martedì 20 agosto 2019 - Aggiornato alle 21:13
bcp
StabiaChannel.it
bcp
Politica & Lavoro

Castellammare - Lavori Apu, pronto lo stato di agitazione entro il weekend


Ad agosto la scadenza del progetto, lunedì prossimo gli operatori incroceranno le braccia per recarsi sotto palazzo Farnese a chiedere rassicurazioni.

pavidas

Il progetto a Castellammare era partito a febbraio, con qualche mese di ritardo sulla tabella di marcia ma con i migliori auspici per il suo prosieguo. I lavori di pubblica utilità, denominati per l'appunto Apu, rappresentano un ammortizzatore sociale di fondamentale importanza per le famiglie di 50 stabiesi impiegati per le più basilari attività di aiuto alla comunità. A due mesi dalla scadenza semestrale, tuttavia, non ci sono ancora notizie sul rinnovo dell'iniziativa coordinata direttamente dal Ministero del Lavoro. Proprio quest'incertezza sta spingendo gli operatori all'esasperazione.

«Sappiamo bene che la responsabilità non sono riconducibili direttamente al Comune di Castellammare - spiegano gli stessi lavoratori Apu in vista della 'dead line' di agosto -, ma il sindaco Cimmino nei mesi scorsi, poco prima delle elezioni europee, si è fatto debiti con la bocca. Promise di anticipare lui stesso i fondi per dare continuità al progetto, ora si rifiuta addirittura di incontrarci». Per questo motivo il coordinatore regionale degli operatori Giovanni Pagano proclamerà, di concerto con i sindacati, lo stato di agitazione entro venerdì.

«Siamo pronti a indire uno sciopero e a recarci di persona sotto palazzo Farnese con le tute da lavoro addosso per far sentire la nostra voce - dicono a Stabia Channel -, le istituzioni devono darci delle rassicurazioni convocando un tavolo tecnico.


Per 580 euro al mese, senza disoccupazione e assegni familiari, lavoriamo la mattina sotto al sole con ritmi estenuanti. Ci sentiamo importanti per questa città, effettuiamo lavori come la scerbatura in villa comunale o la pulizia del cimitero senza le quali l'Ente sarebbe in difficoltà. Vorremmo solo capire quale sarà il nostro destino, con chiarezza».

E per farlo una delegazione degli Apu incontrerà direttamente a Roma il ministro Luigi Di Maio. I fondi, infatti, saranno erogati direttamente ai Comuni dallo Stato, bypassando la Regione. In ballo c'è il futuro di tutti gli oltre 2mila lavoratori sparsi in tutta la Campania. A febbraio la giunta Cimmino, tramite la delegata alle Politiche sociali Antonella Esposito, aveva espresso la volontà di prorogare il progetto per altri 6 mesi. Al momento la situazione pare essersi arenata, con le parti in causa ferme ad attendere le decisioni che verranno prese nella Capitale. In settimana l'azione della manovalanza stabiese proverà a smuovere le acque.


mercoledì 12 giugno 2019 - 14:53 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Politica & Lavoro


Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO