sabato 19 agosto 2017 - Aggiornato alle 17:21
adraporte
StabiaChannel.it
adra
Napoli Calcio

Empoli-Napoli 2-3. Insigne e Mertens chiudono la gara nel primo tempo, poi il Napoli controlla con qualche brivido fino alla fine

pavidas

Il Napoli va visita al “Castellani” nel lunch-match per sfatare un tabù che vede gli azzurri mai vittoriosi ad Empoli in 6 precedenti nella massima serie. 2 vittorie e 4 pareggi il bilancio a favore dei toscani, che nell’ultimo incontro datato 13/09/2015 sono andati vicinissimi ai 3 punti con Insigne ed Allan a rimontare l’iniziale vantaggio firmato Saponara prima e Pucciarelli poi, per il definitivo 2-2 finale. I numeri fanno pendere la bilancia a favore dell’ex Maurizio Sarri, al di là dei 38 punti che separano le due squadre, in lotta per obiettivi diametralmente opposti. Il Napoli ha vinto le ultime 4 partite lontano dal San Paolo, e ben 6 delle ultime 7, con l’unica macchia in questo cammino impetuoso giunta prima della sosta natalizia al “Franchi” contro la Fiorentina. 27 punti in 13 gare esterne: nessuno come i partenopei in trasferta, che vantano il miglior attacco (65 reti) al cospetto della squadra meno prolifica tra le 5 migliori leghe europee con soltanto 15 centri al proprio attivo. La squadra  guidata da Martusciello arriva alla gara in un momento delicatissimo: 5 sconfitte di fila (con una sola rete realizzata nell’1-2 alla Lazio), con un margine per ora rassicurante di 7 punti sulla zona retrocessione.

Parte a ritmi lenti il Napoli, ed al 2’ un sanguinoso retropassaggio di Hamsik libera El Kaddouri a tu per tu con Reina, che esce con perfetto tempismo salvando una potenziale minaccia. Al 6’ calcio di rigore per il Napoli: Jorginho vince un contrasto con Diousse, palla a Callejon che brucia Costa costretto a stenderlo sulla linea che delimita l’area di rigore. Dal dischetto si presenta Mertens, conclusione centrale, Skorupski già proteso verso destra riesce ad allungare il piedone respingendo la sfera: Jorginho irrompe per il tap-in di testa senza trovare la porta. Al 13’ magia di Callejon, destro-sinistro in una frazione di secondo a mettere fuori tempo un difensore, lancio per Hamsik che in acrobazia sfiora l’incrocio dei pali. Al 20’ gli azzurri passano meritatamente in vantaggio. Cross dalla sinistra di Ghoulam, Costa allontana di testa tra i piedi di Insigne, che controlla per poi calciare nell’angolino basso alla destra di Skorupski. Passano soltanto 3 giri di lancette e la squadra guidata da Maurizio Sarri trova il raddoppio. Croce abbatte Callejon, con l’ex Real Madrid che si guadagna un calcio di punizione dai 25 metri leggermente spostato sulla destra. Sul pallone va Mertens: destro chirurgico che va a togliere le ragnatele dal sette alla sinistra dell’estremo difensore empolese. Al 37’ il Napoli mette in ghiaccio il match. Insigne allarga sulla destra verso Callejon, che con una finta di corpo manda al bar Pasqual, costretto ad affondarlo per evitare che il fuoriclasse s’involi verso la porta. Rigore solare che Damato di Barletta non può esimersi dal fischiare.


Mertens e Insigne si guardano, e stavolta dagli 11 metri parte lo scugnizzo di Frattamaggiore: Skorupski intuisce, battezzando l’angolo giusto alla propria destra, ma la conclusione è potente e precisa terminando la propria corsa in fondo al sacco. Al 39’ l’Empoli prova a mettere la testa fuori dal guscio con un gran destro dal limite dell’area che scheggia il palo alla destra di Reina.

In avvio di ripresa, sugli sviluppi di un corner, Croce allarga per Bellusci anticipato da Reina in uscita alta. Al 52’ Insigne chiude una triangolazione con Mertens, lancio teso sul palo lungo per il destro al volo di Callejon che esce di un nulla alla destra di Skorupski. Poco dopo El Kaddouri trova Thiam, che con una mezza girata rischia di beffare l’estremo difensore partenopeo. Quindi è ancora l’ex El Kaddouri a farsi strada in progressione lungo l’out destro, palla al centro per Thiam, che ruba il tempo ad Albiol e spara un siluro che trova i sempre puntuali guantoni di Reina. A sopresa, l’Empoli trova al minuto 70 la rete che riapre la gare. Calcio piazzato del solito El Kaddouri, la barriera si apre e Reina vede soltanto all’ultimo momento la traiettoria del pallone che si insacca facendo esultare il numeroso pubblico del Castellani. Dopo una conclusione dalla distanza di Callejon, l’ennesimo calo di tensione del Napoli permette ai padroni di casa di andare nuovamente a segno. Lungo lancio di Costa, Krunic si incunea tra Chiriches e Ghoulam, con quest’ultimo che con una trattenuta induce il direttore di gara a fischiare la massima punizione: dal dischetto Maccarone spiazza Reina e fa 2-3. Il Napoli accusa il colpo e rischia ancora su una conclusione da distanza ravvicinata di Maccarone contrata in corner. Nei minuti finali Maurizio Sarri fa sentire tutta la propria rabbia, i calciatori ritrovano tranquillità e conducono la gara in porto senza ulteriori preoccupazioni

EMPOLI-NAPOLI 2-3


Reti: 20’ pt Insigne (N), 23’ pt Mertens (N), 37’ pt Insigne rig. (N), 25’ st El Kaddouri (E), 37’ st Maccarone rig. (E)

EMPOLI (4-3-1-2): Skorupski; Laurini, Bellusci, Costa, Pasqual; Krunic, Dioussé (23’ st Mauri), Croce (41’ st Dimarco); El Kaddouri; Thiam, Pucciarelli (22’ st Maccarone).
All.: Martusciello

 

NAPOLI(4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Chiriches, Ghoulam; Allan, Jorginho (17’ st Diawara), Hamsik; Callejon, Mertens (38’ st Milik), Insigne (32’ st Giaccherini). All.: Sarri


Arbitro: Damato di Barletta.

Note: Ammoniti: Costa (E), Jorginho (N), Diousse (E), Callejon (N), Mauri (E), Hysaj (N), Albiol (N).  Corner: 2-1. Recupero: 2’ pt, 4’ st

 

foto Empoli - Napoli 2-3, i momenti più belli del match


domenica 19 marzo 2017 - 14:39 | © RIPRODUZIONE RISERVATA



Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi alfa forma
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi alfa forma
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO