martedì 25 aprile 2017 - Aggiornato alle 14:05
bcp
StabiaChannel.it
bcp
Juve Stabia

Cosenza - Juve Stabia 2-4. Vespe da 110. È di nuovo festa gialloblù!

Con le doppiette di Lisi e Kanoutè, la Juve Stabia torna al successo. Buona la prima per Carboni.

pavidas

Allo stadio “San Vito”, l' avvio di gara piuttosto blando e senza troppi sussulti da parte delle due squadre viene acceso dall' improvvisa fiammata di Lisi che, al 29', caccia dal cilindro un grandissimo tiro a giro di destro che non lascia a Perina il tempo di replicare. Il portiere dei Lupi viene messo a sedere anche tre minuti dopo dalla bella azione di Cutolo che disegna un cross perfetto per la testa di kanoutè che, sul secondo palo, insacca alle spalle dell'estremo difensore la rete del 2-0.
La ripresa è da cardiopalma. Al 3' Kanoutè semina panico sulla destra e deposita in rete il goal del 3-0 che non decreta la chiusura del match. In soli tredici minuti, infatti, Baclet trafigge Russo riaprendo letteralmente la partita, ma al 36' Lisi con una grandiosa azione personale cala il poker con un goal pazzesco all'incrocio dei pali.

Per festeggiare i 110 anni di storia della Juve Stabia e anche il suo esordio sulla panchina gialloblù, Guido Carboni schiera i suoi in campo con un 4-3-3, con Russo tra i pali, Camigliano, Morero e Santacroce nella linea difensiva, alle spalle del quintetto di centrocampo formato da Cancellotti, Matute, Capodaglio, Izzillo e Lisi, con Kanoutè e Cutolo in attacco.
Di contro mister De Angelis risponde con gli stessi protagonisti della vittoria contro l' Andria, fatto salvo per Corsi sostituito da D' Orazio, affidando al tridente d'attacco Letizia, Statella e Baclet il compito di trafiggere la difesa avversaria.
Il calcio di inizio del match, ritardato di 15 minuti in segno di solidarietà per i calciatori aggrediti nelle scorse settimane, viene battuto dal Cosenza ma la Juve Stabia recupera subito palla con Camigliano che la scambia con Capodaglio, da questi a Matute ma il centrocampista viene pescato al di là della linea difensiva rossoblù.
Al 7' il Cosenza imbastisce una bella azione da centrocampo con D'Orazio che prende d'imbucata Cancellotti ma Matute ruba la sfera e cerca Cutolo che, dalla sinistra, prova il tiro verso la porta. La sua conclusione, però, non è di quelle sperate.
Bella giocata del numero 8 stabiese che, in questi primi minuti, sta mostrando piuttosto bene le sue qualità tecniche.
Di nuovo alla conclusione gli ospiti con Lisi che, all' 11', prova uno spiovente dalla distanza ma il pallone termina in prossimità della bandierina, lontana dalla rete difesa da Perina.
La Juve Stabia cerca di giocare palla con i centrali di centrocampo, in particolare con Izzillo che va centralmente per Cutolo ma l'attaccante viene fermato da Mungo e fa ripartire i suoi.
Al 16' è il Cosenza a farsi vedere in avanti con Statella che taglia il campo in velocità ma Capodaglio ferma la cavalcata dell'avversario in maniera fallosa. Il direttore di gara lo grazia e fischia la sola punizione.
Dopo venti minuti di gioco ambo le squadre non si espongono troppo e studiano ancora il modo in cui poter prendere le misure all'avversario.
Al 23' è ancora l'attaccante rossoblù Statella a provarci, ma la sua conclusione viene chiusa in corner. Ritorna, così, in equilibrio il conto degli angoli a favore delle due compagini.
Insistono i padroni di casa con Caccetta che piazza in mezzo un cross basso abbastanza velenoso ma Santacroce riesce chiudere seppur con qualche affanno.
All' azione del numero 8 rossoblù risponde Izzillo che con un' azione personale giunge al limite dell'area e sfodera un sinistro che, però, non crea troppi problemi a Perina.
Al 29' si infiamma lo stadio “San Vito”: Lisi con gran tiro a giro di destro insacca all' incrocio dei pali la rete del vantaggio per le Vespe.
Settima rete stagione per l'esterno stabiese che ritorna ad esultare dopo quasi tre mesi, dal goal del 1-2 contro il Melfi prima della sosta invernale.
Galvanizzate le Vespe che con un' azione in velocità, dopo solo tre minuti, calano anche il raddoppio. Al 32', infatti, Capodaglio dà la palla in velocità per Cutolo che, di prima, disegna un traversone perfetto per la testa di Kanoutè. Da solo sul secondo palo, l' attaccante non sbaglia e mette a segno il 2-0, il quarto centro personale in questo campionato.
Uno – due terrificante della Juve Stabia che sembra essere diversa da quella vista nelle ultime uscite e in 180'' mette in discesa la gara.

