StabiaChannel.it

Cronaca

Castellammare - Si costituisce Francesco Solimene, boss di Moscarella. Era latitante da sette mesi

Ha deciso di consegnarsi al carcere di Frosinone. Le forze dell'ordine lo avevano ormai braccato ed erano pronte per arrestarlo

di Gennaro Esposito

Ha deciso di consegnarsi dopo sette mesi di latitanza, in giro per il Lazio. Sentendosi braccato dalle forze dell'ordine, il boss di Moscarella, Francesco Solimene, ha deciso di consegnarsi al carcere di Frosinone dove al momento è detenuto. Dovrà scontare un residuo di pena di ben otto anni per la condanna ricevuta nell'ambito dell'inchiesta Easy Mail. Il ras è accusato di estorsione e detenzione di armi da fuoco. Aveva dato inizio alla sua latitanza il mese di giugno scorso quando la Corte di Cassazione confermò la condanna chegli era stata inflitta in primo grado.

Era stato, invece, scarcerato pochi mesi prima. Nel quartiere di Moscarella, dopo il ritorno a casa di Solimene, alcuni familiari e uomini vicini ai clan, lo accolsero con una festa e con fuochi d'artificio. Per lui, però, si riaprono le porte del carcere per scontare la pena nei prossimi otto anni. L'inchiesta Easy Mail comportò l'arresto di ben 17 affiliati al clan Cesarano di Ponte Persica. Venne condotta nel 2013 dai carabinieri della Compagnia di Castellammare coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia.


sabato 27 gennaio 2018 - 09:51 | © RIPRODUZIONE RISERVATA | data stampa: 21/09/2018