mercoledì 12 dicembre 2018 - Aggiornato alle 20:04
Gori spa
StabiaChannel.it
Gori spa
Cronaca

Castellammare - San Leonardo, Fsi piccata: «Ospedale in caduta libera, nessun miglioramento»


Continua il tiro alla fune tra i sindacti di categoria.

pavidas

Se per alcuni l'ospedale San Leonardo di Castellammare è un gioiello, altri preferiscono evidenziare una realtà che pare davvero diversa. È il caso ad esempio della sigla sindacale Fsi Usae, che tramite il segretario provinciale Antonio Cascone ha voluto replicare a quanto affermato ieri dal portavoce Fials Gennaro Iovino sui miglioramenti del nosocomio stabiese sotto la guida dell'ex direttore sanitario Savio Marziani.

«Saremmo curiosi di chiedere a lavoratori ed utenti un parere in merito - ha ironizzato Cascone a StabiaChannel.it -. Parliamo di un ospedale in caduta libera, letteralmente morto nel pomeriggio. Dopo le 14 sono praticamente chiusi i reparti di ortopedia, neurologia, urologia, oculistica, e otorino. Tra i servizi manca addirittura quello del trasporto infermi o dell'emodinamica».

Non solo, secondo il parere di Fsi a risultare fatiscente è la stessa struttura: «Non funzionano nemmeno gli ascensori, gli spogliatoi sono angusti e umidi - ci spiega -, per non parlare poi dei bagni». Le carenze maggiori in ogni caso sono sempre quelle che interessano il numero degli effettivi: «Quello del personale è un problema a 360º, assieme al sovraffollamento dell'utenza (attestata annualmente attorno alle 600mila unità, ndr) tutto questo contribuisce all'assenza di un reale protocollo contro le malattie infettive, o anche per trattare i codici rosa, quelli inerenti a violenze o maltrattamenti su donne e bambini.


I pazienti sono infatti spesso ammassati nel pronto soccorso per ore prima di prendere una direzione specifica».

E a proposito di pronto soccorso, quello pediatrico, malgrado l'atto aziendale dell'Asl Napoli 3 Sud che lo ha reso operativo lo scorso 31 maggio, continua ad essere 'attivo' solo sulla carta. «Non è ancora funzionante, genitori e bambini sono quindi costretto ad affrontare l'odissea del ps canonico, con attese lunghe ed evitabili, dal momento che avremmo a disposizione i mezzi per offrire un servizio più adeguato e diretto».

L'ultimo disagio ha riguardato poi il macchinario delle Tac, fuori uso da due giorni. L'imbarazzante disservizio ha fatto sì che alcune ambulanze, a seconda dei casi specifici, venissero dirottate verso Torre del Greco o Boscotrecase. Per non parlare del conseguente caos - se mai ce ne fosse bisogno - innescato al pronto soccorso. «Dove altri vedono un gioiello - conclude Cascone - noi vediamo quindi un ospedale in piena crisi, con operatori sotto numeri, sfiniti ed esausti».


news San Leonardo, Gennaro Iovino difende il direttore Marziani: «Con lui grandi passi in avanti»

news Eventi natalizi, Sint, Terme, rifiuti: il sindaco Cimmino replica alle critiche

domenica 18 novembre 2018 - 08:16 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Cronaca


Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO


Archivio Notizie

Seleziona il mese