domenica 8 dicembre 2019 - Aggiornato alle 01:02
bcp
StabiaChannel.it
bcp
Juve Stabia

Juve Stabia - Tonucci e Calvano: ''garra charrua'' al servizio delle Vespe


Denis Tonucci e Simone Calvano si stanno affermando come uomini chiave per l'obiettivo salvezza della Juve Stabia e come interpreti perfetti della "garra charrúa". Grinta, energia e sudore al servizio delle Vespe.

pavidas

La Juve Stabia, dopo una partenza disastrosa in campionato, si è parzialmente risollevata e il pareggio interno contro il Benevento capolista ne è la prova. Ma soprattutto, la squadra di mister Fabio Caserta, si è riscoperta testarda e combattiva. Qualità che da sempre hanno contraddistinto la compagine stabiese e delle quali finora non vi è stata traccia. Merito, certamente, della grinta trasmessa dal mister e della trascinante passione del pubblico del Romeo Menti. Merito, soprattutto, di alcuni elementi della rosa gialloblé che hanno preso per mano la squadra, guidandola con grinta e determinazione: Denis Tonucci e Simone Calvano su tutti. Uomini chiave, insomma, per l'obiettivo salvezza. 

La Serie B è un campionato duro e ostico. La "terra di mezzo" tra il palcoscenico d'élite della Serie A e l'inferno incandescente della Lega Pro. Un purgatorio dove bisogna tirare fuori gli artigli e affrontare di petto ogni partita e ciascuna situazione di gioco. L'habitat perfetto per calciatori che fanno della "garra charrúa" uno stile di vita, prima ancora che un modo di approcciarsi al calcio. L'unione di grinta, energia e sudore di cui Tonucci e Calvano sono sembrati, in questo avvio di stagione, interpreti eccellenti. Insomma, leader carismatici esemplari, che trasmettono alla squadra carattere e personalità per affrontare anche le battaglie più ardue. 

Una citazione interessante sulla quale la Juve Stabia deve riflettere e fondare la sua salvezza è, probabilmente, quella di Jules Rimet: "Nel calcio, giocare bene a volte non basta.


Devi anche farlo profondamete". Ecco perché avere in squadra fautori della "garra charrùa", tanto cara a Daniele Adani, rappresenta un quid di cui le Vespe non possono fare a meno. Si tratta di un concetto dalle origini incerte, di matrice certamente sudamericana, di cui gli elementi essenziali sono l'impegno fisico, lo sforzo caratteriale e il coinvolgimento emotivo. La "garra charrúa" è, dunque, partecipazione, concitazione, sacrificio, voglia di vincere e prevalere sull'avversario. Una miscela rara di qualità e attributi che si evince in ogni contrasto aereo di Denis Tonucci e da ogni intervento in tackle di Simone Calvano. Una cattiveria agonistica di cui la Juve Stabia può e deve fare tratto peculiare della propria identità di squadra. 

Tenacia e coraggio come rimedio alle avversità. Seguendo l'esempio dei Charrúa, gli indios precolombiani che vivevano sulle sponde del Rio della Plata e che fino all'ultimo respiro contrastarono il feroce colonialismo dell'epoca. Senza mai indietreggiare, nemmeno di fronte al fato più beffardo. Il mitico Oscar Tabarez, definendo al meglio gli uruguaiani, disse: "Nunca favoritos, siempre desde atràs" (Mai favoriti, sempre partendo da dietro). Si comprende, dunque, che l'obiettivo salvezza della Juve Stabia passa dal concetto teorico e pratico di "garra charrúa". Probabilmente, Tonucci e Calvano l'hanno capito fin dal principio.



Juve Stabia - Tonucci e Calvano: ''garra charrua'' al servizio delle Vespe

venerdì 15 novembre 2019 - 19:16 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Juve Stabia


Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO