StabiaChannel.it

Cronaca

Gragnano - Ragazze squillo sui social: il giro di prostituzione si allarga verso Castellammare e Pompei

Le ragazze squillo avrebbero un’età compresa tra i 20 e i 30 anni. La tecnica dell’adescamento è semplice: aprono un profilo fake sui social e aspettano, tramite il più classico dei “passavoce”, le richieste d’amicizia di potenziali clienti

Si allarga la vicenda legata alle ragazze squillo sui social. Dopo le segnalazioni dei giorni scorsi, relative alla presenza di profili ideati da ragazze residenti nei comuni dei monti Lattari, con l’intento di adescare uomini per sesso in cambio di soldi, giungono nuovi particolari. Il giro si sarebbe infatti allargato a Castellammare e a Pompei. E’ proprio da qui, infatti, che arriverebbero diversi clienti soprattutto nelle ore serali. Una vicenda che andrebbe avanti ormai da mesi e che soltanto nei giorni scorsi, grazie a delle segnalazioni anonime giunte alle forze dell’ordine, sarebbe stata portata alla luce. Le ragazze squillo avrebbero un’età compresa tra i 20 e i 30 anni. La tecnica dell’adescamento è semplice: aprono un profilo fake sui social e aspettano, tramite il più classico dei “passavoce”, le richieste d’amicizia di potenziali clienti.

A quel punto comincia la trattativa, magari dopo lo scambio di foto. E le tariffe sarebbero comprese tra i 30 e i 100 euro. Incontri che avverrebbero proprio a Gragnano, nelle ore notturne, in vari posti. In un primo momento il business sembrava circoscritto all’area dei monti Lattari. Ma con il trascorrere dei giorni l’eco si sarebbe esteso fino a Castellammare e, perfino, a Pompei. Proprio dalla città stabiese, infatti, arriverebbero numerosi clienti per le giovani squillo di Gragnano. Parallelamente a questo aspetto, proseguono le indagini dei carabinieri sulla presenza di giovani rumene nei pressi del cimitero cittadino. Anche in questo caso, gli inquirenti sospettano un giro di prostituzione. Nei giorni scorsi sono state allontanate 6 ragazze rumene, tra i 18 e i 25 anni.


sabato 17 febbraio 2018 - 15:41 | © RIPRODUZIONE RISERVATA | data stampa: 23/07/2018