venerdì 15 novembre 2019 - Aggiornato alle 19:16
farmacia san carlo
StabiaChannel.it
farmacia san carlo
Politica & Lavoro

Castellammare - TIN con poco personale, infermieri chiedono il trasferimento in altri reparti


Nuova situazione di criticità al San Leonardo. I sindacati: «Scriveremo a chi anni fa ha partecipato in prima fila all'inaugurazione del reparto».

pavidas

Richieste di trasferimento di massa per le infermiere del reparto di di terapia intensiva neonatale dell’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia. Il motivo? Condizioni di lavoro non idonee allo svolgimento ottimale delle mansioni. Tradotto nella pratica: poco personale disponibile per ciascun turno.

Quello della TIN del nosocomio stabiese è un reparto in cui viene perlopiù effettuata la terapia intensiva neonatale, dove cioè i neonati prematuri ricevono le prime cure. A questa delicata attività si aggiunge poi quella legata al pronto soccorso pediatrico nonché il supporto fornito alla sala parto. Ogni giorno il reparto ospita mediamente 26 neonati, oltre a gestire – come detto – le urgente del pronto soccorso. In ogni turno sono impiegate di media 5 infermiere, senza considerare i periodi emergenziali in cui si registrano ferie o malattie. Secondo il personale si tratta di un numero troppo ridotto rispetto alla mansioni che sono chiamate ad espletare e che non gli permette di instaurare il giusto rapporto anche umano con i piccoli pazienti. Di norma, invece, dovrebbero essere presenti 6 infermieri più uoa per il pronto soccorso.

Per questo, alcune settimane fa, hanno scritto una nota indirizzata alla caposala del reparto, al primario ed alla direzione sanitaria del San Leonardo. Hanno chiesto di intervenire per rinfoltire il personale del reparto aumentando il numero di infermiere per ciascun turno. Una richiesta fatta poi pervenire anche ai sindacati di categoria ai quali hanno chiesto il necessario supporto.

Trascorsi invano diversi giorni e non avendo avuto alcun segnale dall’azienda, in molte hanno quindi deciso di presentare una richiesta di trasferimento presso altri reparti.


Un’azione forse provocatoria, ma necessaria – secondo il loro punto di vista – per cercare di smuovere le acque in merito alla loro iniziale richiesta.

Un reparto che fu inaugurato qualche anno fa alla presenza del governatore della regione Campania, Vincenzo De Luca e di tutti i vertici dell’ASL Na 3 SUD. «Ed è che a loro scriveremo per primi» tuonano i sindacati che scendono in campo per tutelare i diritti dei lavoratori.

«Il numero di infermieri pediatrici in organico alla TIN è palesemente insufficiente – dicono Raffaele Amodio e Antonio Cascone, in qualità di referenti territoriali della FSI USAE - La maggior parte del personale infermieristico della TIN è esposto ad un alto rischio lavorativo, con una conseguente concreta dequalificazione e demansionamento professionale. Mancano gli infermieri e manca il personale di supporto come invece previsto dal piano sanitario regionale e questo fa sì che il personale ad horas in servizio lavori con ritmi elevatissimi con rischio stress/lavoro correlato». Ed è per questi motivi che Amodio e Cascone annunciano «Dura Battaglia. Come al solito vengono calpestati i diritti dei lavoratori in una Unità Operativa poi ad alta complessità dove tutelare il diritto alla salute è come sempre un dovere e un piacere.  La Tin è un fiore all'occhiello del San Leonardo e la dobbiamo preservare in quanto tale».



Castellammare - TIN con poco personale, infermieri chiedono il trasferimento in altri reparti

mercoledì 18 settembre 2019 - 12:07 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Politica & Lavoro


Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO