martedì 25 febbraio 2020 - Aggiornato alle 09:33
bcp
StabiaChannel.it
bcp
Cronaca

Castellammare - Processo Olimpo, il caso della bomba all'esterno del Sole 365 anima il processo


A piazzare l'ordigno furono i Cesarano per ordine di Luigi Di Martino. Intanto Adolfo Greco resta in carcere: bocciata la richiesta di scarcerazione

pavidas

Si anima il processo Olimpo con l'udienza del rito ordinario andata in scena ieri pomeriggio. Il caso della bomba piazzata all'esterno del supermercato Sole 365 in via Pietro Carrese ha dominato la scena con gli inquirenti che hanno illustrato nel dettaglio le modalità con le quali è stato organizzato il raid. In primis l'ordigno è stato posizionato dai Cesarano per ordine di Luigi Di Martino o' profeta. Quest'ultimo voleva incutere terrore alla famiglia Apuzzo costringendola a pagare ed accettare l'aumento del pizzo che lui aveva imposto. Anche se il locale si trovava all'interno del territorio dei D'Alessandro, il raid fu comunque portato a termine. Gli inquirenti hanno infatti reso noto il patto che era stato stretto fra le due cosche che permetteva di organizzare simili attentati alle proprie vittime anche se queste avevano l'attività in un quartiere non sotto il proprio controllo. Il tutto dimostra come i clan di Castellammare, dal 2009 in poi, abbiano messo la parola fine alla guerra e si siano divisi a tavolino l'intera città.


 

E dell'attentato del Sole 365 ne ha dovuto rispondere anche Adolfo Greco. L'imprenditore del latte, come emerso dalle intercettazioni, fu poi contattato dal proprietario della catena per ottenere dei consigli e capire il da farsi. Greco, però, come spiegato dagli agenti della Squadra Mobile, non ha mai denunciato le richieste estorsive e neanche quando altri commercianti si rivolgevano a lui per confidarsi. Ma per la difesa l'imprenditore è solo una vittima e non ha nulla a che vedere con la camorra stabiese. Intanto la sua posizione resta ancora da decifrare. Nel corso del processo Olimpo è stata acquisita anche l'ordinanza notificata a Greco per la questione relativa al latte e ai Casalesi. Per questo motivo è stata bocciata la richiesta di scarcerazione per motivi di salute tanto che l'imprenditore resterà nella casa circondiariale di Poggioreale.



Castellammare - Processo Olimpo, il caso della bomba all'esterno del Sole 365 anima il processo

mercoledì 22 gennaio 2020 - 14:12 | © RIPRODUZIONE RISERVATA

Gli ultimi articoli di Cronaca


Sponsor
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
dg informatica adra bcp poldino Berna farmacia san carlo auto somma somma point nemesi Rionero Caffè
Futura Costruzioni srl Erboristeria Il Quadrifoglio ScuolaLex
 
StabiaChannel.it

I PIÚ LETTI DEL GIORNO