StabiaChannel.it

Sport

Potenza corsaro, il Gragnano regge solo un tempo

Determinante l'espulsione di Gatto nella ripresa con conseguente calcio di rigore in favore degli ospiti

di Francesco Fusco

Soltanto nella ripresa la capolista Potenza riesce a piegare un volenteroso Gragnano (1-3) al San Michele. Determinante l’episodio verificatosi al 50’, quando l’arbitro Giordano concede un rigore ai lucani per fallo di mano di Gatto in area, con la conseguente espulsione per il trequartista gialloblù. E’ l’inizio della fine per il Gragnano, che nel primo tempo aveva messo sotto i più quotati rossoblu, concludendo la frazione in vantaggio grazie al gol di Mansour al 28’. Nella ripresa, dopo il pari siglato su penalty da Franca (50’) si assiste ad un’altra gara. Un match che, con tutta evidenza, è stato condizionato dalla scelta del direttore di gara, che lascia in 10 il team allenato da Rosario Campana, a sua volta espulso a un quarto d’ora dal termine per proteste.

Il Potenza così porta a compimento la rimonta al 63’, con un colpo di testa del bomber Siclari, e mette la partita in ghiaccio all’88’ con il gol di De Senso. Oltre all’episodio del rigore, ha fatto discutere non poco l’arbitraggio di Monaco, soprattutto per la gestione dei cartellini gialli. Ma non c’è tempo per recriminare. Da domani il Gragnano dovrà prepararsi alla prossima, difficile, trasferta in programma domenica prossima sul campo del Cerignola, altra pretendente al salto di categoria in Lega Pro. Prima della gara sono stati ricordati, anche attraverso uno striscione, Angelo Cesarano e Ciro Mascolo, due giovani gragnanesi tragicamente scomparsi nei giorni scorsi.


domenica 14 gennaio 2018 - 17:57 | © RIPRODUZIONE RISERVATA | data stampa: 10/12/2018