StabiaChannel.it

Politica & Lavoro

Pimonte - La politica divide la famiglia Palummo

Antonio passa al centrosinistra. Il figlio del sindaco aderisce a L'Italia Popolare. «L’ho fatto perché amo la politica».

La politica divide tutti, a Pimonte anche le famiglie. E’ il caso dei Palummo dove Antonio, figlio del sindaco Michele, ha deciso di aderire a L’Italia Popolare del centrosinistra renziano. Questo mentre tutti sanno che Michele Palummo è uno storico berlusconiano. Una scelta che sta facendo molto discutere in città anche perché Antonio è stato seguito nella sua scelta da diversi altri esponenti politici del territorio. Tra questi i consiglieri Baldassarre Durazzo, Ferdinando Gargiulo, Vincenzo Coticelli e il presidente del consiglio comunale Lucia Somma.

“L’ho fatto perché amo la politica – afferma Antonio Palummo – intesa come tutela del bene comune, ma soprattutto per provare a dare una risposta concreta alle esigenze del comune in cui vivo e che amo profondamente. Si tratta di una scelta coraggiosa – continua – perché viviamo in una fase storica in cui i cittadini sono ormai disillusi rispetto alla capacità della politica di fornire risposte concrete. Il nostro compito sarà quello di far riavvicinare il cittadino alle istituzioni, e dare voce a chi non ne ha più”. Questa la versione ufficiale di Palummo junior. Anche se, a dire il vero, in paese circola ben altra versione sulla “folgorazione del figlio del sindaco” sulla strada del renzismo. Secondo i ben informati, infatti, Palummo junior non avrebbe fatto altro che manifestare la sua vicinanza a Biagio Iacolare, l’ex consigliere regionale demitiano doc, tra i fondatori di L’Italia è popolare.

Insomma, più che un progetto politico, dietro questa scelta ci sarebbe un’amicizia personale. Ed è proprio questo che avrebbe fatto andare su tutte le furie l’ala forzista della maggioranza. Tanto è vero che, tra le varie ipotesi in campo, non manca quella di una richiesta di verifica politica a Palummo, che potrebbe arrivare subito dopo il 4 marzo. Anche perché, paradossalmente, il gruppo di maggioranza che alle Politiche seguirà Palummo junior voterà (almeno all’uninominale) insieme ai rappresentanti del Pd pimontese, da sempre ostili alle politiche dell’amministrazione. “La mia è stata una scelta strettamente personale – continua Antonio Palummo – da libero cittadino, che non riguarda affatto né mio padre né il gruppo consiliare Pimonte Libera. Per lo sviluppo di Pimonte sono disposto a dialogare con chiunque voglia portare avanti programmi chiari, concreti e lungimiranti nell’esclusivo interesse della comunità. Sono sicuro che l’amministrazione continuerà ad operare serenamente per il bene del paese, così come ha fatto sino ad oggi”.


venerdì 19 gennaio 2018 - 08:22 | © RIPRODUZIONE RISERVATA | data stampa: 20/07/2018