lunedì 22 aprile 2019 - Aggiornato alle 10:50
Gori spa
StabiaChannel.it
Gori spa
Juve Stabia

Juve Stabia - Sale l'attesa per un sabato Bestiale. E tutti pronti a salire sul 'carro del Manniello'


Lettera gialloblè: «In città, dalle Istituzioni ai commercianti non vi è nessun vessillo gialloblè esposto. Perchè?».

pavidas

Lettera gialloblè

Sabato 20 aprile 2019 si annuncia come uno di quei giorni che sa riaccendere una passione mai assopita. Un giorno, una data che "rischia" di diventare storica per la città delle acque. Il fermento, la fede, l'amore per quella "camiceta" che dal 1907 ci inorgoglisce, d'improvviso si materializzano. Quello che ognuno di noi ha dentro, lascia l'anima e si eleva verso l'infinito. La nostra JuveStabia è attesa da 90 minuti tutti da vivere, tutti da godere.

In un sabato Pasquale scoppia la pace interiore e ci si ritrova, finalmente, a riassaporare quella "pace collettiva" orami smarritasi nei meandri delle quotidiane cattiverie.

In 90 minuti, allo stadio San Marco, pardon Romeo Menti, migliaia di stabiesi saranno pronti a sostenere, sino all'inverosimile, i ragazzi del grande "condottiero" Fabio Caserta. Un mister da "standing ovation"...un patrimonio da difendere a lungo. Un mister qualunque, un mister venuto dal niente....un mister "inventato" dal presidentissimo Manniello.

Si, proprio il presidente Franco, quell'uomo brizzolato che da bambino tifava JuveStabia e da adulto ha saputo condurla, attraversando la  storia e raggiungendo la leggenda.

Un uomo sempre "solo" al comando del calcio stabiese, un uomo che ha preferito vivere contrasti di vita vera, tra gli affetti familiari e la passione gialloblè. Un esempio tangibile di come si possa amare 2 cose in modo diverso : la famiglia ed il calcio. Un duello fratricida tra i sentimenti di un uomo e la recondita memoria infantile.


Che bello, che sensazioni. Sentire gli applausi, i cori dei propri sostenitori è un'emozione che non ha eguali.

Proprio quelle emozioni vere, genuine, schiette e colorite che solo i "ragazzi della curva sud", per intenderci quelli del 12° uomo in campo, sanno regalare. Si, regalare in cambio di niente. Questa è la fede indelebile e non strumentalizzata.

Giocatori, allenatore, presidente, tifosi....tutti presenti, tutti sempre uniti, sia nelle sconfitte che nelle vittorie. Loro si....loro lo fanno da sempre.

Il resto della città invece assiste, guarda, giudica e, a cose fatte, applaude. Non basta tutto questo per la serie B, non basta ora come non bastò nel vicino anno 2011 e..... non potrà bastare oggi.

In città, dalle Istituzioni ai commercianti non vi è nessun vessillo gialloblè esposto. Perchè? Forse è solo una disattenzione.

Ma siamo tutti stabiesi, tutti pronti a salire sul "carro del Manniello", d'altronde siamo fatti cosi! prendere o lasciare. E allora prendiamo.....nei prossimi giorni prepariamo il palcoscenico cittadino in modo elegante e passionale.

Da Palazzo Farnese, attraversando le attività commerciale e percorrendo le strade cittadine, esponiamo fieramente un vessillo gialloblè. Un segno tangibile di riconoscimento per la nostra squadra, per i nostri colori, per il nostro cuore, per il nostro essere FIERI STABIESI......nonostante TUTTO!!!

Giuseppe Mercatelli


mercoledì 17 aprile 2019 - 09:21 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Juve Stabia


Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO


Archivio Notizie

Seleziona il mese