martedì 25 febbraio 2020 - Aggiornato alle 09:33
bcp
StabiaChannel.it
bcp
Cronaca

Castellammare - Lo strano caso delle sparizioni di intere colonie feline. La denuncia dell'A.D.D.A.


«Dall'ex colonia ferrovieri scomparsi oltre 40 gatti. Ed il fenomeno è in continua crescita».

pavidas
   Immagine di repertorio non collegata alla notizia

«Negli ultimi mesi si stanno verificando nuovamente, in numerose aree del territorio stabiese ma in realtà dell’intero comprensorio, improvvise e non motivate sparizioni in massa di gatti viventi in libertà». E' questa la denuncia lanciata dall'A.D.D.A., l'associazione in difesa dei diritti degli animali che opera prevalentamente a Castellammare di Stabia e presieduta da Rosaria Boccacini.

«Stiamo parlando di intere colonie feline presenti in diverse aree - dicono - , in alcuni casi anche distanti tra loro, dove mancano all’appello decine e decine di poveri gatti il cui destino è tutt’ora ignoto. Animali che, all’improvviso, curiosamente spariscono nel nulla e/o vengono indebitamenti prelevati. In particolare, già dal mese di agosto 2019 si è verificato il prelievo, non autorizzato dall’Asl competente, di vari felini viventi in libertà nell’area della ex colonia dei ferrovieri: un gruppo di gatti esistente da circa un trentennio e costantemente accudito da diverse persone e la cui presenza era nota e simpaticamente apprezzata dai tanti bagnanti, pescatori e corridori che sono soliti frequentare in ogni periodo dell’anno quell’area. Abbiamo notizie certe che, proprio a partire dall’estate scorsa, sedicenti animalisti hanno cominciato a prelevare, senza alcuna autorizzazione e in dispregio delle Leggi esistenti, diversi felini tra adulti e micini. Di questi gatti, stanziali e strategici per l’equilibrio igienico-sanitario della zona, lasciata da tempo (come del resto tante altre zone della Città) all’incuria e al degrado, si sono perse, inesorabilmente, le tracce. Animali conosciuti ad uno ad uno da chi li accudiva giornaliermente o li andava a trovare periodicamente». 

M non è tutto. «Dopo questi accadimenti, l’A.D.D.A. - prosegue la nota stampa dell'associazione - ha deciso di monitorare con ancora maggiore attenzione le varie colonie feline e, comunque, i numerosi gruppi di gatti viventi in libertà in particolare a Castellammare di Stabia. Da ciò è emersa una sconcertante realtà che ci fa affermare, con assoluta certezza, che molti di questi gruppi e colonie feline sono stati letteralmente decimati se non totalmente annullati in tempo brevissimi (in alcuni casi anche nell’arco delle 24 ore), perché presi da sconosciuti senza autorizzazione alcuna e senza che di loro si sappia di quanto sia potuto accadere».




Secondo l'ADDA, con riferimento al gruppo felino della Ex Colonia dei Ferrovieri «nel corso degli approfondimenti è emersa anche la allarmante dinamica che, nel periodo di fine novembre 2019, un gruppo composto da 4-5 uomini di nazionalità italiana, munito di “gabbie-trappola” e di 2 grandi furgoni, ha catturato, portandoli via, una quarantina di gatti. A questa scena ha assistito un testimone, solito frequentatore dell’area e conoscitore dei felini, il quale, notando la stranezza della situazione, nel chiedere informazioni circa lo strano prelievo riceveva prima risposte del tipo “operiamo su incarico dell’ASL …”, salvo poi ricevere minacce alla richiesta di maggiori informazioni. Dopo questi furti il gruppo dei felini della ex Colonia dei Ferrovieri è stato ridotto da 50 a 15 elementi. Altre sparizioni negli ultimi mesi e in grandissimo numero sono avvenute in diversi punti sui boschi di Quisisana, dove ormai si contano solo una decina di gatti sui 40 circa preesistenti».

«Un fenomeno - spiega l'ADDA - , quello dell’indebito prelievo di animali dai territori, che riguarda costantemente gatti e, come già più volte ribadito, cani. Cani di cui, tra l’altro, registriamo periodicamente le “improvvise” nuove apparizioni, a seguito di presumibili abbandoni, ma anche di coscienti e strumentali spostamenti da zona a zona e contestuali (nel giro di poche ore o giorni) improvvise sparizioni (spesso dopo le solite e non sempre opportune segnalazioni / condivisioni “social” di rito). Per il bene di quegli animali che ancora restano liberi, ricordando che sono tutelati dalla legge, intendiamo segnalare ai Cittadini, oltre che alle Autorità competenti, la gravità di questi episodi, invitandoli, laddove si dovessero imbattere in soggetti che si offrano di prelevare questo o quell’altro gatto/cane per “farlo curare” e/o sottrarlo a presunti e fantomatici rischi che comporterebbe la vita in libertà, a diffidare di costoro, anche qualora li ritengano insospettabili per motivi certi o presunti, poiché potrebbero scoprire, e con sgomento, che il loro destino rimarrà quasi certamente ignoto e non sarà stato, nella stragrande maggioranza dei casi, felice e piacevole».



Castellammare - Lo strano caso delle sparizioni di intere colonie feline. La denuncia dell'A.D.D.A.

mercoledì 22 gennaio 2020 - 08:40 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Cronaca


Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO