martedì 18 settembre 2018 - Aggiornato alle 23:36
dginformatica
StabiaChannel.it
dginformatica
Redazione

L’addio di Aniello Estero. La mia testimonianza

pavidas
   Aniello Estero

                                                                                                                     Ciao, Aniello!

La notizia, inaspettata e dolorosa, mi è pervenuta , via Internet, nella tarda serata del tre Febbraio, l’altro ieri.

La Fede, dopo  l’istintivo e fallace rifiuto della realtà,  mi ha spinto verso il mio credo che è questo: “ quando ha fine la nostra vita in terra ne comincia un’altra senza fine in Dio “.

Assunto nel quale sono riposti la vitale risorsa del conforto e il misterioso ausilio della rassegnazione che, mitigando il dolore e senza poter mai colmare il vuoto che si crea intorno a chi rimane sulla terra,  aiutano a riprendere e a continuare il cammino verso il futuro.

Questo,  per i familiari, il mio pensiero; come partecipe del loro dolore e come amico, più in vista nel passato che nel presente, di Aniello.

Amicizia  che mi porta a rivivere  il tempo delle competizioni politiche; il tempo in cui il mio impegno per la difesa e per l’affermazione dei valori socialisti, secondo il dettato Turatiano e l’umanesimo nenniano, ebbe un prezioso punto di forza nel rapporto con un uomo animato dagli stessi ideali: Aniello Estero.




Un uomo che nel Partito e nel Sindacato; nelle Istituzioni e nella Società è rimasto sempre se stesso, senza cedere nulla di sé:  anche quando, a dirla con Nenni, si è trovato ad occupare le stanze dei bottoni, per lavorarvi  servendo e non per essere servito.

Negato alla esteriorità e alla loquacità, gli piaceva scrivere, e lo faceva cedendo la parola ai fatti e portandomi, così. ad affermare che la sua amicizia è stato e rimane un privilegio concessomi dalla vita.

Lo dico e lo ribadisco andando con il pensiero alla serata in cui, l’anno scorso, dopo una lunga e silenziosa pausa, sorseggiando il buon caffè di casa mia insieme ad altri amici, fummo portati a rivederci, In maniera romantica e non nostalgica, nel tempo in cui, rivestendo io la carica di Sindaco, veniva da me e si affacciava dal balcone di Palazzo Farnese per guardare la Città.

Lo sguardo sull’orizzonte e il pensiero sulle problematiche che riassumeva per manifestarle e  trattarne le ipotesi risolutive.

Concludo così la stretta sintesi di un pezzo di Storia: la Storia di Castellammare di Stabia, segnata da un’orma incancellabile: la tua, Aniello!    

5 Febbraio 2018                                                                       Flavio di Martino         

news Addio ad Aniello Estero, una vita dedicata all'attività sindacale e all'impegno politico


Gli ultimi articoli di Redazione

lunedì 5 febbraio 2018 - 21:31 | © RIPRODUZIONE RISERVATA



Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi alfa forma Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi alfa forma Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO


Archivio Notizie

Seleziona il mese