martedì 20 agosto 2019 - Aggiornato alle 21:13
Gori spa
StabiaChannel.it
Gori spa
Politica & Lavoro

Pompei - Caos vigili, niente accordo: settimana semifestiva per i caschi bianchi, e a maggio c'è la Supplica


L'accordo paventato dal sindaco Amitrano non c'è, i sindacati 'mostrano i muscoli' in vista della Supplica: previsti tre giorni lavorativi su sette.

pavidas

La frittata, a livello locale, è già stata abbondantemente servita. Ora il rischio è quello di propagare la figuraccia a livello nazionale. La Pasqua pompeiana ha infatti costretto polizia di stato e carabinieri agli straordinari per l'assenza dei vigili urbani. Come è ormai consuetudine, i caschi bianchi di piazza Schettini si limitano all'orario di ufficio, con chiusura pomeridiana e nei giorni festivi. Serrande chiuse, dunque, per Pasqua e Lunedì dell'Angelo.

Questa settimana i giorni segnati in rosso sul calendario non sono finiti: giovedì 25 aprile, infatti, vedrà gli agenti nuovamente a casa. Con il suddetto lunedì di Pasquetta, oltre che ai canonici sabato e domenica, le giornate di chiusura diventano così ben quattro in una settimana, con le altre tre restanti mattinate di regolare servizio. Una situazione paradossale per una città che in primavera vive di turisti in arrivo da tutto il mondo per le meraviglie del parco archeologico.

E dire che nemmeno una settimana fa il sindaco di Pompei Pietro Amitrano aveva annunciato in pompa magna il ripristino del fondo ausiliario per la produttività del personale, con tanto di presenza in strada della Municipale nei giorni pasquali.


Notizia smentita poche ore dopo dagli stessi sindacalisti di Cgil, Cisl e Uil. Nel week end la conferma nei fatti, con il comando ancora deserto. Beffardo, in questo senso, il dato relativo alle entrate agli Scavi, che hanno certificato l'inizio della bella stagione.

Il prossimo 8 maggio, peraltro, andrà in scena la Supplica alla Madonna del Rosario che vedrà la città pullulare di pellegrini proveniente da tutta Italia. Se a ottobre la situazione era stata salvata in extremis dalle promesse del primo cittadino davanti al prefetto, questa volta la sensazione è che il tempo delle parole per l'amministrazione di palazzo De Fusco è abbondantemente superato. Il rischio annullamento e conseguente figuraccia nazionale, è più che mai concreto.


martedì 23 aprile 2019 - 18:10 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Politica & Lavoro


Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO