StabiaChannel.it

Politica & Lavoro

Castellammare - PD alla resa dei conti. Intanto Coppola, Cascone e i riformisti vanno alla convention di Campania Libera

Nicola Corrado chiede di abbassare i toni tra le varie correnti del partito, Andrea Di Martino spinge per la candidatura unitaria. Il sindaco Antonio Pannullo diserta la convention dei fedelissimi di De Luca, mentre si arricchisce il quadro politico in città...

di Giancarlo Esposito

Si avvicina il momento dei nuovi tesseramenti nel PD stabiese e cresce l'attesa per conoscere gli equilibri che andranno a costituirsi all'interno del Partito Democratico, afflitto dalle controversie che stanno sfaldando l'ultimo baluardo di quella sinistra che ha fatto epoca nella Città delle Acque. Da Officina Democratica arriva un invito ad abbassare i toni, rivolto alle varie correnti. «La comunità del Pd stabiese è a rischio estinzione - commenta Nicola Corrado, ex assessore e dirigente provinciale -. Bisogna quanto prima mettere da parte tutti i rancori e ritrovare la capacità di interessarsi concretamente ai problemi della città». Non si è fatta attendere la replica da parte dell’area democrat dell’amministrazione comunale. «Il futuro del partito non deve essere scollegato all’attività amministrativa - afferma il vicesindaco Andrea Di Martino -. Dobbiamo tutti rimboccarci le maniche e lavorare innanzitutto perché al prossimo congresso si possa finalmente ritornare a parlare di politica. Le guerre tra bande non ci interessano e ci batteremo per arrivare all’assemblea congressuale con una candidatura unitaria, in grado di rimettere in moto una comunità politica che può e deve ancora dare tanto alla città». Intanto il sindaco Antonio Pannullo non ha partecipato, ieri sera, alla convention di Campania Libera organizzata ad Afragola dai fedelissimi del governatore Vincenzo De Luca. Una scelta che testimonia la vicinanza allo zoccolo duro del PD. Ha destato curiosità, invece, la presenza di numerosi esponenti della vita politica stabiese, a partire da Antonio Coppola, primo dei non eletti in Stabia Popolare, escluso dalla giunta Pannullo per favorire il nipote di Eutalia Esposito.

Scontata la presenza del consigliere comunale Ciro Cascone e dell'assessore all'Ambiente Francesco Balestrieri, fedelissimi di De Luca, mentre Costantino Aitra e Nello Cuomo, esponenti dell'area riformista del PD, stanno valutando l'ipotesi di unirsi a Campania Libera, qualora dovesse assumere i crismi di una vera e propria corrente politica. Il quadro politico stabiese, intanto, si amplia con l'ingresso sulla scena del coordinamento “Noi con Salvini”, il cui principale esponente è Catello D'Oriano, figlio di Tommaso, candidato al consiglio comunale alle amministrative con Gaetano Cimmino. «Noi Con Salvini deve rappresentare necessariamente un punto di riferimento importante, attraverso una propria visione - spiegano i rappresentanti attraverso i social -. Oggi è tempo di scelte decisive per il futuro di Castellammare di Stabia, tra mille difficoltà deve trovare la forza di reagire attraverso politiche sociali che aiutino ogni singolo stabiese a superare le difficoltà quotidiane. Crediamo che questa città abbia bisogno dell’intelligenza di tutti, ma è impensabile non continuare ad avere una visione di città e siamo convinti che le politiche di destra che Noi con Salvini propone, siano l'unica alternativa per ridare sicurezza, speranza e dignità ad un territorio troppe volte maltrattato dalle bugie della mala politica che nel tempo ha rovinato un territorio straordinario. Convinti che la gente di questa meravigliosa terra - oggi triste - possa ritornare a sognare noi ci impegneremo fino in fondo nel costruire a livello territoriale e nazionale una valida alternativa per combattere chi non vuole il bene del popolo e del proprio territorio».


martedì 17 gennaio 2017 - 16:27 | © RIPRODUZIONE RISERVATA | data stampa: 25/02/2017