giovedì 14 dicembre 2017 - Aggiornato alle 22:06
dginformatica
StabiaChannel.it
dg informatica
Politica & Lavoro

Torre Annunziata - Cimitero, «Vogliamo dignità e giustizia»

Il M5S: «È arrivato il momento di dire basta allo scempio in cui versa il cimitero di Torre Annunziata».

pavidas

«È arrivato il momento di dire basta allo scempio in cui versa il cimitero di Torre Annunziata». A gridarlo sono gli attivisti del Movimento 5 Stelle oplontino.

«Ci riferiamo alla camera mortuaria che da decenni è in uno stato pietoso a causa dell’estremo abbandono e dell’incuria che hanno provocato una situazione di estremo degrado – dicono - Nonostante il susseguirsi delle amministrazioni comunali, nessuno si è mai fatto carico di questa situazione che ha dello scandaloso. Il cimitero, come altre infrastrutture comunali, è un fattore importantissimo di civiltà e di immagine. Abbiamo difficoltà soltanto a immaginare a cosa possa pensare un forestiero che, per ovvi motivi, dovesse entrare nella sala mortuaria della nostra città. Una vergogna! Anticipiamo la risposta dei politici locali e cioè che ci sono progetti e progettoni della comunità europea, budget faraonici e mega strutture. Questo, poi, si vedrà. Nel frattempo, è obbligatorio lavorare sulla struttura esistente effettuando un restyling decente».

«L’altro aspetto importante che vogliamo evidenziare è la famigerata delibera n. 39 del 4/6/2015 – proseguono ancora i grillini - riguardante l’approvazione del regolamento di polizia mortuaria. Questa delibera si rese necessaria, all’epoca, per far fronte alla mancanza di loculi nel cimitero torrese.


Come “deterrente” fu deciso di applicare un’ulteriore tassa per i defunti che, pur essendo torresi, avessero la residenza in altre città o all’estero. A parte il fatto che questa gabella la troviamo assolutamente ingiusta, ma ora (nel 2017) è venuta a cadere la situazione di emergenza di cui sopra perché – a seguito di lavori – sono aumentati i loculi. Quindi, a questo punto, non ci sembra giusto che una persona nata a Torre Annunziata, che vive la città quotidianamente e che, soltanto per motivi economici o lavorativi, risiede a Trecase debba pagare una ulteriore tassa per essere seppellito nella città natia. Noi chiediamo la revisione di questa gabella».

Quindi, la proposta del M5S. «L’amministrazione comunale, se proprio ritiene necessario mantenere questo ulteriore salasso, potrebbe effettuare una revisione del regolamento e decidere di semplificare la tabella in questo modo: il defunto che risiedeva in un comune della Campania è esente dal pagamento e prevedere solo due fasce: residenza in Italia (Campania esclusa) ed estero.

Noi cittadini del meetup Cinque Stelle Torre Annunziata, insieme all’attivista Ciro Langella che ha sollevato la questione e che, purtroppo, è incappato in questa vera e propria ingiustizia a giorni protocolleremo una richiesta di incontro con il sindaco Vincenzo Ascione».


Gli ultimi articoli di Politica & Lavoro

news Sant'Agnello - Elezoni, c'è Fratelli d'Italia. Infuso sfida i duellanti Sagristani e Orlando

news Boscoreale - Carta d'identità elettronica, da lunedì iniziano le emissioni

news Castellammare - Sint, il Comune rientra nell'assemblea dei soci. Avviato il percorso verso la manifestazione d'interesse

news Castellammare - Ecco i consiglieri comunali più presenti in tutto il 2017, Ungaro e Amato in testa

news Castellammare - Piano casa, scadenza imminente. Campania Libera si rivolge alla Regione: «Prorogare i termini»


giovedì 28 settembre 2017 - 20:22 | © RIPRODUZIONE RISERVATA



Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi alfa forma Rionero Caffè
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi alfa forma Rionero Caffè
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO