo riuscite a metterle sempre più pressione fino all’ultimo punto”

LO SPETTACOLO DEL PALAVIGNOLA. “Siamo state tutte brave, a cominciare dalla nostra regista Ludovica Dalia, abilissima a mettere palle sontuose sia a destra che a sinistra, tanto che Perugia a un certo punto non ci ha capito più nulla andando in totale confusione. Il suo lavoro ci ha sicuramente agevolato nella finalizzazione degli scambi. Ora continueremo a lavorare inseguendo il sogno play-off, con il gap che si è sensibilmente ridotto. La prossima settimana giochiamo di nuovo in casa contro Marignano, abbiamo dalla nostra parte un grande pubblico che ci aiuterà a gettare sempre il cuore oltre l’ostacolo”.   

 
GOLDEN TULIP VOLALTO 2.0 CASERTA – BARTOCCINI GIOIELLERIE PERUGIA 3-2 (23-25, 22-25, 25-20, 25-16, 15-9)

GOLDEN TULIP VOLALTO 2.0 CASERTA: Dalia 6, Maggipinto (L), Frigo 23, Repice 12, Melli 20, Cella 14, Matuszkova 20. Cambi: Fucka, Ghilardi, Giugovaz. N.e.: Trevisiol. All: Bracci

BARTOCCINI GIOIELLERIE PERUGIA: Casillo 10, Pietrelli 15, Bruno (L), Kotlar 7, Demichelis 5, Smirnova 27, Pascucci 13. Cambi: Donà. N.e.: Marchi, Fastellini, Santibacci, Bigini, Gierek. All: Bovari.


lunedì 25 marzo 2019 - 18:04 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Sport


Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO


Archivio Notizie

Seleziona il mese