domenica 21 aprile 2019 - Aggiornato alle 21:42
Gori spa
StabiaChannel.it
Gori spa
Juve Stabia

Juve Stabia - Le vespe guardano avanti, obiettivo Rieti


Buone notizie dall'infermeria in vista del match contro il grande ex Capuano

pavidas
   Mister Fabio Caserta

La Juve Stabia dovrà ripartire con l’orgoglio di sempre. È questo il diktat di mister Fabio Caserta dopo la sconfitta di Catania decisa dal dubbio rigore decretato per effetto di un contatto tra Marzorati e Marotta in avvio di gara. «Si tratta senz’altro di un episodio da interpretare – ha sottolineato il trainer gialloblù al Massimino –, dalla panchina mi è parso dubbio. Onestamente sono orgoglioso della prestazione della mia squadra, abbiamo affrontato gli etnei a viso aperto andando spesso al cross e rendendoci più volte pericolosi a fronte di una singola azione costataci cara in termini di risultato. Sono del parere che l’ultima sia stata una delle più belle partite dei miei uomini da quando alleno, ci è mancato solo il gol. Ho puntato su Melara per la grande duttilità e la nota esperienza doverosa al cospetto di un pubblico così caloroso e numeroso, poi nella ripresa ho schierato Elia ed El Ouazni per cercare maggiore profondità quando Novellino è passato alla difesa a quattro. Non me la sento di definirla una sconfitta indolore in riferimento al contemporaneo ko del Trapani, la ritengo troppo immeritata per riuscire a mandarla giù senza ripensarci. Ovviamente non ne faccio un discorso di record, quelli servono a poco. Anzi, sono orgoglioso che la prima sconfitta sia giunta al Massimino a marzo inoltrato». Le vespe hanno ancora una volta dovuto fare i conti con un organico falcidiato dagli infortuni. «Non me la sono sentita di rischiare Vitiello e Mezavilla, ho preferito tenerli ancora a riposo per ritrovarli al top nelle prossime settimane.


In questa fase dobbiamo gestire con razionalità ogni uomo, già Troest e Marzorati sono stati costretti a scendere in campo seppur non al meglio. Siamo consapevoli che le prossime gare varranno quanto e più quella di Catania, a partire dal Rieti. Ho sottolineato ai ragazzi che ci attendono sfide ancora più complesse e che conta solo chi arriverà in fondo per primo. La Juve Stabia non è stanca né fisicamente, né mentalmente, semplicemente, come dimostra il 4-1 della Virtus Francavilla sul Trapani, il girone di ritorno riserva maggiori difficoltà rispetto a quello di andata. Abbiamo sempre affermato che sarebbe stato impossibile confermare il rendimento della prima parte del campionato, dunque non bisogna sorprendersi che le distanze si siano assottigliate. Il nostro obiettivo dovrà ora essere quello di vincerle tutte, poi è chiaro che paradossalmente chi insegue, come lo stesso Catania, avrà il vantaggio di giocare con meno pressioni non avendo nulla da perdere. Ora è prematuro fare bilanci, vedremo a maggio a chi andranno i complimenti e chi invece sarà processato. Da qui in avanti conterà solo vincere». Contro il Rieti dell'ex Eziolino Capuano le vespe dovrebbero riabbracciare con tutta probabilità il terzino destro Vitiello, assente di lusso nelle ultime tre gare. Un rientro importante, assieme al miglior Marzorati, per una difesa desiderosa di riscoprirsi impenetrabile. La Juve Stabia vuole riaprire le ali, il primato è l’unica cosa che conta.


giovedì 21 marzo 2019 - 08:16 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Juve Stabia


Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO


Archivio Notizie

Seleziona il mese