giovedì 23 febbraio 2017 - Aggiornato alle 19:13
dginformatica
StabiaChannel.it
dg informatica
Cronaca

Pompei - Chiude l'Invidia, la lettera social del proprietario che commuove il web

Vincent Smaldone: "Si dice che le battaglie vanno combattute. Noi, la nostra con le istituzioni palesemente contro, l'abbiamo persa. Ma non abbiamo perso noi con la chiusura dell'Invidia. Ha perso questa città sempre meno consapevole e senza appartenenza".

pavidas

Commercio sempre più in crisi a Pompei. E’ una storia triste e allo stesso tempo anche tormentata quella del locale di via Colle San Bartolomeo, “Invidia”. Una di quelle che lasciano sempre quell’amaro in bocca ed anche un filo di scoraggiamento. Una storia lunga e difficile, ma “fatta anche di tante soddisfazioni”, come sottolinea uno dei tre proprietari del locale che, in molti (forse troppi) casi è stato messo alle strette dalle rigide misure anti-movida della città degli scavi, talvolta subendo anche "pressioni" non di poco conto. Basti vedere il numero di sanzioni per “disturbo della quiete pubblica” e “schiamazzi notturni” ricevute. La lettera social di Vincent Smaldone (uno dei tre proprietari del locale), commuove il web e da il via alla cascata di commenti solidali e di contrasto alle istituzioni della città. Ecco di seguito la lettera:

"Sono stati tre anni intensi, tre anni che sembrano esserne venti. Questo è un lavoro complicato, strano, difficile, bellissimo, estenuante,stimolante, non lo so, le emozioni sono contrastanti non facili da gestire, almeno per ora. Ho conosciuto persone fantastiche con una voglia di vivere incredibile, ricche di quella umanità oggi difficile da trovare e auguro a tutti coloro ai quali voglio bene di avere questa opportunità.

Vi ringrazio perchè mi sento cresciuto, migliorato, consapevole ed è anche merito vostro. La Musica, poi, non potrò mai farne a meno, sarà per me parte predominante della mia vita così come ogni forma artistica e culturale. Si dice che le battaglie vanno combattute. Noi, la nostra con le istituzioni palesemente contro, l'abbiamo persa. Ma non abbiamo perso noi con la chiusura dell'Invidia, ha perso questa città sempre meno consapevole e senza appartenenza, una città composta da piccole caste di paese rappresentate da "omini" con ambizioni politiche ai quali leccare il culo per risolvere un problema. Lascio ad altri questa insana capacità. La movida di questo paese è e sarà nelle mani di pochi. Vedrete ! (perdonate lo sfogo su cose negative). Sono felice di aver vinto su una cosa, che all'inizio sembrava impossibile, ed era quella di far capire a tutti che l'Invidia era di tutti. Eh si, l'hanno capito. All'Invidia l'abito non fa il Monaco. La libertà individuale è fondamentale se vuoi conoscere. Vorrei dire tante altre cose ma ve le dirò di persona, chi mi conosce sa quanto mi piace confrontarmi guardando negli occhi le persone. Ci si vede in giro. Vi voglio bene.
Vincent."


mercoledì 4 gennaio 2017 - 10:05 | © RIPRODUZIONE RISERVATA



Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi alfa forma
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi alfa forma
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO