StabiaChannel.it

Cronaca

Pompei - Al via l'operazione 'Via col vento' dei vigili: già denunciate 50 strutture fuorilegge

Negli scorsi giorni, i caschi bianchi hanno iniziato il controllo di tutte le autorizzazioni concesse negli scorsi mesi per quanto riguarda l’installazione temporanea di manufatti presso attività commerciali di tutta la città degli scavi.

di Danilo De Gennaro

Prende piede una nuova operazione del nucleo investigativo della polizia edilizia. Si tratta di “Via col vento” (così come è stato denominato dagli uomini supervisionati dal tenente Fontanella). Negli scorsi giorni, i caschi bianchi hanno iniziato il controllo di tutte le autorizzazioni concesse negli scorsi mesi per quanto riguarda l’installazione temporanea di manufatti presso attività commerciali di tutta la città degli scavi. Si tratta, più precisamente di manufatti amovibili che hanno validità di circa 90 giorni, con possibilità di eventuale proroga. Si contano oltre 50 manufatti amovibili su tutto il territorio cittadino. Alcuni di questi sono stati già rimossi, ed altri sono già in diffida. Si tratta, nella fattispecie, di estensioni di attività di esercizi pubblici in tutta Pompei, con particolare attenzione alla zona archeologica che, forse è quella più interessata dal fenomeno in questione.

Pompei, nonostante tutto, resta un territorio difficile dal punto di vista urbanistico anche nel 2017. Un campo minato dove bisogna fare attenzione non solo all’abuso, ma anche all’intento di commettere gli abusi di ogni genere. Il 2016 è stato un anno particolare sotto questo punto di vista. Lo sa bene il comandante Petrocelli, come anche il suo vice, tenente Ferdinando Fontanella, che gestisce il nucleo investigativo della polizia edilizia. Un nucleo formato da poche unità. Ma nonostante questa carenza di personale, i dati parlando di un impegno costante, continuo e senza tregua. Una cosa che, da un lato, rende fieri. Ma, dall’altro, preoccupa. Il mattone selvaggio in città aumenta a dismisura. Le due operazioni (Uragano e Via col Vento) fanno già pensare a numeri da record soltanto nel mese di gennaio.


sabato 21 gennaio 2017 - 19:12 | © RIPRODUZIONE RISERVATA | data stampa: 22/09/2017