Dal Mondo
shareCONDIVIDI

Firenze - Crollo in un cantiere di un supermercato, recuperato il corpo della quarta vittima

Cede una trave, travolti in otto. I vigili del fuoco, che hanno lavorato tra le macerie tutta la notte, hanno recuperato il corpo di un quarto operaio.

tempo di lettura: 7 min
di Leonardo Roselli per Ansa
17/02/2024 09:23:42

Strage di operai a Firenze nel crollo in un cantiere per la costruzione di un supermercato Esselunga nell'area dell'ex Panificio militare. All'alba recuperato il corpo della quarta vittima. Resta un disperso, tre i feriti, due gravi, ma non in pericolo di vita.

Sempre nel corso delle notte era stato recuperato il corpo di un'altra delle vittime già individuate nel tardo pomeriggio di ieri tra le macerie del cantiere di via Mariti. L'incidente è stato causato dal cedimento di una trave che ha provocato un crollo a catena dei solai: otto le persone travolte tra gli operai impegnati nella costruzione del supermercato. Le operazioni dei vigili del fuoco proseguono per trovare l'ultimo operaio che ancora manca all'appello. Il bilancio al momento è di quattro morti, tre feriti e un disperso. Tra le vittime un italiano di 60 anni, Luigi Coclite, di origine nordafricana le altre. Tutti originari della Romania i tre feriti: hanno 37, 48 e 51 anni.
Oggi proclamato il lutto cittadino a Firenze - con un minuto di silenzio alle 15, col sindaco Dario Nardella che sarà presente in piazza della Signoria - e quello regionale in Toscana.

Il crollo è avvenuto poco prima delle 9 di venerdì mattina, presumibilmente alle 8.52, accompagnato da un boato e una nuvola di polvere, investendo una squadra di otto operai: "A un certo punto una grande trave di cemento armato al quarto piano del supermercato, che era già stata collocata prima, ha ceduto da un lato. A catena ha generato una serie di crolli e i corpi delle persone sono finiti nel seminterrato. Le operazioni sono anche molto difficoltose" per il rischio che si generino "dei crolli a cascata". Impegnate nelle ricerche numerose squadre di vigili del fuoco dell'Usar, anche con cinofili, droni, escavatori e gru del cantiere.

Cordoglio è stato espresso dal capo dello Stato, Sergio Mattarella, in una telefonata al sindaco fiorentino, Dario Nardella che, in viaggio istituzionale in Terrasanta, ha interrotto la missione per rientrare a Firenze. La premier Giorgia Meloni ha affermato di seguire "con apprensione l'evolversi della situazione". Marina Caprotti, presidente di Esselunga ha espresso "profondo cordoglio e vicinanza alle famiglie delle vittime del gravissimo incidente. Siamo sconvolti per quanto avvenuto. In segno di lutto nel pomeriggio i negozi Esselunga della città di Firenze verranno chiusi".

La procura di Firenze ha aperto un fascicolo, al momento senza indagati, per crollo colposo e omicidio colposo. Il cantiere è sotto sequestro. I tecnici Asl hanno ascoltato personale del cantiere. Il procuratore capo di Firenze Filippo Spiezia ha svolto un sopralluogo di circa due ore e mezza. Con lui anche il pm di turno d'urgenza Francesco Sottosanti, che già stamani aveva effettuato un lungo sopralluogo. L'ipotesi è che abbia ceduto una trave o un dente di pilone.

Dal cartello esposto ai limiti del cantiere, l'impresa esecutrice dei lavori risulterebbe l'Aep Attività Edilizie Pavesi, con sede a Pieve del Cairo (Pavia). Tuttavia, secondo quanto appreso da fonte sindacale, la costruzione del nuovo supermercato sta impegnando oltre 30 aziende in subappalto. La società committente dei lavori risulterebbe La Villata spa, Immobiliare di investimento e sviluppo, con sede a Milano.
In base a quanto riferito sempre da Giani, che ha fatto la spola tra il cantiere e il vicino ospedale di Careggi dove sono ricoverati i tre feriti, erano presenti oltre 50 persone stamani al lavoro nel cantiere. Il complesso dell'ex Panificio militare, tra via Ponte di Mezzo e via Mariti, era stato dismesso dagli anni '70, ed Esselunga ha avviato i lavori nel luglio 2021. Nel progetto sono previsti oltre 5.200 mq di aree di uso pubblico suddivise tra un giardino e un parcheggio alberato.

I sindacati hanno proclamato uno sciopero regionale di due ore, per il 21 indetta un'astensione dal lavoro a livello nazionale. Ci sono stati anche momenti di tensione a un presidio organizzato da Cgil, Cisl e Uil di Firenze davanti alla prefettura nel pomeriggio per una contestazione ai sindacalisti da parte di manifestanti riconducibili all'area antagonista e ai collettivi di area anarchica.  


"Nel 2023 ci sono stati mille morti sul lavoro e spesso questi incidenti sono prodotti dal sistema del subappalto e della logica degli appalti al massimo ribasso. Voglio ricordare però che è stato questo Governo a modificare il codice degli appalti e a reintrodurre il subappalto a cascata", ha detto il leader della Cgil, Maurizio Landini, commentando l'incidente sul lavoro a Firenze. "È necessario che ci sia una reazione immediata e penso anche che sia necessario arrivare alla prossima settimana a un'iniziativa generale, che proporrò anche agli altri sindacati, perché non è più accettabile continuare a morire sul lavoro".