Doccia fredda per il Cosenza che cerca di reagire al doppio svantaggio prima con Blondett poi con Calamai ma in entrambe le occasioni la sfera sfiora di poco la porta difesa da Russo.
Segna assegnare alcun minuto di recupero, il Signor Daniele Viotti manda tutti a ricaricare le batterie.
Dagli spogliatoi, rientrano in campo gli stessi undici nelle fila stabiesi mentre per i Lupi Corsi prende il posto di D'Anna nella linea difensiva.
La Juve Stabia ricomincia sugli stessi ritmi con cui aveva finito la prima frazione di gioco: al 3' Cutolo fornisce un assist a centrocampo per Kanoutè, che scappa via sulla destra, sfugge a qualsiasi avversario compreso Perina e deposita la rete del 3-0. Doppietta personale per l' attaccante giallobù che sale a quota 5 in campionato.
Mister De Angelis gioca anche il suo secondo cambio, mandando in campo Cavallaro al posto di Caccetta, per un Cosenza a trazione anteriore.
Il neo entrato diviene subito protagonista dell'azione che porta il Cosenza al goal. Al 10' , infatti, Cavallaro serve Statella che fa da sponda per Baclet, che di testa sul secondo palo accorcia le distanze.
Riprendono coraggio i padroni di casa che si rendono ancora pericolosi con Mungo, ma Russo fa buona guardia. L'estremo difensore stabiese è chiamato all'intervento anche sulla deviazione del suo compagno di squadra Camigliano che, nel voler chiudere in angolo un cross avversario, sfiora il palo e l'autogoal.
Al quarto d' ora della ripresa, i due allenatori danno vita ad una girandola di cambi per entrambe le formazioni. Giron e Manari subentrano rispettivamente a Camigliano e all'autore delle due reti Kanoutè, mentre per i Lupi Mendicino rileva Letizia.
I ritmi di gara si accendono: al 21' Cutolo prova a mantenere il doppio vantaggio con un sinistro dalla distanza ma la sua conclusione termina alta sopra la traversa. Sul cambio di fronte, Statella serve Mungo sulla destra di centrocampo che, giunto al limite dell'area, permette a Baclet di concretizzare il goal del 2-3.
Doppietta personale per l'attaccante rossoblù che, in soli 13', apre i conti di una partita
che sembrava essere indirizzata tranquillamente verso la cassaforte stabiese.
Il Cosenza continua ad attaccare e a rendersi pericoloso in qualsiasi modo mentre la Juve Stabia non riesce più ad uscire dalla sua metà campo.
Intanto Carboni si gioca il tutto per tutto con l'ultimo cambio a disposizione: dentro Mastalli, fuori Cutolo.
Alla mezz'ora Lisi ci prova con un' azione personale ma il suo destro non trova la gloria sperata. Gloria che, invece, esplode al 36' quando lo stesso Lisi ruba palla a Tedeschi sulla trequarti campo, sgroppa in solitaria ed entrato in area batte Perina con un pazzesco tiro a giro di destro che si ferma all'incrocio dei pali.
Doppietta anche per il numero 23 stabiese che, in tal modo, cala il poker per le Vespe.
Dopo 5' minuti di recupero, il direttore di gara fischia la fine di un match che ha visto la Juve Stabia ritornare alla vittoria dopo il successo sulla Vibonese dello scorso 18 Febbraio.
Buona la prima per mister Carboni. Finisce la striscia di tre risultati ultili consecutivi per il Cosenza.

TABELLINO

COSENZA (4-3-3): Perina; D'Anna (1' s.t. Corsi) , Tedeschi, Blondett, D'Orazio; Caccetta (9' s.t. Cavallaro), Mungo, Calamai; Letizia (15' s.t. Mendicino), Statella, Baclet. All. Stefano De Angelis
(A disp.: Saracco, Meroni, Madrigali, Capece, Criaco, Ranieri, Calamai)

JUVE STABIA (3-5-2): Russo; Camigliano (15' s.t Giron) , Morero, Santacroce; Cancellotti, Matute, Capodaglio, Izzillo, Kanoute’ (19' s.t. Manari); Cutolo (26' s.t. Mastalli), Lisi. All. Guido Carboni.
(A disp.: Bacci, Tabaglio, Allievi, Esposito, Salvi, Liviero, Rosafio)

ARBITRO: Daniele Viotti di Tivoli

ASSISTENTI: Domenico Lacalamita di Bari e Giuseppe Antonacci di Barletta

MARCATORI: 29'pt e 36'st Lisi (JS), 32'pt e 3'st Kanoute (JS), 10'st e 23'st Baclet (C)

AMMONITI: Cancellotti, Lisi, Morero (JS)

CORNER: 4-2

NOTE: 0' rec. p.t., 5' rec. s.t.

news Le PAGELLE di Cosenza-Juve Stabia. Kanoute e Lisi devastanti! Russo riscatta il periodo nero

video Cosenza - Juve Stabia 2 a 4. Vespe ritornano corsare


domenica 19 marzo 2017 - 16:45 | © RIPRODUZIONE RISERVATA



Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi alfa forma
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi alfa forma
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO