venerdì 20 settembre 2019 - Aggiornato alle 22:36
farmacia san carlo
StabiaChannel.it
farmacia san carlo
Cronaca

Castellammare - Lite domestica, 73enne stabiese ucciso dal figlio in Abruzzo


Giovanni Di Martino è deceduto a seguito di una colluttazione con il figlio 45enne. I suoi legali: «Omicidio preterintenzionale».

pavidas

La tragedia si è consumata nel week end a 300 chilometri di distanza, ma ha coinvolto inevitabilmente anche Castellammare. La città piange in questi giorni la scomparsa di Giovanni Di Martino, 73 anni, stabiese emigrato per motivi lavorativi prima in Svizzera e poi in provincia di Pescara, dove viveva con la moglie e il figlio 45enne Giuseppe. Proprio quest'ultimo si sarebbe reso protagonista della lite domestica che ha portato, a suo dire per motivi accidentali, alla morte del padre. Sulla dinamica dell'accaduto, tuttavia, stanno provando a far luce gli investigatori, non convinti della ricostruzione dei fatti.

Sulla scorta di questi dubbi, gli avvocati della famiglia del signor Giovanni, i legali Libera Cesino e Nino Longobardi, hanno paventato con forza l'ipotesi dell'omicidio preterintenzionale. Stando a quanto raccontato dalla madre, la quale avrebbe traslocato per andare a vivere con il figlio appena la mattina dopo, il marito si sarebbe reso protagonista venerdì notte di un'aggressione ai suoi danni che avrebbe poi visto l'intervento di Giuseppe. Poi lo scivolone del 73enne, fortuito, ma sufficiente a fargli battere violentemente il capo contro il tavolo. Una ferita fatale che ha portato poche ore dopo al suo decesso in ospedale.

«Non ci sono gli elementi per credere a questa versione - spiega a Stabia Channel la nota avvocatessa stabiese Libera Cesino -. Giovanni non era un uomo violento, anzi, esistono denunce che testimoniano le continue vessazioni fisiche subite dal figlio, una delle quali l'anno scorso ha addirittura richiesto una prognosi di 50 giorni». Dissidi in famiglia, probabilmente per motivi economici: «Il 45enne era solito chiedere prestiti al padre, c'è motivo di credere che mirasse al suo patrimonio accumulato nel corso degli anni.


 Il perito di parte che ha assistito all'autopsia ha certificato che le ferite sono multiple e non compatibili con una semplice caduta».

Resta poi il giallo sul trasporto in ospedale, avvenuto senza avvalersi dell'ambulanza, ma caricando l'anziano su un'automobile. «E' una circostanza inusuale, domani la Scientifica effettuerà esami più approfonditi sul veicolo e sull'abitazione della famiglia Di Martino - puntualizza la Cesino -, siamo fiduciosi che questi nuovi accertamenti possano aiutare gli investigatori a ricostruire con maggiore precisione quanto successo quella notte». Nel frattempo i legali hanno chiesto e ottenuto il dissequestro della salma, che già domani sarà nella 'sua' Castellammare per i funerali.

Nel frattempo il figlio Giuseppe, attualmente in carcere, ha risposto ieri alle domande degli inquirenti nell'interrogatorio di garanzia. Al momento l'ipotesi di reato a suo carico è di omicidio colposo, in attesa di eventuali nuovi aggiornamenti che potrebbero cambiare le carte in tavola. Proprio in queste ore, come ribadito, l'uomo si sarebbe dovuto trasferire in una nuova abitazione con la madre, la quale nella disputa familiare si sarebbe apertamente schierata al fianco del figlio. Anche questi elementi contribuiscono ad alimentare le perplessità degli investigatori sul racconto fornito in prima istanza dalla donna.



Castellammare - Lite domestica, 73enne stabiese ucciso dal figlio in Abruzzo

martedì 18 giugno 2019 - 13:50 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Cronaca


Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO