Cronaca
shareCONDIVIDI

Castellammare - Smettetela di sottovalutarlo, perché questo virus esiste davvero

Lettera dall'inferno del San Leonardo: «Vi farei provare l’IMPOTENZA.. perché ad un certo punto nessun tentativo vale più, non funziona più nulla... e rimaniamo lì ad aspettare la fine»

tempo di lettura: 3 min
09/11/2020 08:05:53

Dall'inferno del San Leonardo, da quelle "4 mura", c'è - per fortuna - qualcuno che ha ancora un pò di forza per raccontare quanto accade. Una operatice sanitaria racconta quello che i suoi occhi vedono e le sue orecchie sentono. E ci "regala" la sua esperienza per farci capire quello che sta accadendo lì dentro, dentro le ambulanze ferme nel parcheggio dell'ospedale San Leonardo, nelle stanze piene di barelle con persone allo stremo delle loro forze, persone che hanno "fame di ossigeno", che muoiono senza poter avere nessun familiare accanto. E questa, forse, è il dolore più grande che questo virus arreca alle persone: morire soli in un letto d'ospdale senza poter ricevere l'abbraccio ed il conforto delle persone che amano.

Lettera dall'inferno:

Non scrivo questo post per dirvi ancora quanta paura si prova a stare in quei reparti, nè per ripetervi quanto fanno male i dispositivi di protezione, nè per ricevere un po’ di compassione per noi “eroi”... perché così ci definite,no?
La realtà però è un’altra.
Noi non siamo super eroi, se avessimo avuto i superpoteri, avremmo messo fine a tutta questa sofferenza da tempo.
Non abbiate compassione, per noi, che stiamo combattendo questa guerra da soli, in quelle 4 mura, contro cosa? Un qualcosa che non riusciamo a sconfiggere...
Voglio, però, che iniziaste ad avere compassione per tutte quelle persone che si trovano in quei letti, con delle cavolo di maschere in faccia, collegate a macchinari per riuscire a respirare...
ma so che nemmeno scrivendo queste cose capireste, perché, ahimè, c’è gente che non crede in questo virus e che pensa sia solo un complotto...
Chi non vede, non crede ...ed è proprio cosi.
Vi farei guardare gli occhi, che mi spaccano il cuore in mille pezzi, di chi ha paura di non farcela.. gli occhi che piangono dietro quelle maschere.
Vi farei guardare i volti sfregiati dalle maschere troppo strette...
vi farei stringere quelle mani e vi vorrei far provare tutto quello che provo, mentre sussurrano:
- “aiutami ti prego”
-“ quanto mi rimane?”
-“preferisco morire”
E più di tutto vi farei provare l’IMPOTENZA.. perché ad un certo punto nessun tentativo vale più, non funziona più nulla... e rimaniamo lì ad aspettare la fine...prendendocene cura fino all’ultimo battito e respiro...
VORREI che iniziaste a provare compassione per i familiari di queste persone, che vorrebbero rivedere, anche solo per un secondo, il proprio caro, per una carezza, per una parola di conforto...
VORREI che iniziaste ad avere compassione e a pensare che potrebbe trovarsi vostro padre, vostra madre, vostro fratello, vostro nonno o un caro amico, proprio lì al loro posto.
Avrei tante altre cose da dire e forse un giorno, vi racconteremo realmente dei nostri stati d’animo, della nostra stanchezza e della nostra IMMENSA forza... ma non importa, per questo c’è tempo.
Adesso,
vorrei solo che iniziaste a CREDERCI davvero, perché il COVID non aspetta, arriva e stravolge.
Vi chiedo di smetterla di sottovalutare, perché questo virus esiste davvero ed è SUBDOLO.
Vi chiedo, con il cuore in mano, di aiutarci.. rispettando semplicemente le regole.

Video
play button

Juve Stabia - La soddisfazione di mister Padalino per i 3 punti di Bisceglie

Le parole del tecnico delle vespe al termine del match che hanno regalato 3 punti importanti ai gialloblù.

27/02/2021
share
play button

Pompei - Reperto straordinario emerso integro dallo scavo di Civita Giuliana

27/02/2021
share
play button

Campania - Covid, De Luca: «Situazione grave, chiudiamo le scuole»

26/02/2021
share
play button

Juve Stabia - Padalino carica l'ambiente, a Bisceglie per i 3 punti

26/02/2021
share
Tutti i video >
Cronaca







Mostra altre


keyboard_arrow_upTORNA SU
Seguici