StabiaChannel.it

Politica & Lavoro

Castellammare - Elezioni Forum dei Giovani nel caos, Serrapica: «Lista con figli di politici, il PD ha imposto Fontanella»

«Dopo la mia battaglia mediatica, hanno pensato di chiamare alcuni rappresentanti di istituto per fargli firmare un documento fatto da loro. Alcune scuole non hanno proprio firmato. Mentre loro hanno prvoato in questo modo a legittimare le elezioni».

di Mauro De Riso

Non si placano le polemiche in merito alle elezioni del Forum dei Giovani. Elezioni che, a conti fatti, saranno un pro forma, in quanto a partecipare sarà una sola lista, Youth Lab, che esprime al suo interno i 25 consiglieri a sostegno del presidente Catello Fontanella. I più accaniti nel sostenere l'iniquità delle procedure adottate sono i giovani di Agenda Social, movimento giovanile presieduto da Girolamo Serrapica. «L'amministrazione comunale ha concesso diverse proroghe per assecondare la proposta di modifica del regolamento, ma la problematica politica consiste nel fatto che il Forum dei Giovani in tre anni non è riuscito a combinare nulla né ad avvicinare i ragazzi. - spiega Girolamo Serrapica, presidente di Agenda Social - Alle ultime riunioni erano presenti in pochi e spesso per ottenere la maggioranza il presidente del Forum era costretto a chiamare i consiglieri per l'approvazione di qualche progetto. L'assemblea del Forum non ha mai partecipato attivamente in città e così la maggioranza ha capito che era difficile riportare a votare più di mille ragazzi. Per questo, si è valutata l'idea di fare una sola lista con i vecchi eletti per dare continuità. Solo Stabia Channel ha informato le persone che le elezioni del Forum dei Giovani sarebbero state effettuate il 18 marzo. Ho protocollato, pertanto una richiesta di incontro con Pannullo, che mi ha accolto e mi ha assicurato che i giovani sarebbero stati coinvolti, circostanza che poi non si è verificata. Ho chiesto poi di incontrare il commissario, ma i tempi erano troppo stretti e venerdì scorso è stata presentata la lista.

Dal mio punto di vista, sussistono due problematiche serie: la concomitanza con la campagna elettorale e il rischio che il politico grande finisca per camminare a braccetto con il piccolo. La lista è composta perlopiù da figli e parenti di politici. Il PD ha imposto la candidatura di Fontanella». Ma perché tutto questo interesse politico intorno al Forum dei Giovani? Serrapica prova a spiegarlo. «Il Forum ha partecipato ad un bando europeo per l'assegnazione di 110mila euro. Non è riuscito ad aggiudicarselo ma questo la dice lunga. - sottolinea il presidente di Agenda Social - Siamo stati tacciati di non essere in grado di fare una lista, ma noi abbiamo fatto presente che la città, eccetto i parenti dei politici, non era informata. Nessuno sapeva cosa fosse il Forum. A queste condizioni non potevamo accettare. La fretta non c'era, manca un assessore alle politiche giovanili, specie dopo tante proroghe. Dopo la mia battaglia mediatica, hanno pensato di chiamare alcuni rappresentanti di istituto per fargli firmare un documento fatto da loro. Alcune scuole non hanno proprio firmato. Mentre loro hanno prvoato in questo modo a legittimare le elezioni. Frankie Aiello, tra l'altro, aveva chiesto un incontro per discutere in merito alla possibilità di presentare una candidatura opposta a quella di Catello Fontanella. Non gli è stato permesso di leggere il programma perché il PD aveva costretto i suoi ragazzi ad appoggiare Fontanella. Tutti i presenti, senza ascoltare i programmi, hanno sostenuto Fontanella, gli assenti lo hanno persino appoggiato per telefono».


domenica 18 febbraio 2018 - 11:51 | © RIPRODUZIONE RISERVATA | data stampa: 23/06/2018