"Sono disgustose le parole di Maurizio Landini, che commenta l'incidente sul lavoro a Firenze incolpando anche il nuovo codice degli appalti: il segretario della Cgil ignora che le nuove norme sono state volute dall'Europa, tanto che l'Italia era a rischio infrazione, e che nulla c'entrano con la tragedia. Il livore ideologico della Cgil non si ferma neppure davanti alle tragedie". Così una nota della Lega.

 

VideoFirenze, crolla solaio in un cantiere supermercato: ci sono vittime
Per approfondire Agenzia ANSAI morti sul lavoro sono stati oltre mille nel 2023, quasi tre al giorno - Notizie - Ansa.itIn tutto sono 1.041 le denunce di incidenti mortali sul posto di lavoro arrivate all'Inail in dodici mesi, in tutto il 2023. Quasi tre morti al giorno anche se in calo rispetto all'anno scorso e agli anni precedenti fino al pre-Covid (ANSA)
 

Per approfondire Agenzia ANSADalla Thyssen a Brandizzo, una scia infinita morti bianche - Notizie - Ansa.itQuello di oggi a Firenze è solo l'ultimo di una serie infinita di incidenti mortali sul lavoro avvenuti nei cantieri. (ANSA)
 

Meloni: 'Cordoglio per le vittime'
"A nome mio e del Governo esprimo cordoglio per le vittime del crollo di una trave avvenuto in un cantiere a Firenze. Seguo con apprensione l'evolversi della situazione e ringrazio quanti stanno partecipando alle ricerche dei dispersi e alle operazioni di soccorso dei feriti. Le nostre più sentite condoglianze alle famiglie colpite da questa terribile tragedia". Così la presidente del Consiglio Giorgia Meloni sui social.

Nardella: 'Mattarella ha espresso il suo cordoglio'
"Ringrazio sentitamente il presidente Mattarella per avermi espresso al telefono vicinanza e cordoglio per la tragedia al cantiere Firenze. Ho proclamato lutto cittadino per domani con sospensione di tutti gli eventi. Anticiperò rientro dalla Terra Santa con il primo volo utile". Lo ha scritto su X il sindaco di Firenze Dario Nardella a proposito della tragedia di via Mariti a Firenze.

Il presidente della Regione Toscana: 'Proclamato domani il lutto regionale'
"Con profondo dolore, esprimo le condoglianze a nome di tutta la Toscana alle famiglie delle vittime dell'incidente nel cantiere in Toscana. Ho proclamato il lutto regionale per la giornata di domani per stringerci tutti al dolore delle famiglie. Un sincero ringraziamento alle forze dell'ordine e a tutti i soccorritori per il loro straordinario impegno". Lo ha scritto sui social, il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani. 

Anmil: 'Il crollo di Firenze non è una fatalità'
"Quanto vale la vita di un lavoratore e quanto siamo disposti ad accettare che intere famiglie piangano e si trovino in gravi difficoltà a causa della mancanza di sicurezza nei luoghi di lavoro, quella che dovrebbe essere costituzionalmente garantita?" Lo afferma il presidente dell'Anmil, Zoello Forni sull'incidente avvenuto in un cantiere a Firenze dove il crollo di una trave di cemento armato ha provocato un cedimento a catena all'interno del cantiere di un nuovo supermercato Esselunga.

"Morire sul lavoro ancora oggi è inaccettabile e vergognoso - dichiara la vice presidente della Fondazione Anmil 'Sosteniamoli Subito' Paola Batignani, vedova di Alessandro Rosi, morto nel 2019 nel capannone di un'acciaieria di Cremona in cui era stato allestito un cantiere per lavori di manutenzione e rimasto schiacciato da una trave - ma soprattutto quello che è grave è che non siamo capaci di rispettare norme e mezzi di protezione che potrebbero salvare la vita di centinaia di lavoratori, lasciando invece che imprenditori senza scrupoli non ci rimettano nulla e la loro responsabilità finisca con un patteggiamento e nessuno paghi veramente per questa morti ingiuste ed evitabili".

"Con i nostri 250.000 iscritti lanceremo subito un appello a tutti gli italiani, affinché di questi problemi non si parli solo in qualche breve spazio di cronaca o raccontando in modo ripetitivo di alcuni casi singoli, come se fossero accadimenti straordinari e non i numeri di una strage quotidiana che vede contare almeno 4 morti al giorno", conclude Forni.

Video
play button

Juve Stabia - Crotone 1-1. Il commento a fine gara di mister Guido Pagliuca

«Il pubblico è stato spettacolare, questa è anche la vittoria di Castellammare. Abbiamo vinto un campionato difficile contro squadre organizzate e con una forte identità».

7 ore fa
share
play button

Castellammare - 'Democrazia e Partecipazione: il dovere del voto responsabile'. Incontro con Don Mau

14/04/2024
share
play button

Pompei - Dai nuovi scavi emerge un salone decorato con soggetti ispirati alla guerra di Troia

11/04/2024
share
play button

Juve Stabia - Accoglienza da BBBrividi al Menti per la squadra gialloblè

09/04/2024
share
Tutti i video >


keyboard_arrow_upTORNA SU
Seguici